Il vicepresidente di Assofarm Luca Pieri dona assegno da 63mila euro all’Università di Camerino

di 

6 ottobre 2017

davCAMERINO – Da Assofarm 63 mila euro all’Università di Camerino. Questa mattina è stato il vicepresidente dell’associazione nazionale delle farmacie comunali Luca Pieri, insieme al presidente Venanzio Gizzi, a donare al Rettore dell’Ateneo di Camerino Claudio Pettinari l’assegno con la donazione che andrà a finanziare il ripristino e la messa in sicurezza dei laboratori necessari per le attività didattiche degli studenti della Scuola di Scienza del Farmaco e dei prodotti della Salute. Alla conferenza hanno partecipato tra gli altri l’assessore regionale alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti, il commissario speciale per la Ricostruzione Paola De Micheli, il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui e l’ex Rettore Flavio Corradini.

“Siamo davvero molto grati ad Assofarm ed, in particolare, al vicepresidente Pieri per la vicinanza e il sostegno al nostro Ateneo – spiega il Rettore dell’Università di Camerino Claudio Pettinari – Abbiamo deciso di destinare questa donazione al ripristino e alla messa in sicurezza dei laboratori necessari per le attività didattiche degli studenti della Scuola di Scienze del Farmaco. Abbiamo inoltre in animo di attivare un polo per l’innovazione e la ricerca al cui interno posizioneremo un laboratorio didattico per gli studenti dei corsi di laurea in Farmacia e Chimica e degli spazi comuni per macchinari di ultima generazione”.

“Questa è una delle varie iniziative che Assofarm ha predisposto a sostegno delle popolazioni terremotate – spiega Luca Pieri, presidente Aspes (soggetto gestore delle Farmacie comunali di Pesaro ndr), nominato nei mesi scorsi vicepresidente di Assofarm – Abbiamo deciso di non disperdere la nostra donazione in tanti rivoli ma di concentrarla su un contributo che, a nostro avviso, può contribuire a rilanciare il tessuto socio-economico del territorio. L’Università di Camerino è un’eccellenza delle Marche ed è da qui che è giusto ripartire. Spero che questa iniziativa sia foriera di future sinergie tra l’Università di Camerino, in particolare la facoltà di Farmacia e Assofarm”.

“Abbiamo accolto il suggerimento del vicepresidente Pieri e con entusiasmo abbiamo promosso questa iniziativa – spiega il presidente di Assofarm Venanzio Gizzi – Le farmacie comunali non sono più solo distributrici di farmaci e noi, all’interno del sistema sanitario, vogliamo valorizzare il ruolo della farmacia e del farmacista anche in un’ottica di monitoraggio e presa in carico del paziente. Proprio in funzione di questo ruolo del futuro delle farmacie comunali ci impegniamo ad offrire opportunità formative agli studenti di Unicam”.

“Operazione lungimirante di Assofarm che, sapendo quanto Unicam stia facendo per tutta la filiera farmaceutica in Italia, investe sul ripristino dei laboratori danneggiati dal sisma – spiega il commissario speciale per la Ricostruzione Paola De Micheli – Un investimento importante in un settore che diventa sempre più strategico in Italia ed un riconoscimento del movimento nazionale delle farmacie comunali del ruolo assunto da Unicam nel settore farmaceutico”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>