Arredamento, un’edizione record per i Saloni Worldwide di Mosca

di 

17 ottobre 2017

“E’ andata molto bene”. Un commento secco di Alberto Drudi, presidente della camera di commercio di Pesaro Urbino, per descrivere “la massima soddisfazione” per i risultati dei Saloni WorldWide Moscow, che hanno accolto anche 19 espositori marchigiani, 16 dei quali in rappresentanza di aziende pesaresi.

I dati quantitativi dei quattro giorni dell’edizione numero tredici sono eccellenti: +10% delle presenze rispetto al 2016, oltre 3 mila gli incontri b2b con 120 buyer selezionati, oltre 24 Paesi dell’area ex sovietica presenti. La qualità, invece, la racconta Drudi: “Innanzitutto quella espressa dalle aziende marchigiane: è stata eccellente e, soprattutto, in grado di rispondere alla domanda di un mercato diversificato, che è fatta certamente di lusso e di pezzi unici, ma anche di prodotti di design a costi equilibrati”.

Secondo il presidente dell’ente camerale pesarese, dunque, “la Russia torna a essere un Paese di riferimento per il mobile marchigiano, dopo due anni complessi durante i quali abbiamo perso significative quote di fatturato”. La situazione economica “è tornata a essere più stabile e, di conseguenza, il mercato si è sbloccato, soprattutto quello immobiliare, ed è ripresa la richiesta di arredamenti italiani (solo la Cina precede il made in Italy) con i marchi marchigiani che si sono confermati molto attrattivi”. Inoltre, al Crocus c’è stata la presenza record di operatori provenienti da Paesi come Bielorussia, Kazakhstan, Georgia, Azerbaijan, Uzbekistan “con i quali la camera di commercio ha solidi rapporti da anni – ha fatto notare il anche il vice presidente camerale, Amerigo Varotti – e che intendiamo intensificare, anche creando i presupposti perché il mobile, ma anche altre nostre produzioni leader, possano diventare un veicolo di turismo meno mordi e fuggi e con maggiori ritorni per i nostri operatori”.

“Certo, si tratta di un’area-mercato vastissima che va battuta per creare relazioni economiche più strette ed efficaci – chiosa Drudi – e non possiamo immaginare di tornare velocemente ai livelli del 2013. Credo, però, che sia importante per i nostri imprenditori del mobile agganciare quel clima di ripresa che si è respirato a Mosca”. Un’operazione che FederlegnoArredo, che ha organizzato l’evento in Russia, trasferendo le competenze del Salone di Milano, vuole favorire a tutti i costi.

“Le esperienze che i nostri imprenditori hanno maturato in Russia nell’ultimo decennio, anche quelle negative, sono un valore aggiunto per il percorso da fare da oggi in avanti – conclude Drudi – : la Russia non può essere considerato più l’unico mercato di sbocco per tante nostre aziende, e questo vale non solo per il settore del mobile. Abbandonare quel mercato e non considerarlo tra quelli prioritari, però, sarebbe un grave errore strategico”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un commento to “Arredamento, un’edizione record per i Saloni Worldwide di Mosca”

  1. FaceHome scrive:

    La richiesta di elementi d’arredo made in Italy è in continua ripresa e crescita negli ultimi tempi. E si può aggiungere che è giusto sia così!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>