L’ambasciatore sloveno incontra gli imprenditori pesaresi. Papalini: “Paese amico e mercato giovane e dinamico”

di 

26 ottobre 2017

Bogdan Benko e Diego Boinega

Bogdan Benko e Diego Boinega

PESARO – “La Slovenia, oltre a essere un Paese amico, rappresenta un mercato giovane e dinamico, le cui potenzialità per le nostre aziende associate sono superiori a quanto si possa immaginare”. Lo ha detto Mauro Papalini, vice presidente di Confindustria Marche Nord, commentando la visita dell’ambasciatore sloveno in Italia, Bogdan Benko in provincia di Pesaro Urbino.

“Diverse aziende italiane, a cominciare da quelle lombarde, hanno da tempo solidi rapporti commerciali in particolare nell’area di Lubiana e del Carso – ha fatto notare Papalini – e sono convinto che anche le nostre province possano operare con successo in quel Paese, favorite dall’apertura dell’economia slovena verso occidente”. “Con l’ambasciatore si è parlato di come incrementare concretamente il business – ha aggiunto -, anche nella consapevolezza che le economie delle nostre due regioni sono simili”.

Secondo Diego Boinega, vice presidente della Territoriale di Pesaro Urbino, “la posizione della Slovenia, crocevia tra due importanti corridoi paneuropei – il Corridoio V da ovest a est e il Corridoio X da nord a sud, fanno sì che quel Paese sia anche una porta d’accesso privilegiata verso i Balcani occidentali, aree con una prospettiva europea e mercati di potenzialità significative”. Arredamento, abbigliamento e agro-alimentare sono i tre settori che hanno maggiore appeal in Slovenia, “dove il made in Italy ha una forte capacità di attrazione e le produzioni marchigiane sono ben conosciute”.

La Slovenia alimenta un importante scambio commerciale con la nostra Regione: in particolare, nel primo semestre di quest’anno, l’export ha registrato dalla provincia di Pesaro Urbino un +28%, con un volume pari a 11,2 milioni (circa 1/3 dell’export totale marchigiano verso la Slovenia) mentre dalla provincia di Ancona un +14%, con un volume d’affari che si aggira intorno ai 12,4 milioni.

L’Ambasciatore Benko era accompagnato dal consigliere economico Slobodan Sesum e da Aljosa Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo. In mattinata la delegazione slovena, ha fatto visita agli stabilimenti della Scavolini e della Biesse, aziende già presenti su quel mercato. Nel pomeriggio, poi, l’incontro a Palazzo Ciacchi, al quale hanno partecipato diversi imprenditori  associati.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>