L’Olio Dop di Cartoceto accanto a Food Brand Marche al Fico di Bologna

di 

9 novembre 2017

Il Presidente del Consorzio Tutela della Dop Cartoceto Tommaso Maggioli, il Sindaco di Cartoceto Enrico Rossi, la Vice Presidente del Consiglio Regionale Anna Casini e il Presidente dell'Istituto Marchigiano Tutela Vini Antonio Centocanti

Il Presidente del Consorzio Tutela della Dop Cartoceto Tommaso Maggioli, il Sindaco di Cartoceto Enrico Rossi, la Vice Presidente del Consiglio Regionale Anna Casini e il Presidente dell’Istituto Marchigiano Tutela Vini Antonio Centocanti

BOLOGNA – Presentata questo pomeriggio al FICO di Bologna l’Associazione Food Brand Marche, il primo progetto multifiliera mai realizzato in Italia, che punta a promuovere l’agroalimentare di qualità delle Marche in Italia e nel mondo.

È proprio la Fabbrica Italiana Contadina, che aprirà al pubblico il prossimo 15 novembre alla presenza del premier Paolo Gentiloni, la prima vetrina dove l’associazione marchigiana presenta le proprie eccellenze. Assieme al Food Brand Marche, dopo l’importante presenza all’Expo di Milano anche Cartoceto con il Presidente del Consorzio Tutela della Dop Cartoceto, unica dop olearia della Regione Marche, Tommaso Maggioli e il Sindaco del Comune di Cartoceto, Enrico Rossi.

L’obiettivo è sfruttare, attraverso un polo enogastronomico regionale unico e forte, le opportunità offerte dai programmi di promozione in ambito nazionale ed europeo.

La parcellizzazione del nostro tessuto imprenditoriale agroalimentare di qualità in tante piccole aziende, infatti, sarebbe un punto debole della promozione aziendale in Europa e nel mondo. Ma non solo. Infatti la frammentarietà impedisce alle piccole aziende di avere la forza organizzativa ed economica per intercettare i tanti fondi comunitari destinati all’agroalimentare di qualità. Il Food Brand Marche risponde allora proprio a questa necessità, compattando le eccellenze marchigiane e presentando al mercato europeo e mondiale un brand territoriale che faccia squadra tra le varie realtà produttive d’eccellenza ed apra a grandi possibilità altrimenti negate.

In questa accezione, la Fabbrica Italiana Contadina, nuovo tempio del mangiar bene che ospiterà 10 ettari di dimensioni, 200 animali nelle stalle, 40 fabbriche di trasformazione del cibo, altrettanti ristoranti, botteghe, spazi per i bimbi, 6 grandi aree didattiche multimediali, un centro congressi e tanto altro ancora, rappresenta una vetrina importante per tutte le eccellenze marchigiane e per l’unico oro verde della regione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>