Il sindaco Ricci sui banchi del primo giorno di scuola. Manutenzioni in corso in 21 strutture

di 

15 settembre 2017

PESARO – Ventuno cantieri attivati durante l’estate su nidi, materne, elementari e medie, che hanno coinvolto una trentina di ditte: «Lavori su manutenzioni e consolidamento dei cementi ammalorati, per un investimento complessivo di 350mila euro», dice il sindaco Matteo Ricci. Che in mattinata, nel saluto a docenti e alunni per il primo giorno di scuola, con gli assessori Enzo Belloni e Giuliana Ceccarelli fa la spola tra una serie di istituti interessati dagli interventi. Dalla Leopardi alla Carducci, passando per Olivieri e Pirandello.

Scuola elementare di via Fermi: «Sistemazione dei cementi armati ammalorati e dei bagni. Oltre alla tinteggiatura esterna delle aree interessate dai lavori, che si concluderà tra pochi giorni. Investimento di 50mila euro».

Scuola dell’infanzia statale in via Nitti (in precedenza situata in via Salandra): «Sistemazione interna dei locali per l’adattamento alla materna. Importo di 80mila euro».

Scuola elementare e dell’infanzia di via Boni: «Intervento sui cementi armati ammalorati e nel giardino sul retro. Completamento dei lavori in corso per la sistemazione del muro esterno entro 15 giorni. Investimento di 75mila euro».

Elementare Carducci: «Sistemazione dei bagni al primo piano (con il contributo della ditta Marinelli, che il sindaco ringrazia, ndr), tinteggiatura dell’androne e sostituzione degli infissi per 60mila euro di lavori».

Altri interventi, tra l’altro, su nido di Vismara, materna comunale di Colombarone, materna statale di via Rigoni, materna statale in via Togliatti, elementare di via Nanterre e media Galilei.  Si proseguirà con il consolidamento dei cementi armati ammalorati in altre strutture: «Da qui alla fine dell’anno l’investimento totale salirà a circa 600mila euro», osserva Belloni.

Mentre i lavori per la nuova scuola di via Lamarmora, conclude il sindaco, «partiranno entro la fine dell’anno. Abbiamo previsto anche 180mila euro per i controlli sulla tenuta sismica degli edifici. Sulle scuole resta sempre tanto da fare, ma negli ultimi due anni abbiamo investito diversi milioni e sistemato parecchi problemi. E le emergenze più grandi sono rientrate. Andremo avanti».

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>