Smaltita la carcassa di tartaruga arenatasi alla foce del Genica

di 

22 agosto 2017

PESARO – Si è conclusa la vicenda relativa al ritrovamento di una grossa carcassa di tartaruga marina della specie caretta-caretta, probabilmente la più ingombrante rinvenuta sin d’ora, del peso di circa 75 chilogrammi, restituita dal mare nei pressi dei bagni 33 (Bagni Ciro) sul litorale di Pesaro.

Sin dalla mattina del 21 agosto la Guardia Costiera di Pesaro si è adoperata per definire la procedura finalizzata allo smaltimento, che passa attraverso l’intervento del C.R.A.S., le verifiche del Servizio Veterinario A.S.U.R. nonché il supporto dell’Amministrazione Comunale tramite il concessionario del servizio rifiuti per il prelievo ed il successivo conferimento.

La procedura è stata attivata immediatamente dalla Guardia Costiera, che ha risposto prontamente alle numerose segnalazioni pervenute dai fruitori della spiaggia e che ha pure provveduto, nelle more del prelievo avvenuto alle prime luci dell’alba del 22 – per la necessità di utilizzare un mezzo meccanico adeguato, a ricoprire temporaneamente l’esemplare con mezzi di fortuna ed a segnalarlo per evitare inconvenienti di sorta.

Sabato 26 agosto la Guardia Costiera procederà al rilascio in mare aperto di un esemplare di tartaruga caretta-caretta curata dalla Fondazione Cetacea di Riccione. Alle ore 10 in Baia Flaminia gli esperti della Fondazione Cetacea illustreranno l’ecologia della tartaruga, le sue problematiche di conservazione e le attività di cura, riabilitazione e reintroduzione in natura degli esemplari in difficoltà recuperati sulle coste adriatiche. A seguire si procederà all’ultima fase del rilascio con i mezzi della Guardia Costiera di Pesaro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>