Aumenta l’inflazione anche sui beni alimentari: come affrontare il caro prezzi

di 

3 ottobre 2017

generi alimentariL’aumento dei costi causa sempre alcuni effetti collaterali sui mercati, in primis l’inflazione: un fenomeno che oggi investe l’Italia, soprattutto a causa dell’aumento dei costi di produzione dei beni energetici (+4,3%). Ma va sottolineato che l’inflazione sta colpendo anche il settore dei beni alimentari, anche se in misura ridotta (+0,1% su base mensile e +0,6% su base annuale). Una percentuale che, se applicata alle spese alimentari delle famiglie, dimostra di non essere minima: i consumi, infatti, possono portare dei costi che per alcuni potrebbero essere difficili da sostenere. Ed è in situazioni come queste che emerge un imperativo: imparare come risparmiare sull’acquisto dei beni alimentari.

 

Risparmiare iscrivendosi ai programmi fedeltà

I programmi fedeltà sono un ottimo sistema per risparmiare sulla spesa alimentare. Questo perché diventando soci di un certo supermercato si ha l’opportunità di accedere a sconti e promozioni altrimenti non raggiungibili in situazioni normali. Ma quali sono i vantaggi portati dalle carte fedeltà? Intanto gli sconti. Informandosi prima sulle promozioni, infatti, è possibile pianificare la spesa sul lungo periodo risparmiando tanto denaro. Inoltre, grazie ad una carta socio si può anche accedere ad una lista regali, basata sui punti collezionati acquistando al supermercato. Ad esempio programmi fedeltà come quello della Coop consentono di accedere allo sconto in fase di spesa, oltre che ad alcune facilitazioni su altri servizi, come la benzina e le tariffe luce e gas.

 

Eliminare gli sprechi superflui

Un bilancio familiare conforme alla volontà di risparmiare non può non basarsi sulla riduzione degli sprechi alimentari. Per esempio, molti ignorano che la fame sia spesso uno stimolo nervoso: basta fare porzioni più piccole per rendersi conto che lo stomaco si sazia comunque. Poi ciò che rimane dal pasto non deve essere mai buttato: esistono diverse ricette che consentono di utilizzare il cibo avanzato dalla tavola. Altri consigli utili? Trasformare la spesa in un’operazione intelligente: se le liste cartacee sono spesso foglietti svolazzanti dimenticati in giro per casa, le app al contrario sono sempre lì. In altre parole, esistono applicazioni utilissime per segnare gli alimenti da comprare, per evitare acquisti superflui.

 

Sfruttare al meglio gli alimenti acquistati

Le verdure, che non dovrebbero mai mancare nella dieta di un risparmiatore, possono diventare ulteriore veicolo di economia. Come? Acquistandole a cassette, insieme alla frutta. Così facendo si risparmia, soprattutto quando fatto in chiusura del punto vendita. In generale, gli alimenti vegetali costano meno di quelli confezionati e sono ovviamente più sani, oltre a saziare di più, il che significa che diventano anche un potenziale snack pomeridiano genuino e low cost. Infine, ricorrere alle verdure non significa sacrificare il proprio menu: le ricette colorate e gustose a base di alimenti vegetali sono centinaia, perfette per qualsiasi esigenza.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>