Ancora pole position per Hamilton. Al suo fianco Vettel avvantaggiato dalle penalità

di 

7 ottobre 2017

vettel si complimnta con hamilton per la pole

Vettel si complimenta con Hamilton per la pole

SUZUKA (Giappone)- Ormai non fa più notizia. Il “Re” indiscusso delle pole in F.1 è lui Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes è stato strepitoso anche a Suzuka; una pista che non lo ha mai visto davanti a tutti in qualifica. Una prestazione quella dell’inglese che conferma, se mai qualcuno avesse ancora avuto qualche dubbio, che la conquista del suo quarto titolo mondiale si avvicina sempre più. Al suo fianco partirà Sebastian Vettel, terzo crono dietro a Bottas ed a quasi mezzo secondo da Hamilton, comunque il tedesco della Ferrari per effetto dell’arretramento della Mercedes del finlandese penalizzato di cinque posizioni per sostituzione del cambio, riuscirà a partire per la gara a fianco del rivale Hamilton, cercando di tenere il più possibile accese le residue speranze, proprie e del Cavallino di ritornare sul tetto della F.1.

Dopo la doppia debacle di Singapore e Malesia, Vettel e la Ferrari sono chiamati ad un impegno anzi ad un miracolo, per realizzare quel sogno che dopo averlo costruito fin dall’ inverno, cullato e assaporato per nove mesi è stato in quindici giorni ingenuamente e sfortunatamente “girato” ad Hamilton, che comunque da grande campione sta dimostrando di non aver bisogno dei regali altrui per avviarsi verso il poker di titoli.

La matematica ancora lascia delle possibilità all’accoppiata Rossa, Arrivabene sta mettendo sotto pressione tutto il team, in settimana da Maranello sono arrivate soluzioni e sviluppi tecnici per offrire a Vettel una SF 70-H competitiva anche sui circuiti meno favorevoli come quello giapponese, un impegno che se comunque non porterà al miracolo sperato, perlomeno potrà rendere difficile la vita ad Hamilton ed alla Mercedes, il tutto a favore dello spettacolo, ed a conferma che la Ferrari ha intrapreso un nuovo corso, ovvero per essere anche lei protagonista della F.1 dell’era ibrida. In tutto questo dedalo di pensieri, speranze e certezze, Kimi Raikkonen dopo il paventato è disastroso ritorno alla competitività di Singapore, dopo l’incolpevole resa per problemi tecnici di domenica scorsa, ha pensato bene di complicarsi l’inizio del week end con una rovinosa uscita durante le libere di questa mattina.

La preoccupazione di Vettel

La preoccupazione di Vettel

Risultato: grande lavoro ai box per sostituire il cambio, un’operazione che ha portato all’ arretramento del finlandese di cinque posizioni in griglia, quindi dal sesto posto conquistato in pista, Raikkonen partirà decimo, sarebbe dovuto essere undicesimo, ma la “consueta” penalizzazione della McLaren- Honda di Alonso, gli ha permesso di entrate nella top ten. Andando ad analizzare gli altri protagonisti delle qualifiche, troviamo una seconda fila tutta Red Bull con Ricciardo davanti a Verstappen, vincitore la scorsa domenica.

Terza fila per le due “Pantere Rosa” Force India, ormai definitiva rivelazione di questo campionato, con il giovane focoso Ocon davanti all’altrettanto caliente compagno messicano Perez. Dalla settima casella scatterà Bottas, ottimo secondo, ma come detto arretrato per sostituzione del cambio sulla sua Mercedes, al suo fianco il “vecio” Massa che nonostante le voci di una sua sostituzione per il prossimo anno, continua ad ottenere buoni risultati con una Williams, che nonostante qualche lampo è la lontana parente di quella della vinci-tutto di un tempo. Quinta ed ultima fila della top ten per la McLaren-Honda di Vandoorne  e Raikkonen, entrambi ripescati in virtù della già citata penalizzazione di Alonso. Domani mattina con diretta SKY alle ore sette italiane e replica Rai 2 alle 14,30, vedremo chi vestirà fra Hamilton e Vettel i panni del” SAMURAI” conquistatore del G.P. del Giappone 2017.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>