Vuelle, a Capo d’Orlando è quasi uno spareggio. Biancorossi in Sicilia a caccia della seconda vittoria

di 

3 novembre 2017

Immagine-10622PESARO – Cinque giornate, in una stagione composta da trenta, non saranno tante, ma possono dire già dire parecchio sulla classifica. In un campionato che si sta confermando diviso in due tronconi, con le big che stanno facendo quasi tutte il loro dovere e le rimanenti squadre che cercano un posto al sole e, soprattutto, vogliono evitare di ritrovarsi invischiate nella lotta per la retrocessione. Intendiamoci, non che le squadre attualmente a 4 punti, siano già tranquille, soprattutto perché Cremona, Pistoia e Varese non sembrano attrezzate per la parte sinistra della classifica, tralasciando il discorso Cantù, con i suoi noti problemi societari, ma naturalmente le due formazioni a quota due (Pesaro e Capo d’Orlando) e le due ancora ferme a zero (Reggio Emilia e Brindisi), qualche preoccupazione in più ce l’hanno e correranno presto ai ripari. La Grissin Bon sta pensando di passare alla formula 3+4+5, aggiungendo due comunitari al proprio roster, mentre Brindisi, dopo l’arrivo del main sponsor Happy Casa, ha le risorse per cambiare almeno un paio di stranieri che non hanno convinto e molto probabilmente, quando la prossima domenica si presenterà all’Adriatic Arena, avrà un paio di facce nuove nel proprio roster.

Così, allo stato attuale delle cose, sono proprio Pesaro e Capo d’Orlando, le maggiori indiziate per l’ultimo posto e in Sicilia hanno capito che a situazione si sta facendo pericolosa e hanno ingaggiato l’ex Trento Dustin Hogue – che debutterà la prossima settimana per problemi di tesseramento – uno che ha giocato lo scorso anno la finale scudetto e che la Dolomiti Energia non è riuscita a trattenere, perché riteneva che i 400.000 euro chiesti dal giocatore per il rinnovo, fossero esagerati. La sfida di domenica così, assume già i connotati di un vero e proprio spareggio, che la Vuelle dovrà affrontare con il coltello tra i denti, dimenticando la brutta prestazione offerta contro Cremona, dove a salvarsi è stato solo il trio Moore-Omogbo-Mika e il resto della truppa ha fatto più cose negative che positive. Capitan Ceron ha chiesto prontamente scusa per la sua brutta prestazione e, dando un’occhiata ai numeri, molte delle magagne biancorosse, erano state mascherate dai 14 punti di media realizzati da Ceron nelle prime quattro partite, con il veneto che si era acceso subito nei primi minuti, rimanendo “on fire” fino al quarantesimo, perché, come tutti i ragazzi emotivi, ha bisogno di partire bene per rendere al meglio e prendere fiducia nei propri mezzi, che non saranno magari da starting five, ma che gli garantiscono tranquillamente di poter giocare da protagonista in questa serie A.

Ma non è neanche un caso, che le due più brutte sconfitte biancorosse, siano coincise con due partite giocate sottotono da Monaldi, che rimane il vero metronomo della Vuelle, quello con il giusto timing nel passaggio per gli esterni e per i lunghi, anche se ancora un pick and roll ben eseguito, non lo abbiamo visto ad ottobre e speriamo di vederlo a novembre, mese già decisivo per la VL, visto che le sfide con la Betaland e Brindisi, saranno già fondamentali e dovranno essere affrontate con il massimo dell’impegno, sia dal punto di vista emotivo che tecnico, anche con un roster ridotto all’osso, che, per assurdo nel breve termine, facilita sia il compito dell’allenatore, che dei giocatori, perché una rotazione a sette uomini e mezzo, ti consente di effettuare un cambio solo per problemi di falli o di stanchezza, mentre giocatori come Moore ed Omogbo, che già sono ai vertici della classifica dell’utilizzo, con un minutaggio superiore ai 35 minuti, si sentono più responsabilizzati, ma la coperta corta prima o poi ti fa prendere freddo ai piedi e le urgenze sono tali finché sono brevi, altrimenti si trasformano in problemi cronici.

Attenzione all’orario d’inizio del match, che come i prossimi due, è fissato alle ore 17.00.

 

IL MATCH DELLA SETTIMANA

BETALAND CAPO D’ORLANDO (2 PUNTI) – VICTORIA LIBERTAS PESARO (2 PUNTI)

DOMENICA 5 NOVEMBRE – ORE 17.00 – PALAFANTOZZI DI CAPO D’ORLANDO

Diretta streaming su Eurosport Player

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Avrà vinto una sola partita delle cinque disputate finora, ma la Betaland se l’è giocata alla pari praticamente con tutte e non è una squadra in crisi. Il doppio impegno campionato – Champions League, forse non è l’ideale per una formazione giovane, ma i ragazzi di coach Di Carlo, stanno dando il massimo, a cominciare dal tedesco Atsur, playmaker ordinato, magari con pochi punti nelle mani, ma in grado di far girare a dovere una squadra dove il ruolo di realizzatore è svolto dal canadese Edwards, guardia veloce e dai buoni fondamentali, mentre il ruolo di tiratore è affidato al lituano Kulboka, micidiale dal perimetro, in uno starting five completato dall’ucraino Ikovlev, chioccia della squadra dall’alto dei suoi 31 anni e dai 213 cm dell’italiano Wojciechowski.

Dalla panchina parte Mirza Alibegovic, sesto uomo di lusso, capace di cambiare in un amen il ritmo della partita, in un reparto esterni che può contare anche sullo slovacco Mario Ihring e sul lettone Strautinsm mentre sotto i tabelloni trova ampio spazio il croato Delas, per una Betaland che non avrà una vera e propria stella tra le proprie fila, ma che fa della compattezza del gruppo il suo punto di forza.

 

IL DUELLO CHIAVE

Pablo Bertone vs Arnoldas Kulboka: Anche questa volta, Bertone avrà l’ingrato compito di marcare il tiratore avversario più pericoloso, sperando che abbia capito di passare dalla parte giusta del blocco, per non lasciare spazio ad un tiratore micidiale come Kulboka, mentre in fase offensiva, dovrà essere bravo a sfruttare ogni pertugio che la difesa siciliana gli consentirà.

 

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Immagine-105932Il presidente Ario Costa lo ha ribadito anche ieri sera, in un’intervista lasciata al collega Bedinotti: senza le risorse economiche necessarie per la copertura del contratto, non si firmerà nessuno, e purtroppo i soldini in casa Vuelle non sono tantissimi, diciamo che chiunque fosse interessato ad arrivare a Pesaro in questi giorni, deve essere consapevole che non si metterebbe in tasca più di diecimila dollari, firmando un contratto bimestrale, operazione che naturalmente in Via Bertozzini costerebbe almeno il doppio, tra tasse federali, contributi, vitto, alloggio e spese varie. Perciò, a novembre, si dovrebbe trovare un giocatore, possibilmente comunitario, esperto, in buona forma fisica, eccellente tiratore dal perimetro, con esperienza nel nostro campionato e disposto a firmare solo fino alla fine del 2017, tutto questo, accontentandosi di uno stipendio non proprio da nababbo.

Capirete che il bacino da cui pescare a queste condizioni, non sia proprio grandissimo, e che un giocatore discreto come il lettone Kuskiks, abbia preferito restarsene in Lituania, dove tra l’altro sta disputando anche una Coppa e l’unica certezza è che, a Capo d’Orlando, non ci sarà nessuna faccia nuova a ricoprire il ruolo vacante di ala piccola titolare, con LaQuinton Ross appena ingaggiato dai Texas Legends in G-League e il serio rischio che nemmeno domenica prossima contro Brindisi, arriverà qualcuno, giocando così il terzo spareggio consecutivo, con uno straniero in meno nel roster, non proprio l’idea del secolo.

LA SESTA GIORNATA IN PILLOLE

Due gli anticipi del sabato, che vedranno Pistoia e Varese ospitare rispettivamente Cantù e Trento, due sfide interessanti e dal pronostico incerto. Nel mezzogiorno domenicale, sfida testacoda tra l’imbattuta Brescia e una Reggio Emilia ancora ferma al palo, mentre alle 17.00, l’altra squadra ferma a zero punti (Brindisi) non avrà vita facile contro Avellino. Cremona-Sassari è l’unica partita in programma alle 18.15, visto che alle 19.00, l’altra capolista Venezia ospiterà Torino, in una sesta giornata che si chiuderà alle 20.45 con il big match tra Milano e Bologna.

 

I PROSSIMI TURNI DELLA VICTORIA LIBERTAS

Domenica 12 novembre – ore 17.00: VL Pesaro – Happy Casa Brindisi

Domenica 19 novembre – ore 17.00: Dolomiti Energia Trento – VL Pesaro

Domenica 26 novembre: Pausa per la Nazionale

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>