Volley Pesaro, è in arrivo Yas Nizetich: “Vengo con tanti sogni: si raggiungono se lavori instancabilmente”

di 

26 agosto 2017

Paula Yamila Nizetich alla partenza dall’aeroporto di Cordoba

Paula Yamila Nizetich alla partenza dall’aeroporto di Cordoba

PESARO – Mentre le compagne s’allenavano nel PalaSnoopy, Paula Yamila Nizetich, detta Yas, s’accingeva a prendere posto nell’aereo che dall’aeroporto Ingeniero Aeronautico Ambrosio L.V. Taravella di Cordoba l’ha portata a quello di Buenos Aires Ezeiza, da dove, alle ore 22,45 locali, è decollato il volo AR 1140 diretto a Roma Fiumicino, con orario d’arrivo previsto alle ore 17.35. Nel momento in cui scriviamo, l’Airbus A330 ha appena attraversato l’oceano Atlantico e raggiunto la costa africana, esattamente quella del Senegal, sorvolando Dakar.

Yas Nizetich è una nuova giocatrice del Volley Pesaro e non vede l’ora di arrivare in città, conoscere le nuove compagne e iniziare la preparazione, che purtroppo dovrà interrompere per tornare in Argentina e partecipare alle qualificazioni ai Campionati Mondiali (2018 in Giappone), in programma dall’11 al 15 ottobre, in palio un solo posto, visto che l’altro se lo è aggiudicato il Brasile che ha vinto il Campionato Sudamericano concluso domenica scorsa. L’Argentina, che era presente ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, confida di qualificarsi. Yas, che è il capitano de “las panteras”, sarà obbligatoriamente assente nel debutto stagionale in programma il 15 ottobre a Osimo, quando Pesaro sarà ospite di Filottrano.

Ad attendere nell’aeroporto di Roma Fiumicino l’infaticabile Leo Giulianelli che accompagnerà a Pesaro la giocatrice argentina che ha salutato così gli amici: “Pequeños sueños… Rumbo a Italia!”; piccoli sogni diretta in Italia. anche il saluto in Instagram… E poi ha aggiunto: “Te aseguro che todo llega si trabajas incansablemente por tus sueños.. Ho me toca uno mas… rumbo a Italia”: Ti assicuro che tutto si raggiunge se si lavora instancabilmente per i proprio sogni. Oggi ne ho uno in più… diretta in Italia!!

Yas è molto amata, non solo in Argentina. Lo sarà anche a Pesaro, perché gli sportivi di un paese che ci è caro, dove vivono tante comunità marchigiane, a incominciare da Sant’Angelo in Vado, hanno una qualità che li rende unici: danno l’anima per la propria squadra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>