Volley Champions League, le magie di Monica De Gennaro lanciano l’Imoco. Vincono anche le squadre di Guidetti e dell’urbinate Micelli

di 

8 novembre 2017

Le compagne dell'Imoco si congratulano con Monica De Gennaro, protagonista di splendide giocate (Foto Cev)

Le compagne dell’Imoco si congratulano con Monica De Gennaro, protagonista di splendide giocate (Foto Cev)

PESARO – La firma di Monica De Gennaro nel successo dell’Imoco Conegliano nella terra dei tulipani. Siete di parte direte voi. E’ vero, perché consideriamo Monica il miglior libero del mondo. Non solo noi, in verità, visti i riconoscimenti che riceve – ovunque, in ogni manifestazione – l’ex colibrì.

Partiamo dalla fine: l’Imoco, avanti 2 set a 0, rischia di andare al quarto, ma sale in cattedra Monica ed è autrice di due passaggi in bagher rovesciato e di una difesa fantastica su bastonata della schiacciatrice avversaria. Le dà una mano -due muri consecutivi – De Kruijf. Le compagne capitalizzano e chiudono con un ace di Elisa Cella, marottese acquisita, se è vero che in passato si è tenuta in forma dando una mano alla myCicero.

Sembrava che in campo ci fosse la… myCicero

A proposito: quando Fox Sports si è collegata con il palasport olandese, abbiamo creduto di sognare. In campo c’era la squadra… pesarese. Lo sponsor tecnico – Erreà – veste sia le tulipane sia le pesaresi, ma la maglia è praticamente uguale… Guardare le due immagini. La prima (foto Cev) è della Sliedrecht Sport, la seconda della myCicero.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ottimo inizio Imoco: 0-4 su servizio di Danesi (anche ace). Olandesi a meno 2 su attacco in fast sbagliato da Robin De Kruijf, l’olandese di Conegliano, ma dopo una una pipe vincente di Bricio arrivano due ace di Hill: 3-8 al primo time-out tecnico. Si riprende e le venete allungano: 3-10. Ora il time-out è discrezionale, ovviamente del tecnico di casa. Ma Bricio allunga con una bella diagonale: 5-14. Imoco in totale controllo e sul 13-21 Daniele Santarelli, che ha ha dato spazio a Danesi per Folie, manda in campo Athina Papafotiou per Joanna Wolosz. Le pantere – seguite da un gruppo di tifosi – chiudono agevolmente con un ace di Bricio.

Meno agevole il secondo parziale, con l’Imoco ora avanti, ora ad inseguire anche per troppi errori gratuiti (piede sulla linea di battuta, invasione). E così la Sporthall De Basis esulta per il 21-20 della Sliedrecht Sport. E’ un momento difficile, superato con autorevolezza. Hill sorpassa e dà una palla set, che la centrale di casa Ghijssen-Jans prova a cancellare, ma la sua fast è in rete: 23-25 e 0-2 per le ragazze di Santarelli, molto piacevole da ascoltare nei time-out di Fox Sports.

Il terzo set ve l’abbiamo raccontato già. Ci torniamo un attimo per sottolineare che, senza gli errori, l’Imoco avrebbe avuto vita più facile. Però torna a casa con un 3-0 che le garantisce l’approdo ai gironi a 4 di Champions League. Brave le pantere, bravo Daniele Santarelli.

Sliedrecht Sport (NED) –Imoco Volley Conegliano 0-3

Parziali: 15-25; 21-25; 23-25 in 76 minuti.

Migliori realizzatrici:

Sliedrecht: Hullegie 7

Imoco: Nicoletti 12, Hill 11, Bricio 10

Le altre partite:

Minchanka Minsk (BLR) – VakifBank Istanbul (TUR) 0–3

Parziali: 17-25; 20-25; 27-29 in 82 minuti.

Migliori realizzatrici:

Minchanka: Smirnova 10

VakifBank: Zhu 18, Slöetjes 13, Rasić 12

Cade o non cade? E' la domanda che ci si pone osservando la palla sulle teste delle tre giocatrici in maglia VakifBank (Foto Cev)

Cade o non cade? E’ la domanda che ci si pone osservando la palla sulle teste delle tre giocatrici in maglia VakifBank (Foto Cev)

La partenza delle campionesse d’Europa in carica allenate da Giovanni Guidetti è stata pessima. Subito 8-2 per le bielorusse, ma la reazione di Naz Aydemir Akyol da grande squadre. Come non potrebbe esserlo un sestetto che con la palleggiatrice comprende la cinese Ting Zhu, l’americana ex Conegliano Kelsey Robinson, l’olandese Lonneke Slöetjes, già a Busto Arsizio, la centrale serba Milena Rasić, campione d’Europa anche con la sua nazionale, la turca Akman Caliskan. Così, dall’8-2 si è passati al 10-14 e ancora all’11-17. Minsk ha provato a reagire (15-20), ma è stata respinta facilmente: 17-25 in 25 minuti.

Ancora un buon inizio per la Minchanka (4-2), risposta immediata delle turche: 6-8 al time-out tecnico. Le turche se ne vanno (15-21), ma subiscono un 4-0 che potrebbe riaprire il set. Impossibile: Naz cerca Robinson, Zhu e Rasić ed è 0-2 in 25 minuti.

Assai più combattuto il terzo set, concluso ai vantaggi, dopo che la VakifBank aveva sprecato un più 3 (17-20), subendo un parziale di 6-1. Dopo avere recuperato la parità grazie a Zhu e Robinson, ma anche azzerato una palla set che avrebbe portato a prolungare la partita, la VakifBank falliva più volte l’attacco per il successo. E non mancavano neppure gli errori al servizio da parte di entrambe le squadre. Propio una battuta lunga dava il 27-28 e Zhu metteva a terra la palla del successo turco: 27-29 in 32 minuti.

Maritza Plovdiv (BUL) – Yenisei Krasnoyarsk (RUS) 2-3

Parziali: 25-21; 25-18; 22-25; 20-25; 14-16 in 131 minuti.

Migliori realizzatrici:

Plovdiv: Nasya Dimitrova e Kamenova 21, Simona Dimitrova 17.

Krasnoyarsk: Frolova 22, Malykh 17, Efimova 15, Shcheglova 13

Nella foto Cev la sfida tra bulgare e russe

Nella foto Cev la sfida tra bulgare e russe

Tutto il bello e il crudele del volley in una partita davvero incredibile. Le bulgare, sostenute da un pubblico chiassoso, hanno dominato i primi due set, arrivando a qualche passo (21-19 nel terzo) dal possibile 3-0. Si sono fermate lì, subendo la rimonta delle russe, che tornano a casa con metà della qualificazione in tasca.

Nova KBM Branik Maribor (SLO) – Developres SkyRes Rzeszow (POL) 1-3

Parziali: 22-25; 25-23; 23-25; 22-25 in 122 minuti.

Migliori realizzatrici:

Maribor: Mlakar 31, Sobočan 11

Rzeszow: Blagojević 22, Andrushka 11

Un attacco della slovena Jerala contro il muro polacco composto da Ptak e Andrushka (Foto Cev)

Un attacco della slovena Jerala contro il muro polacco composto da Ptak e Andrushka (Foto Cev)

A completare il poker di successi esterni ci pensa la Developres SkyRes Rzeszow. La squadra polacca è allenata dall’urbinate Lorenzo Micelli che schiera Jelena Blagojević, a sua volta ex Robur Tiboni Urbino, che, utilizzata da libero, ha giocato e vinto gli ultimi Europei con la Serbia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>