Volley A1, Alice Degradi, un’ex sulla strada della myCicero: “Pesaro regala piacevoli ricordi, ma sabato vogliamo vincere”

di 

26 ottobre 2017

Alice Degradi contro il muro della Foppapedretti Bergamo nella gara d'esordio (dalla pagina Facebook della Sab Legnano)

Alice Degradi contro il muro della Foppapedretti Bergamo nella gara d’esordio (dalla pagina Facebook della Sab Legnano)

PESARO – Prima c’era l’imbarazzo della scelta, con tre Alice in squadra: Degradi, Pamio e Santini. Oggi nessuna Alice in casa myCicero, però la camminata quotidiana, passando prima davanti alla saracinesca abbassata della Gelateria Alice, poi salutando Yas Nizetich che torna a casa, nel residence sopra il Maremosso, è un assist per mandare un messaggio all’Alice lombarda, avversaria sabato sera della sua ex squadra. Facciamo un’intervista?

Alice, cammino davanti al mare che le ha fatto compagnia per una lunga stagione: un po’ d’invidia?

“No, invidia no, solo tanti piacevoli ricordi…”

Emozionata? O per provarla dovrà attendere la gara di ritorno?

“No, no, sono già emozionata. Rivedere alcune persone, da Matteo Bertini a Luca Nico e Rossella Olivotto, mi farà provare una grande emozione”.

“Io via? Non abbiamo trovato un punto d’accordo”

Una stagione esaltante, la promozione in A1: perché non è rimasta in riva al mare Adriatico?

“Quando finisce una stagione, si tirano le somme e ognuno vede il risultato dalla sua prospettiva. Io avevo in testa alcune situazioni, la società ne aveva altre. Non abbiamo trovato un punto d’accordo e ho preferito andare via”.

“Grande stima per Matteo Bertini, lui lo sa”

Mia convinzione: lavorando quotidianamente con Matteo Bertini e il suo staff, lei è cresciuta tanto in tutti i fondamentali.

“Ho tantissima stima per Matteo Bertini, lo sa benissimo: mi sento molto legata a lui e colgo questa occasione per ringraziarlo ancora”.

Andando via, ha scelto Legnano: una bella scelta, visto che ha trovato Andrea Pistola, un allenatore che lavora molto bene (anche) con le giovani. Due esempi: a Pesaro con Cristina Chirichella, a Legnano, l’anno scorso, con Camilla Mingardi.

“Mi sto trovando molto bene con lui, ma anche con la squadra. E’ un ambiente che conoscevo, composto da persone in gamba. Sono molto contenta di essere alla Sab”. Nelle due partite disputate, Alice è stata sempre in sestetto, sempre in campo. Con buoni risultati. Nella vittoria (3-0) su Bergamo, 11 punti con il 42% offensivo (8/19) e 3 muri, ma anche un buon lavoro in seconda linea: 16 ricezioni, 1 errore, 75% positiva, 56% perfetta. Domenica scorsa, nella sconfitta (3-1) a Monza, ha fatto addirittura meglio: 15 punti con il 45% offensivo (13/29) e 2 muri. E ancora tanto lavoro in ricezione: 24 con 1 errore, positiva 58%, perfetta 33%. Alice Degradi ha 13 punti di media, ma soprattutto, con il 43,7%, come Indre Sorokaite (Firenze), è fra le migliori attaccanti laterali del campionato. Meglio di lei hanno fatto Marika Bianchini (Scandicci) 62,1%, Samantha Bricio (Conegliano) 60% (ma ha giocato una sola partita), Paola Egonu (Novara) 52,7%, Michelle Bartsch (Busto Arsizio) 47,1%, Megan Easy (Conegliano) 46,9%, Edina Begic (Monza) 46,3%. Non solo, con 5 muri a terra, la pavese è seconda alla sola Berenika Tomsia (Filottrano) 6.

Pensavamo che la presenza di Amanda Coneo le potesse togliere spazio. Invece…

“Io lavoro duro tutti i giorni per meritare lo spazio che mi concede l’allenatore”.

Chi ho più nel cuore? Compagne e staff”

Alice DegradiTorniamo per qualche attimo alla sua esperienza a Pesaro: il ricordo più piacevole, ma anche – se c’è – quello negativo.

“Non ho dubbi: è stata la stagione che mi ha fatto crescere di più; un anno importantissimo. Il ricordo che ho più nel cuore sono le compagne di squadra e lo staff, le persone con le quali ho condiviso l’esperienza. Ovvio che niente sia perfetto e anche una stagione molto bella come quella vissuta a Pesaro possa avere risvolti meno positivi. Rimanendo al campo, mi dispiace moltissimo non avere vinto la Coppa Italia, non lo nascondo”.

“Sabato in palio punti importanti in chiave salvezza”

Nel PalaBorsani, saranno di fronte due matricole che puntano prima di tutto alla salvezza. Voi avete già incamerato 3 punti, Pesaro è a quota zero, ma in casa myCicero si confida di sbloccare la classifica già sabato sera, perché – parole delle sue ex compagne – “Legnano è alla nostra portata”.

“Sarà una sfida molto combattuta. Siamo a inizio stagione, quindi non è possibile identificare il vero valore delle due squadre. E pure se sarà una sfida importante, non preclude niente. E’ vero però che, in chiave salvezza, saranno in palio punti determinanti, sia per noi che per loro. Mi aspetto una bella battaglia sportiva”.

Presumo abbiate studiato già al video la squadra pesarese e vi sia chiaro su chi indirizzare le vostre battute.

“Ma – sorride – io tiro, poi vedremo… Abbiamo studiato la myCicero e ci stiamo preparando al massimo perché vogliamo vincere questa partita

Pure molto giovane, Alice Degradi vanta già un’esperienza importante in A1, dove ha esordito a 15 anni. Un giudizio sul livello del campionato, che ci sembra più alto che nel recente passato?

“Sono d’accordo. Il livello della serie A1 si è alzato tantissimo. Non vedo squadre cuscinetto. E per fare punti devi scendere in campo con la massima determinazione, non ti puoi permette cali di concentrazione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>