Volley A1, una myCicero da applausi fa soffrire Scandicci e solo nel finale del tie-break s’arrende all’ex capolista

di 

19 novembre 2017

Isabelle Haak, a tratti incontenibile, ma ha dovuto a sua volta soffrire contro la squadra pesarese: qui attacca contro il muro a 1 di Yas Nizetich (dalla pagina Facebook della Savino Del Bene)

Isabelle Haak, a tratti incontenibile, ma ha dovuto a sua volta soffrire contro la squadra pesarese: qui attacca contro il muro a 1 di Yas Nizetich (dalla pagina Facebook della Savino Del Bene)

MYCICERO PESARO – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 2-3
PESAROCambi 3 (2/4), Van Hecke 15 (15/58), Olivotto 9 (4/14; 4 muri),Aelbrecht 13 (9/21), Bokan 12 (10/27; ricezioni 14, errori 4, positiva 43%, perfetta 7%), Nizetich 14 (14/41; ricezioni 44, errori 3, positiva 80%, perfetta 52%), Ghilardi (L: Ricezioni 31, errori 1, positiva 84%, perfetta 68%), Bussoli (0/1), Baldi 1 (1/2), Carraro, Arciprete 1 (1/3). N.e Lapi e Vagnini. All. Bertini; vice Burini
SCANDICCICarlini (0/1), Haak 30 (28/69), Adenizia 9 (3/8; 6 muri),Arrighetti 7 (4/8), Lucia Bosetti 16 (13/46), De la Cruz 21 (16/37), Merlo (L: Ricezioni 4, positiva 50%, perfetta 25%), Samadova ne, Bianchini, Di Iulio, Papa, Mancini ne, Ferrara (L: ricezioni 31, errori 3, positiva 61%, perfetta 39%) . Allenatore: Parisi; vice Bendandi
ARBITRI: Moratti di Frosinone e Santi di Perugia
PARZIALI: 25-23; 20-25; 12-25; 25-18; 10-15 in 121 minuti.
NOTE: prima dell’inizio, osservato un minuto di raccoglimento di Gianluca Mattioli, pesarese, arbitro internazionale di basket scomparso giovedì a Murcia, in Spagna, dove avrebbe dovuto arbitrare una partita di Fiba Champions League. Circa 1.000 spettatori, presente un gruppo di tifosi toscani
STATISTICHE DI SQUADRAVOLLEY PESARO: Battute 93, errori 11, punti 3. Ricezioni 96, errori 9, positiva 75%, perfetta 52%. Attacchi 171, errori 8, muri subiti 13, punti 56, 33%. Muri fatti 9. Errori avversarie 24. AVVERSARIE: Battute 105, errori 9, punti 5. Ricezioni 82, errori 5, positiva 66%, perfetta 43%. Attacchi 169, errori 8, muri subiti 9, punti 64, 38%. Muri fatti 14. Errori avversarie 23

PESARO – Vince Scandicci, reduce da un percorso perfetto (5 vittorie in altrettanti incontri, 15 set a 1), che però deve cedere il primo punto della stagione e con questo il primato in classifica.

Non perde Pesaro, che conferma le grandi qualità evidenziate finora, mostrando un carattere incredibile, ma anche tanta qualità, frutto del lavoro – “perché questa squadra – dichiara a fine partita – Freya Aelbrecht sta bene insieme e lavora bene insieme” – quotidiano in palestra.

Vince Scandicci, che ha altri obiettivi e sicuramente altro bilancio, ma Pesaro conquista un punto prezioso che l’allontana dalla parte bassa della classifica e dà grande morale in vista dei prossimi impegni, anche perché la panchina, quando è stata chiamata in causa da Bertini, ha dato risposte interessanti.

Insomma, il bicchiere non è mezzo vuoto e neppure mezzo pieno: è tutto pieno!

Un primo set da incorniciare, pure giocato sulle montagne russe. La myCicero inizia forzando il servizio e sbaglia troppo, ma non può concedere a Scandicci di giocare con la palla in mano. Così, la Savino Del Bene s’allontana, passando dal 7-8 esterno al 10-16. Arriva anche l’11-18, quando Bertini ha speso entrambi i time-out. A cambiare l’inerzia è l’allenatore pesarese che chiede due video-check e toglie alle toscane due punti assegnati già dalla coppia arbitrale. Dal possibile 11-19 si va sul 12-18. Altrettanto poco dopo. Così, una mancato tocco e una palla fuori danno morale a una squadra che difende tutto e non sbaglia più niente, grazie a una perfetta lettura al muro che manda in tilt le certezze della giovane Haak, la rivelazione del campionato, e delle compagne. Punto dopo punto, tra muri di Bokan e Olivotto e attacchi magnifici di Nizetich e Van Hecke, si va alla parità a 20 con Bussoli al servizio per Bokan. La myCicero è scatenata, Ghilardi – che tutto sembra meno che reduce da un preoccupante infortunio alla mano destra – difende ogni palla, Scandicci accusa il colpo e Parisi non ha più time-out, utilizzati per provare a fermare, inutilmente, un torrente in piena. Van Hecke sorpassa con una palla spinta, Haak guadagna l’ultimo pari, perché Pesaro conquista due punti (24-22) con Aelbrecht, ed è la centrale belga a rispondere a Bosetti chiudendo con un grande attacco a un piede da posto 2. Pesaro in paradiso, Scandicci all’inferno. Momentaneamente,ovvio, ma chi lo avrebbe ipotizzato? Comunque andrà a finire myCicero da applausi. Van Hecke 6, Aelbrecht e Nizetich 4, Olivotto 2. Haak ferma a 4.

Con il morale alle stelle, Pesaro parte bene e guadagna un piccolo margine che Scandicci cancella con un 1-4 esterno che la porta in vantaggio: 10-11. Olivotto e compagne non si perdono d’animo e tornano avanti (13-12, primo tempo della centrale trentina). Ora però si sbaglia troppo e la capolista non ha bisogno d’aiuti altrui. Le toscane, che pure hanno perso Merlo per infortunio nel precedente set, conquistano un gruzzoletto (14-16) che aumentano sul 17-20, obbligando Bertini a fermare il gioco due volte. Niente da fare, la SDB sbaglia meno, Lucia Bosetti si carica la squadra sulle spalle, Haak torna a schiacciare dal 10° piano e De La Cruz è incontenibile: 20-25 e parità set.

Scandicci è ritornata a essere la squadra costruita per vincere lo scudetto ed esibisce perché: dopo avere sbagliato il primo attacco, 4 muri la lanciano sull’1-5. Bertini corre ai ripari, Lise Van Hecke mette a segno il primo vero punto, ma la SDN se ne va: 4-10. Non è finita, perché le ragazze di Parisi sono padrone del taraflex, piazzando un devastante break: 4-9 che manda il tabellone sull’8-19. Un parziale da ricordare per l’entrata di Alessia Arciprete al posto di Bokan. Si va anche sul meno 13 (11-24), quando Lucia Bosetti fallisce la prima palla set. Ma De La Cruz manda al cambio di campo: 12-25.

Fino a pochi minuti fa c’era una sola squadra in campo, la Savino Del Bene.

Si riparte ed è sempre così, ma la squadra non è la toscana, è Pesaro. Parisi corre ai ripari, ma dal 3 pari la myCicero vola (ace di Olivotto) sull’11-5. 6 punti da difendere con le unghie e con i denti. E alle ragazze di Bertini, con gente come Aelbrecht, Nizetich e Ghilardi, non mancano questi ingredienti. La conferma è immediata. La SDB accorcia fino al meno 2 (12-10), ma è respinta con perdite: 16-11 e immediato time-out di Parisi. I risultati non cambiano e negli occhi di Carlini e compagne si legge la paura: Lucia Bosetti sbaglia attacco ed è 19-13. Non solo errori avversari, tanta roba per la squadra di Bertini: Nizetich per il 20-14, ma anche per il 21-15, con Bussoli a difendere bene la palla che la compagna capitalizza. Scandicci è solo Haak (11). Entra la ex apprezzatissima, Isabella Di Iulio in battuta, che pesta la linea dei 9 metri. 22-16 e Baldi in campo per Cambi. Che impatto! Subito a segno per il 23-16. Un punto, ma meglio non mettere limiti, è dietro l’angolo. La fast di Aelbrecht è perfetta e Pesaro ha 6 palle set, sei opportunità di andare al quinto set. Le sfrutta subito Bokan: 25-18. Che festa!

Dopo avere allungato la partita, Pesaro vorrebbe allungare la festa. Ci prova, infatti, ribaltando il 3-4 e portandosi sul 6-4 (pipe di Nizetich, ace di Bokan, ancora il capitano in diagonale). Mentre Merlo osserva, preoccupata, da dietro la panchina, è pronto il time-out di Parisi. Purtroppo, Bokan sbaglia la battuta e gli arbitri vedono un’invasione, ed è parità. Ancora vantaggio (muro di Aelbrecht) al cambio di campo. Un più uno che resiste sul 9-8, quando salgono in cattedra Haak, e chi se non lei?, e Bosetti che spingono un drive esterno di 7 a 1 che manda in archivio una partita davvero emozionante: 10-15.

Gli altri risultati della sesta giornata di andata:

Giocata sabato:

Conegliano – Monza 3-0

Giocate oggi:

Novara – Bergamo 3-0

Parziali: 25-18; 25-16; 25-22 in 79 minuti

Migliori realizzatrici:

Novara: Plak 12, Enright 10

Bergamo: Malagurski 14

Busto Arsizio – Legnano 3-0

Parziali: 30-28; 25-9; 25-15 in 78 minuti

Migliori realizzatrici:

Busto Arsizio: Diouf 16, Bartsch 15, Gennari e Berti 12

Legnano: Mingardi 10

Firenze – Casalmaggiore 3-2

Parziali: 19-25; 25-27; 25-17; 25-22; 15-11 in 117 minuti

Migliori realizzatrici:

Firenze: Sorokaite 22, Tirozzi 20, Santana 18, Tapp e Miloš 14

Casalmaggiore: Pavan 23, Guiggi 13, Martinez e Stevanović 12

Filottrano – Modena 0-3

Parziali: 18-25; 17-25; 23-25 in 74 minuti

Migliori realizzatrici:

Filottrano: Tomsia 15

Modena: Barun 19, Calloni 11, Montaño 10

La classifica

Conegliano 18

Scandicci e Novara 17

Busto Arsizio 15

Modena 9

Pesaro 8

Monza e Legnano 6

Firenze 5

Casalmaggiore 4

Filottrano 3

Bergamo 0

Prossimo turno, mercoledì 22 novembre, ore 20,30:

Monza – Pesaro (Lvf.tv)

Casalmaggiore – Filottrano (Lvf.tv)

Bergamo – Firenze (Lvf.tv)

Modena – Legnano (diretta Rai Sport)

Scandicci – Novara (Lvf.tv)

Busto Arsizio – Conegliano (Lvf.tv)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>