Arrestato il senegalese ‘Tyson’. Giro di vite nello spaccio di stupefacenti fra Parco delle Rimembranze e Miralfiore

di 

11 settembre 2017

foto 1PESARO – La Polizia di Pesaro, ha arrestato per spaccio di stupefacenti un cittadino senegalese di 39 anni (D.M. le sue iniziali) irregolare sul territorio nazionale e già noto alle forze dell’ordine. Un arresto arrivato dopo un settembre di costante escalation di interventi nell’ambito dei reati per stupefacenti.

Nelle ultime settimane infatti la Squadra Mobile aveva ulteriormente monitorato alcuni luoghi del centro città, emersi alla ribalta della cronaca in quanto luoghi di spaccio, in molti casi gestito da extracomunitari. Fra questi il Parco Miralfiore ed il Parco delle Rimembranze di fronte la locale stazione degli autobus.

Qui già nella serata del 4 settembre, gli agenti della Squadra Mobile avevano tratto in arresto un pluripregiudicato, di origini pakistane, diventato italiano al compimento della maggiore età e trovato in possesso di 10 grammi di eroina, sorpreso nella flagranza del reato di spaccio all’interno del citato Parco delle Rimembranze. L’arresto dell’uomo veniva poi convalidato dall’Autorità Giudiziaria, che ne disponeva la custodia cautelare in carcere.

In un diverso ambito lo scorso mercoledì 6 settembre, è stato tratto in arresto anche un giovane pesarese, trovato in possesso, al rientro dalla vicina Romagna, di 50 grammi di cocaina. Lo stesso ragazzo, incensurato, veniva condannato il giorno successivo a un anno e mesi quattro con pena sospesa.

Nella giornata di venerdì 8 la Squadra Mobile è invece intervenuta a seguito del ricovero d’urgenza di un uomo in Pronto Soccorso per overdose da oppiacei. Gli immediati accertamenti hanno accreditato l’ipotesi che la dose di eroina che aveva causato il malore fosse stata da acquistata proprio all’interno del Parco delle Rimembranze.

Conseguentemente sono stati predisposti mirati servizi di monitoraggio ed appostamento, allo scopo di identificare il soggetto che aveva ceduto la dose di eroina. In tale contesto gli agenti  notavano nell’adiacente via Montegrappa un giovane di colore, intento ad alzare una fioriera in cemento per prelevare un involucro in cellophane, li occultato. Accortosi della presenza degli agenti ha tentato di darsi alla fuga, venendo però prontamente bloccato. L’involucro, recuperato dai poliziotti, risultava contenere 15 “stecche” di hashish, del peso di una ventina di grammi, 7 dosi di marijuana del peso di una decina di grammi e una dose di eroina. La successiva perquisizione personale ha poi portava al rinvenimento e sequestro della somma di 100 euro, ritenuta provento dello spaccio. Identificato  come il cittadino senegalese D. M., di 39 anni, è stato arrestato e trasferito presso la Casa Circondariale.

Oggi il Gip del Tribunale di Pesaro ha convalidava l’arresto con custodia cautelare in carcere. L’ulteriore attività di indagine permetteva inoltre di accertare che l’uomo era conosciuto nell’ambiente con lo pseudonimo di “Tyson”, sia per la vaga somiglianza con il noto campione di boxe, sia per la sua indole violenta. A conferma di questa ultima circostanza anche il precedente di resistenza che nel 2014 oppose ad una pattuglia dei locali Carabinieri in occasione di un altro arresto, sempre per detenzione ai fini di spaccio.

L’arresto ha consentito di bloccare l’attività criminale di uno spacciatore, diventato un punto di riferimento per i tossicodipendenti locali, assuntori di qualsiasi tipologia di droga. Tyson infatti risultava aveva avere disponibilità di hashish, marijuana e eroina ed essere, pertanto, capace di soddisfare qualsiasi richiesta gli venisse formulata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>