Vuelle, dopo la pausa si riparte all’Adratic Arena con Varese e la novità Kuksiks

di 

1 dicembre 2017

Kuksiks con Ario Costa

Kuksiks con Ario Costa

PESARO – Il campionato italiano riprende la sua corsa dopo la fruttuosa pausa per la Nazionale, ma in questi quindici giorni è stato il mercato a tenere alta l’attenzione dei tifosi. Con tante facce nuove che andranno a rinforzare le 16 formazioni di serie A, ognuna con il suo obiettivo da raggiungere, primo fra tutti, l’accesso alle final Eight di Coppa Italia, che guardando la classifica, è virtualmente alla portata di tutte.

Facciamo il punto della situazione sui movimenti di mercato: Milano si è liberata di Zoran Dragic ed ha scoperto che Abass e Fontecchio non sarebbero dei cattivi giocatori, se solo gli concedessero qualche minuto in più, Venezia ha preso a gettone Marques Green, usato sicuro, per riempire il buco lasciato dall’infortunio di Jenkins, Avellino farà rientrare nei ranghi il pivot Fesenko, totem d’area molto utile a coach Sacripanti, Brescia si gode il primato solitario e, insieme a Sassari e Torino, aspetta una vera occasione per rinforzare un roster già molto competitivo. Situazione ferma a Cantù, dove i controlli della Com.tec. non hanno “evidenziato nulla di eclatante”, dichiarazione criptica, che non fa luce su tutti i problemi economici della società brianzola, la Virtus Bologna, alla ricerca del numero quattro titolare, dopo la partenza di Rosselli per la Fortitudo, ha fatto il colpo grosso e dopo avere ricevuto parecchi no, l’ultimo da Austin Daye, è riuscita a strappare Filippo Baldi Rossi a Trento, operazione praticamente indolore dal punto di vista economico, dato che il suo ingaggio verrà coperto dal primo posto virtuale nella classifica dell’utilizzo degli italiani. Capo d’Orlando non ha potuto firmare Dustin Hogue, che è vincolato ancora alla sua vecchia squadra sudcoreana, ma la ricerca continua e nel frattempo ha tesserato il play Eric Maynor, Pistoia si è assicurato i servigi di Dejan Ivanov, lungo sempre utile nelle lotte sotto canestro, Brindisi ha salutato Barber e ha firmato il lungo Donta Smith, anche se la squadra più attiva rimane sempre Reggio Emilia, che a gennaio cambierà completamente faccia, dato che tutti i suoi infortunati dovrebbero rientrare, ma per non farsi mancare nulla, ha riportato in Italia James White, che non volerà più come ai tempi belli, ma è sempre un bel giocatore e per coprire la falla nello spot di playmaker, ha firmato per due mesi lo spagnolo Llompart.

E Pesaro? Con grande fatica e colpevole ritardo, anche in casa Vuelle si è deciso finalmente di prendere il sostituto di Mario Little, firmando per un mese il lettone Kuksiks, buon tiratore da tre, la cui permanenza in riva al Foglia anche per il 2018, sarà decisa fra tra qualche settimana, dopo aver valutato il suo rendimento, quello di Bertone e la voglia di Mario Little di rientrare il prima possibile dall’infortunio alla mano destra, Kuksiks avrà almeno tre partite per far vedere il suo talento – Varese, Pistoia ed Avellino – e per mettere in difficoltà lo staff biancorosso nella scelta da effettuare durante le feste natalizie, anche se l’ideale sarebbe che rimanessero tutti, aggiungendo un altro comunitario sotto canestro, per passare all’onerosa formula del 3+4+5, ma per farlo servirebbero soldi che attualmente non sono presenti nelle casse della Victoria Libertas.

Ne riparleremo a tempo debito, per adesso c’è da pensare a Varese, squadra ostica da affrontare, ma che è anche l’ultimo impegno casalingo abbordabile di questo 2017, dato che dopo i lombardi, all’Adriatic Arena si presenteranno Avellino, Milano e Sassari, tre partite in cui la Vuelle non parte certamente coi favori dei pronostici.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

VICTORIA LIBERTAS PESARO (4 PUNTI) – OPENJOB METIS VARESE (6 PUNTI)

DOMENICA 3 DICEMBRE – ORE 18.15 – ADRIATIC ARENA DI PESARO

Diretta streaming su Eurosport Player

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Squadra lunga e completa in ogni reparto questa OpenJob Metis, che forse ha perso un paio di partite di troppo rispetto al previsto, ma che è pienamente in corsa per una posto tra le prime otto al termine del girone d’andata, A dirigere il gioco ci pensa il playmaker Cameron Wells, non proprio uno specialista da tre, ma che fa del gioco in velocità il suo punto di forza, in un reparto esterni dove Antabia Waller ha il compito di aprire la scatola con il suo tiro, mentre Giancarlo Ferrero viene usato come collante, con la sua capacità di ricoprire almeno tre ruoli. Sotto canestro, il verticale Norvel Pelle è un baluardo dell’area colorata, con una capacità d’elevazione veramente notevole, mentre il nigeriano Okoye, può giocare sia da ala piccola che da numero quattro.

Coach Caja sa di avere una panchina profonda, dove tutti danno il loro contributo, con Matteo Tambone e Nicola Natali utilizzati per una decina di minuti a testa, anche se il vero valore aggiunto è la possibilità di usare come cambi, tre stranieri di buonissimo valore, come il serbo Avramovic, che l’anno scorso fu il castigatore della Vuelle, e i lunghi Tyler Cain e Damian Hollis, passaporto ungherese, ma di scuola americana, per un Openjob Metis che sa di avere tutte le carte in regola per espugnare l’Adriatic Arena.

 

IL DUELLO CHIAVE

Eric Mika vs Norvel Pelle: Ancora un avversario difficile da affrontare per Mika, che non sempre riesce a contrastare efficacemente i lunghi verticali, ma ha dalla sua la possibilità di attirarlo fuori dall’area, per metterlo in difficoltà con il suo tiro dalla media distanza.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Non abituatevi troppo, ma dopo tanti mesi di immobilismo, la Vuelle ha dato due segnali di vita, firmando Kuskiks e trovando un nuovo co-sponsor, la Fincoma, azienda lombarda specializzata in cuscinetti a sfera, che non è entrata a far parte del Consorzio, ma ha versato una cifra più consistente di 25.000 euro, anche se come sempre la somma non è stata resa nota, ma non dovremmo essere molto lontani da centomila euro ivati, soldi che sono serviti per ingaggiare Kuskiks e che serviranno in futuro, per fronteggiare nuove eventuali emergenze. La prima, potrebbe essere non una vera e propria emergenza, ma una scelta onerosa da effettuare, come quella che potrebbe portare al taglio di Little o Bertone, entrambi con un contratto in scadenza a giugno, Se Kuskiks dovesse convincere lo staff biancorosso, di meritarsi un garantito fino a fine stagione, si dovrebbe sacrificare uno dei due giocatori e, se non si riuscisse a piazzarli in qualche altra squadra, si dovrebbe trovare un accordo economico soddisfacente per entrambi, scelta che in ogni caso costerebbe qualche decina di migliaia di euro, se ne riparlerà tra trenta giorni, dopo la sfida con Milano.

Rihards Kuksiks

Rihards Kuksiks

Dal punto di vista tecnico, l’arrivo di Kuskiks dovrà servire da stimolo ai compagni, soprattutto a Ceron e Bertone, i due tiratori designati della Vuelle finora, ma che per loro caratteristiche, non hanno nel tiro da tre il loro punto di forza. La speranza è che, senza l’assillo di dover per forza di cose, prendersi 4-5 triple a testa, i due giocatori ritrovino la verve dei tempi migliori, consci che possono essere utili in tanti altri modi, dalla difesa ai rimbalzi, dalle palle recuperate a quei canestri di rapina, che spesso fanno la differenza a fine partita. Naturalmente si dovrà avere pazienza col nuovo arrivato, che essendo un giocatore di sistema, ha bisogno di essere servito coi tempi giusti fuori dall’arco e sia Monaldi, che soprattutto Moore, dovranno alzare la testa e vedere dove sarà posizionato il lettone, rinunciando magari a qualche azione personale, per scovarlo nell’angolino. Il lavoro per coach Leka ed il suo staff, non manca e anche se siamo a dicembre, questa Vuelle ha ancora tante cose da imparare, a patto che tutti abbiano la voglia di farlo.

 

LA NONA GIORNATA IN PILLOLE

Turno spalmato in tre giorni, che inizierà con i due anticipi del sabato sera, entrambi interessanti, come il big match di giornata tra Avellino e Venezia, mentre la rinnovata Capo d’Orlando saggerà la voglia di risalire la classifica di Trento. Nel mezzogiorno domenicale, la Virtus ospiterà Cremona, mentre alle 17.00, Milano andrà a far visita alla rinnovatissima Reggio Emilia, che farà debuttare White e Llampart, così come Ivanov giocherà la sua prima partita in maglia Pistoia, con la The Flexx che riceverà Torino. Alle 21.05, Sassari ospiterà il fanalino di coda Brindisi, in una nona giornata che si chiuderà lunedì sera, col derby lombardo tra Cantù e la capolista Brescia.

 

I PROSSIMI TURNI DELLA VICTORIA LIBERTAS:

Sabato 9 dicembre – ore 20.45:

The Flexx Pistoia – Vuelle Pesaro

 

Domenica 17 dicembre – ore 18.15:

Vuelle Pesaro – Sidigas Avellino

 

Martedì 26 dicembre – ore 18.15:

Red October Cantù- Vuelle Pesaro

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>