Stefanelli subito espulso, una buonissima Vis perde 1-0 a Rimini e viene eliminata dalla Coppa Italia

di 

4 ottobre 2017

RIMINI – Gianmarco Stefanelli rimedia un cartellino rosso dopo appena 14 minuti e vizia irrimediabilmente il mercoledì di Coppa Italia della Vis Pesaro. Esulta il Rimini che vince 1-0 una partita in cui segna un gol tirando appena un paio di volte verso la porta vissina. La Vis, nonostante l’inferiorità numerica, ha la forza morale di schiacciare all’indietro il Rimini, ma non basta a trovare il premio di un pareggio che sarebbe stato strameritato. Questa l’estrema sintesi di un derby col Rimini che, torna dopo dodici anni e, nonostante le restrizioni che limitano l’afflusso dei pesaresi al Romeo Neri, si gioca davanti a oltre 800 spettatori.

Partita giocata con un turnover massiccio, ma non integrale in entrambe le formazioni. La Vis lancia il recuperato Ridolfi dal primo minuto e viene schierato sulla fascia sinistra dell’attacco. Prima assoluta anche per l’ex Primavera del Milan De Piano schierato davanti alla difesa. Ritrovano una maglia da titolare anche Stefanelli, Rossoni, Rossi e Cruz. Ritorno all’antico invece con Paoli arretrato in difesa in coppia con Cacioli.

Partita con 14 minuti frizzanti che franano quando Stefanelli temporeggia al rinvio Ambrosini va in pressing su e gli prende la caviglia e Stefanelli reclamo invano il fallo. L’arbitro che, evidentemente, sente qualche parola di troppo non solo non concede il fallo, ma estrae il cartellino rosso nei confronti del portiere vissino. Stupore generale che diventa sconsiderato scatto d’ira del portiere di San Costanza. Servono tre compagni di squadra per trattenerlo dalla sua voglia di scagliarsi sull’arbitro.

Espulsione (e inferiorità numerica) che manda al macero tante indicazioni tattiche per la Vis. Compresa ridurre il ritorno di Ridolfi ad un’esibizione di un quarto d’ora. E si passa dalla padella alla brace quando di lì a poco Viti si inventa un gol con una strana “trivela” mancina. La Vis ha bisogno di qualche scossa di assestamento per sistemarsi e, dopo che Cruz conclude il primo tempo scheggiando una traversa (con deviazione del portiere) dalla distanza, nel secondo tempo si gioca a una porta. Ed è quella del Rimini. Con la Vis che ha una reazione furente all’inferiorità numerica, schiaccia all’indietro gli avversari, ma gli manca sempre la zampata giusta in mezzo a sistematiche mischie nell’area romagnola. Eloquente il dato dei 9 angoli a 0. Passa il Rimini che ai 16esimi di finale affronterà il Matelica che ha avuto la meglio della Jesina.

 

RIMINI – VIS PESARO 1-0

RIMINI (3-4-2-1): Cavalli; Giua, Valeriani, Brighi (32’st Mazzavillani); D’Addario, Variola (16’st Arlotti), Pasquini (34’pt Righini), Viti (6’st Guiebre); Dormi, Di Stefano; Ambrosini (12’st Protino). All. Muccioli

VIS PESARO (4-3-3): Stefanelli; Rossoni, Cacioli, Paoli, Calzola (33’st Boccioletti); Bellini, De Piano (17’st Bortoletti), Rossi; Baldazzi (33’st Olcese), Cruz (40’st Bartomioli), Ridolfi (16’pt Cappuccini). All. Riolfo

Arbitro: Pascariello di Lecce

Reti: 24’pt Viti

Note: espulso Stefanelli 14’pt. Ammoniti Ridolfi, D’Addario, Valeriani, Protino, Righini. Calci d’angolo: 9-0 per la Vis Pesaro. Recuperi: 2’ + 5’. Spettatori: 850 circa (692 i paganti)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>