Digitalizzare le imprese produttive, il punto sulle Marche

di 

7 dicembre 2017

articolo-n.-eFax-pu24Quella che stiamo vivendo è una vera e propria rivoluzione. La digitalizzazione delle imprese, infatti, è un processo lungo e faticoso, ma anche indispensabile per volgere lo sguardo al futuro con ottimismo. Non a caso è stato messo a punto un bando voucher da parte del Ministero dello Sviluppo Economico volto alla digitalizzazione delle imprese (comunicazione web, e – commerce, sistemi digitali aziendali, banda larga). Un bando atteso da tempo da parte delle imprese della Regione Marche e che prevede finanziamenti a fondo perduto fino a 10mila euro. Possono beneficiare del voucher le imprese operanti in tutti i settori di attività economica ad eccezione di quelli esclusi dall’articolo 1 del regolamento (UE) n. 1407/2013 (aiuti “de minimis”) quali il settore della produzione primaria di prodotti agricoli e della pesca e acquacoltura.

Tuttavia, qualora le imprese che operano in tali settori svolgano anche attività economiche ammissibili, le stesse possono beneficiare del Voucher a condizione che siano in possesso di un adeguato sistema di separazione delle attività o di un sistema contabile che assicuri la distinzione dei costi. Ai fini dell’accesso alle agevolazioni, le imprese sono tenute al rispetto di tutti i requisiti individuati all’articolo 5 del decreto 23 settembre 2014, tra cui è previsto l’obbligo, alla data di presentazione dell’istanza di Voucher, di essere iscritti al Registro delle imprese. Pertanto, gli studi professionali e, più in generale, i liberi professionisti possono accedere alle agevolazioni solo qualora svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione della domanda, al Registro delle imprese.

Queste misure sono quindi rivolte al miglioramento dell’efficienza aziendale, alla modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, allo sviluppo di soluzioni di e–commerce, alla connettività a banda larga e ultra larga, al collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare e alla formazione qualificata nel campo ICT del personale.

L’industria 4.0, dunque, rappresenta un drastico cambiamento culturale che deve partire dagli imprenditori stessi. Per avere successo nel mondo della quarta rivoluzione digitale il segreto è avere un’azienda sufficientemente digitalizzata, ovvero avere già una buona base da cui partire. Il secondo passo è fare pratica e corsi di aggiornamento e di formazione per i propri dipendenti. Questo perchè la digitalizzazione corre veloce sui binari che portano al futuro delle aziende ed è fondamentale avere a che fare con personale qualificato e preparato a cogliere tutte le opportunità che offerte dalla digitalizzazione.

Il futuro delle aziende della regione Marche, quindi, sembra essere destinato a seguire la strada tracciata dal progresso tecnologico e quindi dalla quarta rivoluzione industriale che ha dato alle nostre imprese nuova linfa.

Sono numerose le soluzioni tecnologiche innovative in grado di migliorare e facilitare il lavoro. Dalle cose più semplici, come può essere l’invio di un fax online, a quelle più complesse. Il tutto supportato da una ottima connessione internet a banda larga o ultralarga, indispensabile per cavalcare il cambiamento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>