Magnini sotto la lente dell’antidoping per l’inchiesta pesarese sul nutrizionista Porcellini

di 

6 ottobre 2017

Filippo Magnini

Filippo Magnini

PESARO – Il campionissimo pesarese Filippo Magnini e il nuotatore Michele Santucci risulterebbero indagati dalla Procura antidoping di Nado Italia sulla base degli atti dell’inchiesta della Procura della Repubblica di Pesaro nei confronti del medico nutrizionista Guido Porcellini. E’ quanto pubblicato in un articolo odierno di www.gazzetta.it

La Nado contesterebbe a Magnini la violazione del codice Wada degli art.2.2 (uso o tentato uso di sostanze dopanti) e 2.9 (favoreggiamento). Per Santucci la violazione è relativa soltanto all’art. 2.2.

I due nuotatori azzurri saranno ascoltati dalla Procura Nado nei prossimi giorni.

L’indagine si ricollegherebbe all’inchiesta conclusa a marzo dai pm di Pesaro, Monica Garulli e Valeria Cigliola che avevano chiesto il rinvio a giudizio del nutrizionista Guido Porcellini e del dirigente di rugby, Antonio Maria De Grandis, indagati per commercio di prodotti dopanti, falso, ricettazione e uso di medicinali guasti, sostanze provenienti dalla Cina.

All’epoca dell’inchiesta pesarese su Magnini non c’erano prove e la sua posizione fu archiviata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>