F.1, a Bottas l’ultimo Gp della stagione. Seconda Hamilton, terzo Vettel

di 

26 novembre 2017

ABU DHABI (Emirati Arabi Uniti) – Valtteri Bottas vince il gran premio di Abu Dhabi, ultima gara della stagione, il finlandese alla sua terza vittoria in carriera e stagionale, ha condotto dall’inizio alla fine dopo essere partito dalla pole, conquistando anche il primo “hat trick”, cioè pole, giro veloce e vittoria. Alle sue spalle chiude il neo campione del mondo Lewis Hamilton, per una doppietta Mercedes a sancire l’ennesima stagione trionfale del team tedesco. Il leone inglese ha pressato per parecchi giri il compagno capofila, senz’altro avrebbe avuto la possibilità di passarlo, accontentandosi di aver dimostrato il suo potenziale, ha poi deciso di lasciare la scena a Bottas, che si riscatta di un finale di stagione non molto entusiasmante.

Terzo posto per Vettel a 20 secondi dal leader, il tedesco del Cavallino non mai è stato in grado di lottare per la vittoria, cercando solamente di finire a ridosso delle due Mercedes evitando di commettere errori per salvaguardare la seconda posizione nel mondiale. Quarto Raikkonen, ad oltre 40 secondi da Bottas, un risultato non certo entusiasmante, che però grazie al ritiro di Ricciardo, per una panne alla sua Red Bull, permette al finlandese della Ferrari di chiudere al quarto posto nella classifica piloti. Un gran premio noioso quello di Yas Marina, tutti speravamo in un finale di stagione che a giochi fatti, poteva riservare qualche entusiasmante sorpresa, invece si è ritornato ad un vecchio scialbo e già visto copione.

Quinto Max Verstappen, il giovane olandese ha provato ad impensierire Raikkonen, però senza mai avvicinarsi per attaccarlo, con una Red Bull oggi non proprio performante. Sesto chiude Nico Hulkenberg con la Renault, una altra grande prestazione del pilota tedesco, se si pensa che è stato penalizzato di cinque secondi, un risultato che permette alla Renault di scavalcare per la sesta posizione nel Costruttori la Toro Rosso. Settima e ottava piazza per la Force India, con Perez che precede Ocon, il piccolo team anglo -indiano chiude il mondiale con un sensazionale quarto posto nella Classifica costruttori, confermandosi vera rivelazione della stagione, oltre ad aver portato agli onori della cronaca un’altra sorpresa, il giovane Esteban Ocon, il francesino ha chiuso a punti 18 gare su 20, con un solo ritiro.

Nono posto per il “vecchio” indomabile Alonso, alla sua terza gara consecutiva a punti con la McLaren-Honda, il motorista giapponese stranamente dopo essere stato ripudiato dal glorioso team inglese a causa dei deludenti risultati di questi ultimi anni, ha fornito finalmente dei motori prestazionali, mah, questi sono i misteri della F.1. Decimo Felipe Massa che saluta la F.1 dopo 139 gran premi, con un risultato che visto anche la Williams di cui dispone la dice lunga sulla sua ancora valida potenzialità, a conferma di quanto detto vi è anche il diciottesimo e ultimo posto posto del suo compagno Stroll. Ora la F.1 è già proiettata in chiave 2018, tre mesi ed a febbraio con i primi test vedremo cosa ha riservato la pausa invernale, riuscirà la Ferrari in un altro passo da gigante come quello di quest’anno a tentare la scalata più decisa al titolo? La Mercedes farà ancora un altro balzo in avanti per confermarsi l’indiscussa regina dell’era ibrida, supportando Hamilton nella sua scalata all’ olimpo della F.1? La Red Bull con i suoi veloci piloti ed il geniale progettista Newey, sarà in grado di essere la spina nel fianco dei due blasonati avversari? PU24 seguirà insieme a voi l’ evolversi della situazione, quindi ci risentiamo presto…

ORDINE DI ARRIVO GP ABU DHABI

  1. BOTTAS- MERCEDES

  2. HAMILTON- MERCEDES

  3. VETTEL- FERRARI

  4. RAIKKONEN- FERRARI

  5. VERSTAPPEN- RED BULL

  6. HULKENBERG- RENAULT

  7. PEREZ- FORCE INDIA

  8. OCON- FORCE INDIA

  9. ALONSO- McLAREN-HONDA

  10. MASSA- WILLIAMS

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>