Pesaro Rugby verso Arezzo, l’ex Mazzucato: “Un’altra vittoria per consegnarci a una sosta serena”

di 

3 novembre 2017

Mazzucato con la squadraPESARO – La prima fase della serie B si chiude ad Arezzo. La Paspa Pesaro Rugby domenica sarà impegnata nella trasferta toscana (ore 14.30) dopodiché si consegnerà alla sosta che fermerà il campionato fino al 3 dicembre in linea con gli impegni della Nazionale.

Dopo cinque vittorie su cinque partite, la sesta diventa quella importante per consegnarsi alla sosta senza dover rimuginare: “E’ importantissimo vincere questa partita – mette in chiaro l’allenatore Nicola Mazzucato – Perché è fondamentale arrivare a lavorare nella sosta con tutta la serenità che può derivare dal conforto dei risultati pieni. Per arrivarci c’è però una partita che non va assolutamente sottovalutata”.

Contro quel Vasari Arezzo che l’anno scorso Mazzucato ha traghettato a un’importante salvezza e che quest’anno vede gli aretini nuovamente annaspare per mantenere la categoria: “Faremo visita ad un ambiente che merita il massimo rispetto per la dedizione che mette nel rugby a dispetto di tutte le circostanze avverse per praticare l’attività” racconta l’ex Mazzucato riferendosi “ai buonissimi rapporti mantenuti con la squadra (confermata in gran parte e con qualche ritocco sempre aretino doc) dopo una stagione in cui ho vissuto con loro un dramma costante difficile da capire dall’esterno. Le problematiche sono state quotidiane a cominciare dalle grosse difficoltà gestionali di chi non aveva un campo per allenarsi, di chi era costretto a pagare un affitto di tasca propria per avere l’unico campo coi pali della città, a non vederselo aprire se non ci si presentava coi contanti o ritrovarsi puntualmente fare docce fredde. Nonostante tutto c’è sempre stata una società straordinaria che ha fatto l’impossibile per garantire spazi all’attività sportiva”. Anche domenica sarà così. Al campo ‘Arrigucci’ che il Vasari dovrà affittare. “Una situazione spiacevole derivata da discutibili gestioni precedenti che l’anno scorso ho fatto presente anche ai vertici federali per tentare una soluzione”.

Una situazione che però eleva lo spirito d’appartenenza degli aretini nelle partite interne. “Quella è casa loro e sul campo rovesciano questo sentimento – assicura Mazzucato – So che daranno l’anima e la pioggia prevista attenuerà le differenze fi valori in campo”. Una sola vittoria conquistata dal Vasari terzultimo in classifica (col Romagna), ma in casa partite perse solo per distacchi minimi con Rieti e Medicei.

Ad arrivare ad Arezzo sarà una Pesaro Rugby reduce da un’altra vittoria di con scarto minimo: “Sono contentissimo dei risultati – dice Mazzucato – ma altrettanto preoccupato dai fattori mentali che puntualmente viziano le nostre prestazioni. Col Romagna abbiamo fatto un’ottima partita poi, una volta raggiunto il punto di bonus, è come se ci siamo fermati con trenta minuti ancora da giocare. Se la perdevamo non c’era nulla da dire”

E Mazzucato mette la lente d’ingrandimento su un altro campanello d’allarme: “Dopo Rieti ci siamo concentrati soprattutto sull’attacco e infatti è arrivata la prima vittoria con bonus. Questo però non vuol dire dimenticarsi la difesa: ci sono stati i meriti indiscutibili del Romagna, ma c’è qualcosa che non va se dopo quattro partite in cui subiamo solo quattro mete, di punto in bianco ne incassiamo quattro in una partita sola. Da Arezzo in poi vorrei una squadra più matura nel gestire questi cali di ritmo”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>