Sicurezza sul lavoro, prevenire i reati di omicidio colposo e lesioni gravi. Alle 15 il convegno all’Excelsior

di 

6 novembre 2017

PESARO – Progettare la sicurezza sul lavoro. Le opportunità del Decreto legislativo 231/2001 sono al centro di un convegno tecnico di rilevanza nazionale in programma oggi6 novembre, alle 15 presso l’Hotel Excelsior di Pesaro, con gli attesi interventi del sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri e della Sen. Camilla Fabbri, Presidente della Commissione di inchiesta del Senato sugli infortuni sul lavoro.

L’appuntamento, promosso da Ordine degli Avvocati di Pesaro e Urbino, Camera Penale “Vittorio Pieretti” di Pesaro e Anmil – Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi sul Lavoro – di Pesaro e Urbino, prende le mosse dal grave quadro che sia l’Italia che la stessa provincia pesarese stanno attraversando dal punto di vista degli infortuni sul lavoro.

I dati Inail elaborati dal Centro studi Anmil evidenziano come, nei primi 8 mesi del 2017, nella provincia vi sia stato un aumento consistente nel numero di vittime del lavoro (da 4 morti nel 2016 a 14 denunce per infortuni mortali nel 2017). In Italia, nei primi 7 mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo 2016, si è registrata una crescita sia degli infortuni (+1,3%) che dei morti sul lavoro (+5,2). Ma se nelle Marche la crescita degli infortuni sul lavoro è stata molto più moderata rispetto a quella media italiana facendo segnare un incremento pari a +0,2%, nella provincia di Pesaro-Urbino l’andamento degli infortuni è risultato peggiore rispetto a quello regionale segnando un aumento dello +0,7%.

Nell’ambito della sicurezza sui luoghi di lavoro sono di centrale importanza due Decreti legislativi, il 231/2001 e l’81/2008 che dettano i riferimenti per implementare il Modello Organizzativo Gestionale (MOG), la procedura più efficace e utile per prevenire i reati sanzionabili e perseguibili penalmente, tra cui i reati di omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime per violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell’igiene e salute sul lavoro. Accanto a questo, attraverso il MOG, c’è una più puntuale previsione degli adeguamenti tecnico-impiantistici e il costante aggiornamento delle misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza sul lavoro.

Il tema normativo sarà affrontato dal punto di vista tecnico-amministrativo e politico. A introdurre con i saluti istituzionali il Presidente dell’ordine degli Avvocati di Pesaro, Avv. Danilo Del Prete, il Vice-presidente del Consiglio regionale Marche Renato Claudio Minardi e il Presidente provinciale Anmil Fausto Luzi.

Dopo l’introduzione del Presidente della Camera Penale, Avv. Roberto Brunelli, si entrerà nel vivo del tema con la relazione del dott. Stefano Lucioli dedicata all’implementazione di un MOG. Sarà poi il Sostituto Procuratore della Repubblica di Pesaro, dott. Sante Bascucci, a introdurre gli interventi sull’inquadramento normativo e ordinamenti giurisprudenziali in ordine alla responsabilità amministrativa degli enti per reati in materia di prevenzione infortuni sul lavoro che saranno sviluppati dalla dott.ssa Rosanna Leonetti e dal dott. Gianlorenzo Franceschini.

Dei ruoli e delle responsabilità dell’Organismo di Vigilanza tratterà invece il dott. Giampiero Pieretti, funzionario Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (SPSAL) – Area Vasta 1; mentre il dott. Luca Mucelli approfondirà i finanziamenti per l’implementazione di Modelli organizzativi in tema di salute e sicurezza sul lavoro – Premialità INAIL – Vantaggi per le aziende.

Il ruolo dell’Anmil nei processi penali collegati a infortuni sul lavoro sarà approfondito dal Direttore Generale dell’Associazione, dott. Sandro Giovannelli, e a tirare le conclusioni della giornata di lavori saranno il Presidente Nazionale Anmil Franco Bettoni, la Senatrice Camilla Fabbri, Presidente della Commissione di inchiesta del Senato sugli infortuni sul lavoro e il Sottosegretario di Stato alla Giustizia, Cosimo Maria Ferri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>