Candele a Candelara, 14esima edizione con 7 giorni fra mercatini, presepi e spettacoli

di 

22 novembre 2017

Candele a CandelaraPESARO – Dopo il successo estivo di Candele sotto le stelle, con 20mila fiammelle accese sull’Adriatico lungo 7 chilometri di costa pesarese, ritorna la madre di tutte le manifestazioni dedicate alle candele. Presentata questa mattina nella Sala Rossa del Comune di Pesaro, la 14esima edizione della tradizionale manifestazione.  Più famosa e popolare che mai, Candele a Candelara, è diventata ormai un must dell’inverno; il primo mercatino natalizio italiano dedicato alle candele che conferma il suo crescente successo prolungando per il quinto anno consecutivo l’iniziativa a ben tre week-end spalmati su sette giorni di eventi per consentire alle migliaia di visitatori provenienti da tutta Italia di ammirare al meglio la suggestiva e colorata festa dedicata alle candele. Una festa che per la sua ambientazione e atmosfera unica si contende il primato di consensi con i più blasonati e famosi mercatini del nord Italia. Il sindaco Matteo Ricci in proposito non ha dubbi. “Dopo quelli di Bolzano e Trento, Candelara è tra i primi tre mercatini di natale d’Italia. Lo testimoniano le presenze che ogni anno aumentano”.

Per il primo cittadino “E’ ormai una una manifestazione che si attesta sulla qualità e che rappresenta un volano straordinario per tutto il territorio e che dà il via, come è ormai tradizione, al Natale pesarese”. Anche per l’assessore Antonello Delle Noci, Candele a Candelara “che è diventata un punto di riferimento in Italia, accende la candela del Natale pesarese. Ormai il nostro, è un luogo natalizio al pari di quelli del nord ed è il frutto del lavoro di tanti volontari e orgoglio dei cittadini”.  Quest’anno sono attesi oltre 250 pullman e almeno 5-600 camper provenienti da ogni parte d’Italia. “persino da Trento – conferma il direttore artistico, Piergiorgio Pietrelli – il che dimostra che non siamo più dei figli minori”. Nonostante queste cifre, però la Proloco invita i pesaresi a visitare il mercatino questo primo week-end, oppure durante la mattina “I visitatori locali – dice il presidente Diotallevi – avranno così modo di godersi con calma tutto quello che sarà esposto nelle 80 casette di legno”.

Candele a Candelara si svolgerà infatti dal 25 novembre al 10 dicembre (nei giorni di sabato 25 e domenica 26 novembre. Ed ancora sabato 2, domenica 3 e venerdì 8, sabato 9, domenica 10 dicembre in occasione del Ponte dell’Immacolata, la XIV edizione di Candele a Candelara, mercatino natalizio che si svolge nell’antico borgo medievale dove ogni sera la luce artificiale viene spenta per lasciare posto a migliaia di fiammelle accese. Un’atmosfera unica e suggestiva grazie a due spegnimenti programmati dell’illuminazione elettrica di 15 minuti ciascuno (alle 17.30 e 18.30).

Per mezz’ora ogni pomeriggio Candelara sarà completamente rischiarata dalla luce calda e rassicurante delle candele. L’orario di apertura della festa rimane lo stesso: dalle ore 10 alle 21. Al termine del suggestivo appuntamento, sarà liberata in cielo una cometa formata da tanti palloncini luminosi che rischiareranno magicamente il cielo sopra il borgo.

In questa edizione la festa si illumina di nuovissimo ed emozionanti spettacoli e animazioni che faranno da sfondo al magico evento. Tra queste il carrettino dei burattini; i trampolieri; i folletti suonatori; i giocolieri; i suonatori di cornamusa.

Tutti i giorni sfileranno per le vie del Borgo tutti i personaggi, legati alla tradizione del Presepe. Un corteo storico che si svolgerà in orario antimerdiano e che concluderà all’interno delle mura castellane dove saranno protagonisti anche tanti animali legati alla rievocazione.

Sarà inoltre possibile assistere dal vivo alla preparazione di candele, rigorosamente di cera d’api, come avveniva nel Medioevo. Nel mercatino di Candele a Candelara troveranno posto anche le sculture in ferro battuto. Si tratta di silhouettes ornate da centinaia di candeline che disegneranno i protagonisti del Presepe nella via del Borgo.

Anche quest’anno funzionerà, ed anzi sarà potenziata con la sistemazione nella Sala del Capitano all’ingresso del Castello, la gettonatissima Officina di Babbo Natalecon i suoi laboratori dove centinaia di bambini potranno lavorare con diversi materiali (creta, cera, carta, legno) e realizzare addobbi e figure legate al Natale. I bambini potranno incontrare Babbo Natale, fare una foto e consegnare direttamente una letterina con espressi i propri desideri.

Ci sarà anche un’intera banda musicale formata da 35 Babbo Natale; oppure i tradizionali Babbo Natale con zampogne e cornamuse. Completeranno il programma i canti natalizi del Coro polifonico Jubilate. Candelara quest’anno oltre a ripetere la felice esperienza di “gemellaggio” con Pesaro, rinnova una collaborazione tesa a promuovere il territorio della provincia con le manifestazioni limitrofe di Urbino, Gradara, Fano e Mombaroccio.

Al Teatro Rossini di Pesaro, nel rispetto della ormai consolidata fama musicale, sabato 9 dicembre alle ore 21,15 sarà organizzato l’ormai tradizionale concerto di Natale con l’Orchestra di Fiati del Complesso musicale di Candelara. A Candele a Candelara i visitatori potranno ammirare oltre settanta casette in legno che ospitano oggetti d’artigianato, articoli da regalo e candele d’ogni forma e foggia. L’ingresso alla manifestazione sarà di 2,00 euro fino alle 13. Dopo le 13 (3,00 euro) Per i minori di 12 anni l’ingresso è gratuito.

Anche quest’anno funzioneranno due grandi strutture riscaldate. In una i piatti della tradizione: polenta con i funghi, baccalà con le patate, pasticciata ed erbe cotte, carne alla brace, piadina, olive fritte, frittelle di mele, caldarroste e vino novello a volontà.  Nell’altra altri piatti tipici del territorio. Da quest’anno parte una collaborazione con l’Istituto Alberghiero di Pesaro che in occasione del Ponte dell’Immacolata parteciperà alla manifestazione preparando un suo piatto per valorizzare e promuovere le tradizioni locali. A preparare e servire il piatto saranno gli allievi dell’Istituto Alberghiero Santa Marta. Non solo. Gli studenti accoglieranno i turisti a Villa Berloni e consentiranno loro di fare delle visite guidate.

Sarà possibile effettuare come sempre visite alla Pieve del XII secolo e novità di quest’anno sarà riaperta al pubblico, dopo anni di chiusura, villa Berloni del Cinquecento dell’architetto Di Giorgio Martini. Per Villa Berloni, oltre alla visita guidata, sarà possibile prenotare pranzo e cena a lume di candela. Rimarrà aperto durante la festa il Museo del telaio e del ricamo. I visitatori potranno riscoprire l’antica tradizione della lavorazione di tessuti con telai dei primi del Novecento.

Per organizzare al meglio l’arrivo ed il parcheggio (gratuito), dei pullman turistici è gradita la prenotazione per meglio gestire la logistica.

In occasione della manifestazione, l’organizzazione ha predisposto una serie di convenzioni con ristoranti, alberghi e agriturismo della zona. Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.candelara.com

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>