Acqualagna taglia il nastro alla casa-museo di Enrico Mattei e premia l’imprenditore Gasparini

di 

11 novembre 2017

ACQUALAGNA – Giovane imprenditore marchigiano alla guida di Renco Spa, una delle più importanti realtà aziendali della Regione Marche, attiva nel settore del trasporto di gas e petrolio, nelle costruzioni e nel turismo. Per avere con passione e competenza contribuito a consolidare il profilo internazionale della Società“: è con questa motivazione che il Sindaco Andrea Pierotti, sul palco del Teatro Conti gremito di autorità, cittadini e studenti, ha consegnato il “Premio Enrico Mattei, città di Acqualagna: l’uomo, l’imprenditore” a Giovanni Gasparini, giovane presidente della Renco Spa di Pesaro: “E’ un premio importante, il più grande che potessi ricevere e che vorrei dedicare a un uomo, grande quanto Mattei, Antonio Passeri (già Presidente della Renco, scomparso nel 2012 e che viveva ad Acqualagna con la famiglia) che ha condotto Renco Spa con coraggio e buon senso, qualità che contraddistinguono le persone di questi territori”.

Dopo la cerimonia a Teatro, gli ospiti si sono spostati in piazza Mattei per l’inaugurazione tanto attesa del Museo Casa natale di Enrico Mattei, il fondatore e presidente di Eni, nato ad Acqualagna il 29 aprile 1906. Hanno preso parte al taglio del nastro insieme al sindaco Pierotti la nipote di Enrico Mattei, Rosangela (che oggi vive a Matelica), il vice President di Eni, Giuseppe Ricci, e l’assessore regionale Moreno Pieroni che ha annunciato: “Inseriremo il Museo nella rete dei musei regionali che potranno condividere con la comunità il proprio patrimonio di saperi, offrendo un servizio di connettività wi-fi gratuita con l’obiettivo di promuovere la cultura, la partecipazione alla vita pubblica, la creatività, il turismo”.

Il Museo è sito nella casa natale dove Mattei ha vissuto fino a 8 anni, quando si trasferì con la famiglia a Matelica. Il nuovo allestimento tecnologico e interattivo è stato possibile grazie a un progetto del  Comune, sostenuto da Eni. Tre stanze per un percorso narrativo altamente tecnologico che consente di ripercorrere in modo cronologico tutte le vicende di Mattei, dagli anni della sua prima infanzia ad Acqualagna fino il tragico incidente aereo a Bascapè (27 ottobre 1962) attraverso l’impulso che Enrico Mattei ne ha tratto per la sua straordinaria vicenda di imprenditore del mondo dell’energia. Un luogo di racconto che prende spunto dal passato per ritrovare oggi l’eredità spirituale. Una narrazione che unisce insieme il lato umano e professionale in un collage che ha l’obiettivo di restituire, in chiave moderna grazie all’uso di tecnologie evolute, la grandezza del personaggio Mattei. I visitatori all’ingresso del Museo verranno forniti di Ipad che consentiranno di leggere i codici QR code. Ogni visitatore potrà scegliere di accedere ai contenuti grazie a un livello di visita che mira ad approfondire, grazie alla tecnologia, ciò che viene esposto. All’interno sono esposti: materiale audiovisivo, fotografie, articoli di giornale e gli oggetti più cari a Mattei,  tra cui gli occhiali, il portasigarette; vediamo l’ultima firma dell’ingegnere fatta prima di essere ucciso oppure il tappo della bottiglia di champagne stappato nel 1953 per celebrare la fondazione di Eni e la sua scrivania in legno con alcuni effetti personali. I documenti a parete sono esposti in sezioni modulari sospese e intercambiabili, nei contenuti e nel layout. Questo consentirà di poter offrire ai visitatori materiali sempre diversi selezionati dall’Archivio storico di Mattei.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Con l’inaugurazione del Museo Mattei, Acqualagna si prepara all’ultima giornata di Fiera. In programma per domenica 12 novembre l’arrivo di Giulia Brandi, finalista di Masterchef. Una dei personaggi che ha convinto tutti per la sua simpatia e bravura ai fornelli, riuscendo ad arrivare fino all’ottava puntata del talent show. Appuntamento alle ore 12.30 al Salotto da gustare  per una ricetta da MasterChef: Paccheri mantecati all’uovo con ragout bianco di faraona, porro croccante al tartufo. (Costo 10 euro. Info prenotazioni: 333.1116908).

Giornata importante anche per la gara di ricerca al Tartufo a cura di ATAM (Associazione Tartufai Appennino Marchigiano). Info e iscrizioni al tel 340.1481290. Alle ore 11 in Piazza Mattei Autoraduno Alfa Romeo Duetto Club.

Alle ore 15.30 Esibizione della Fanfara “Tenente Sesto Mochi” e alle roe 16 al Bocciodromo Comunale il Secondo Gran Prix Regionale di Burraco “Nel segno del Tartufo”.

La 52 Fiera si chiude alle ore 18 con Buio in Padella: il cooking show di Antonio Ciotola, Chef non vedente, titolare della Taverna degli Archi di Belvedere Ostrense, invitato a fare parte del The World’s 50° Best 2014, il più famoso contest internazionale che ogni anno a Londra raduna i 50 migliori cuochi del mondo. In collaborazione con UICI, si sperimenterà una gustosa degustazione al buio, unica, coinvolgente e multisensoriale dove l’unica assente sarà… la vista! Appuntamento ad occhi chiusi, per un’esperienza illuminante, nel Salotto da gustare insieme all’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti onlus (Provincia di Pesaro e Urbino). (Costo 10 euro. Info prenotazioni: 333.1116908).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>