Quinta edizione del Festival del Giornalismo Culturale: da giovedì tre giorni fra Urbino, Fano e Pesaro

di 

10 ottobre 2017

URBINO – Dal 12 al 15 ottobre sarà di scena tra Urbino, Fano e Pesaro, la quinta edizione del Festival del giornalismo culturale, evento organizzato dal DISCUI dell’Università di Urbino Carlo Bo e dall’Istituto per la Formazione al Giornalismo di Urbino che conta numerose collaborazioni e media partnership con i maggiori organi di informazione nazionali.

Patrimonio culturale. Una Storia, 1000 modi per raccontarla“, questo il tema scelto dai direttori Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini, che si interrogano su come la cultura e le opere d’arte possano essere e siano più accessibili al maggior numero di persone proprio grazie all’uso delle nuove tecnologie e della rete. Una lente d’ingrandimento puntata sul patrimonio artistico culturale italiano e sulla molteplicità di modi in cui il giornalismo può trasmetterne valori, concetti e, più semplicemente, informazioni. Un’immensa ricchezza insita nell’essenza stessa dell’identità italiana da promuovere con strumenti giornalistici idonei e in costante evoluzione, grazie alla centralità e alle potenzialità della rete.

Tanti i momenti di confronto con alcuni tra i più noti giornalisti del panorama italiano. Si parte giovedì 12 a Palazzo Ducale di Urbino con la lectio magistralis alle ore 15 del filologo e critico letterario Carlo Ossola, alla quale seguirà la discussione, assieme ai direttori Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini, al Direttore della Galleria Nazionale e Polo Museale delle Marche Peter Aufreiter, alla Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati Flavia Piccoli Nardelli e al Direttore del Museo archeologico regionale Antonio Salinas Francesca Spatafora, dei dati emersi dalla ricerca “Informazione e patrimonio culturale. Come si informano gli italiani; come si comunicano i musei”.

Il Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro, invece, inaugurerà, sempre giovedì ma alle 19, una delle mostre del Festival. Introdotta dal Presidente di Agenzia ANSA Giulio Anselmi, e curata, per conto di ANSA, da Mauro e Lorenzo Vallinotto, la mostra racconterà “L’arte da salvare. Viaggio nel patrimonio artistico italiano, tra passato e futuro“.

Venerdì (13 ottobre) il sipario del Teatro Rossini di Pesaro si aprirà per presentare la tematica “Come comunicano oggi i musei. Limiti e opportunità“. Alla narrazione del Direttore del Giornale Radio RAI e Radio1 Gerardo Greco e quella del Direttore di Sky Arte HD Roberto Pisoni, seguirà la tavola rotonda sul ruolo dello storytelling museale. A intervenire, tra gli altri, Prisca Cupellini, responsabile digital della Fondazione MAXXI di Roma, Nicola Maccanico, Vice Presidente vicario dell’Associazione Civita, e Marianna Marcucci, co-founder di Invasioni Digitali.

A partire dalle 15 si andrà a sviscerare il tema delle “Buone pratiche dell’informazione culturale online e offline” in compagnia del cantautore e scrittore David Riondino. Su “Media e cultura” dialogheranno, tra gli altri, Paolo Di Paolo (Scrittore) e Alessandro Grazioli (Treccani).

In serata ci si sposterà alla Biblioteca San Giovanni per l’apertura della mostra “Le graphic novel pubblicate da Origami” a cura di Cynthia Sgarallino, art director di Origami e de La Stampa; la mostra proseguirà fino al 29 ottobre, anche a Fano, nello Spazio XX Settembre.

Sabato 14 invece sarà Fano il fulcro della manifestazione. A partire dalla mattina al Teatro della Fortuna, Antonio Gnoli, giornalista ed editorialista de la Repubblica, attraverserà il ponte tra vecchio e nuovo giornalismo nel ruolo tra inserto culturale e rete. Dopo gli interventi di Piero Dorfles (Giornalista e critico letterario), Eric Jozsef (Giornalista) e Massimiliano Panarari (Saggista), seguirà la tavola rotonda tenuta da Marco Bracconi di Robinson-La Repubblica, Stefano Bucci de La Lettura-Corriere della Sera, Letizia Magnani de Il Piacere della Lettura-QN, Marco Filoni di RAI Radio3, Cesare Martinetti di Origami-La Stampa, Armando Massarenti de La Domenica-Il Sole 24 Ore e Massimiliano Tonelli di Artribune.

Un momento importante sarà dedicato al patrimonio culturale offeso dal sisma. Se si parla di patrimonio culturale nelle Marche non ci si può esimere dal trattare la tematica anche da un altro punto di vista, quello del patrimonio leso dal sisma. A partire dalle ore 17 si aprirà una tavola rotonda con il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, Romano Carancini (Sindaco di Macerata), Alessandro Delpriori (Sindaco di Matelica), la storica dell’arte Anna Maria Ambrosini, il Vice-Direttore de la Repubblica Sergio Rizzo e il Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici del MiBACT Giuliano Volpe.

La giornata di sabato 14 si concluderà con il reading e concerto con i Wu Ming dal titolo “Musica e lettura per il patrimonio culturale”, in programma alle ore 21 nella Sala Verdi del Teatro della Fortuna.

Dal dramma del terremoto alla forza creatrice dell’inventività. Domenica a partire dalle 10, infatti, presso la Mediateca Montanari, il giornalista dell’ufficio stampa CNR Marco Ferrazzoli, l’Executive Creative Director della Ogilvy & Mather Paolo Iabichino, il saggista Gian Paolo Manzella e il Direttore Generale del Turismo del MiBACT, Francesco Palumbo si confronteranno sul tema “Creatività e turismo”.

A seguire, saranno Cristina Battocletti dell’inserto culturale Domenica de Il Sole 24 Ore, il Caporedattore Cultura e Spettacolo Rainews24 Fabio Cappelli, il critico cinematografico Steve Della Casa, il co-Direttore del Festival Lella Mazzoli e Marino Sinibaldi, Direttore di Radio 3 Rai, a indagare l’arte nella sua divulgazione a mezzo stampa, radio, tv o cinema.

Tantissime poi le iniziative collaterali organizzate dal Festival che coinvolgono giovani, giovanissimi, e non solo. Nel contenitore SempreFestival, “Disegnare un festival”, i momenti del Festival raccontati dai disegni di Gianluca Costantini. E ancora la visita alle opere esposte a Palazzo Ducale in occasione del “Premio Nazionale delle Arti 2017″ dall’Accademia di Belle Arti di Urbino; attività di scribing  curata dall’ISIA di Urbino, il racconto del patrimonio culturale fatto dai bambini insieme all’illustratrice Serena Riglietti; i walkscape organizzati da Associazione ETRA.

In “Sfida all’ultima pagina”, il contest per gli studenti delle scuole di secondo grado di Pesaro e Urbino con finale condotta da Piero Dorfles sabato 14 ottobre al Teatro della Fortuna di Fano, organizzata in collaborazione con la Rete delle Scuole della Provincia di Pesaro-Urbino.

E poi i Concorsi del Festival. Quello della sezione praticanti delle scuole di giornalismo in Italia che vedrà protagonista una giuria speciale presieduta da Walter Veltroni; quelli riservati ai giornalisti under 35 e agli studenti delle scuole di secondo grado della Regione Marche premiati da una giuria composta rispettivamente da Piero Dorfles e da Paolo Iabichino.

Il Festival del giornalismo culturale sarà anticipato da due iniziative di Aspettando il Festival. L’incontro-conferenza di venerdì 6 ottobre alle ore 17 a Urbino a Casa Raffaello, sul tema La cultura tra mainstream e digitale, a cui parteciperanno Luigi Bravi (Presidente dell’Accademia Raffaello di Urbino), Marco Cangiotti (Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro), Letizia Magnani (Il piacere della lettura-QN) e Lella Mazzoli.

La narrazione musicale sugli episodi della vita di San Bernardino da Siena, OrAzione, si terrà invece mercoledì 11 ottobre alle ore 20.45 a Urbino (Chiesa di San Bernardino – Mausoleo dei Duchi): idea originale e testi di Alessandro Bottelli e vignette di Emilio Giannelli.

Tra eventi, incontri e dibattiti sulle nuove frontiere del giornalismo culturale e sulla comunicazione del patrimonio si potrà tracciare una linea continua che, affondando le radici nelle edizioni passate, conduce direttamente al futuro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>