Volley A1, Conegliano espugna Novara e rafforza il primato. Le ipotesi per la Coppa Italia. Alessia Ghilardi a Oltre la Rete su Rai Sport

di 

9 dicembre 2017

Kimberly Hill, americana di Conegliano, grande protagonista a Novara (Foto Rubin:Lvf)

Kimberly Hill, americana di Conegliano, grande protagonista a Novara (Foto Rubin:Lvf)

Igor Gorgonzola Novara – Imoco Conegliano 2-3

Novara: Vasilantonaki, Camera, Plak 22, Gibbemeyer 4, Enright 6, Skorupa 1, Bonifacio ne, Chirichella 12, Sansonna (L), Piccinini 9, Populini ne , Zannoni (L), Egonu 26. All. Barbolini.

Conegliano: Bricio 17, Fiori (L) ne, De Kruijf 7, Cella, Melandri, De Gennaro (L), Danesi 6, Papafotiou, Fabris 11, Wolosz 3, Hill 26, Nicoletti 10. All. Santarelli.

Arbitri: Turtù e Luciani

Parziali: 25-20; 19-25; 25-16; 23-25; 11-15 in 123 minuti.

Note: spettatori 3.300 circa.

Nel secondo anticipo della 10^ giornata di andata, Conegliano brinda con il prosecco al primato in classifica consolidato grazie a l successo nel campo delle campionesse d’Italia. Una sfida infinita, tutta da gustare da parte degli appassionati.

Il primo set lo decide l’Ital…Igor: 3 muri di Chirichella e gli attacchi di Egonu schiantano la resistenza dell’Imoco, che paga anche il doppio cambio (Papafotiou e Fabris) che fa male alle venete. Dal 17-18 esterno si passa al 20-25 con un 8-2 che fa malissimo alle ragazze di Daniele Santarelli. 6 Enright, 4 Chirichella ed Egonu. Per l’Imoco, 6 Hill, 3 Bricio, Danesi e Nicoletti.

Con una Hill incontenibile (12), l’Imoco replica subito. Guadagnate 5 lunghezze (4-9), le pantere difendono il margine, anzi lo ampliano (14-22) e pareggiano il conto con un attacco dell’americana.

Prendete il precedente set, riproponetelo, ma invertendo i ruoli e avrete il parziale favorevole a Novara: 25-16. Se Hill è fantastica (20), Egonu è in crescita esponenziale: 17. E l’Igor è efficace al muro (11 a 6 dopo tre set), Imoco micidiale in battuta: 9 a 3. Tanti gli errori veneti: 18, contro i 12 piemontesi.

Conegliano parte benissimo nel quarto set: 3-7, poi subisce un break incredibile, passando dal più 1 sul 7-8 al meno 2 del 14-12. Però De Gennaro e compagne non cedono e dal 16-14 per le novaresi si portano sul 17-19, difendendo il margine con Wolosz e andando al tie-break per un errore di Plak.

Quinto set nel segno dell’ex Samanta Fabris. Guadagnati due punti, le pantere vanno sul più 5 (8-13) per un errore di Egonu e un ace della croata. Il timbro nel successo lo mette l’olandese De Kruijf che prima mura la connazionale Plak, poi attacca con una fast che trova solo il taraflex.

La classifica:

Conegliano 26

Novara 24

Busto Arsizio 23

Scandicci 20

Modena e Pesaro 13

Monza 12

Firenze e Casalmaggiore 10

Legnano 9

Bergamo 5

Filottrano 3

Busto Arsizio, Casalmaggiore, Conegliano e Novara una partita in più.

Ricordato che venerdì Busto Arsizio ha espugnato Casalmaggiore, queste le partite in programma domenica, ore 17, dirette su Lvf.tv:

Pesaro – Firenze, arbitri Rocco Brancati di Perugia e Alessandro Cerra di Bologna

Scandicci – Bergamo

Monza – Modena

Filottrano – Legnano

Lunedì sera (ore 23) Alessia Ghilardi, libero della myCicero, sarà ospite in diretta Skype della trasmissione Oltre la Rete, condotta da Maurizio Colantoni con la “partecipazione” di Andrea Lucchetta. L’hanno annunciato i due alla fine della telecronaca di Novara – Conegliano. 

A due giornate dalla conclusione del girone d’andata, quattro le squadre già qualificate ai quarti di finale di Coppa Italia (andata 20 dicembre in casa della peggiore qualificata, ritorno 30 dicembre). Sono le prime quattro della classifica, irraggiungibili. Modena e Pesaro, quinte, hanno un consistente vantaggio sulla nona, che al momento è Casalmaggiore. La Pomì ha un pessimo quoziente set (0,60) rispetto a chi la precede: Modena 0,947, Pesaro 0,944, Monza 0,85, Firenze 0,681.

Salvo risultati sorprendenti, saranno Modena, Pesaro, Monza e Firenze a giocarsi l’ordine degli altri quattro posti nel primo turno di Coppa Italia.

La myCicero, che chiuderà l’andata in casa dell’Imoco, ha la qualificazione nelle proprie mani: se vincerà (anche al tie-break) con Il Bisonte, sarà certamente nelle 8. Tra Modena e Casalmaggiore che s’affronteranno nell’ultima giornata, qualcuna perderà punti. E altrettanto accadrà questa domenica tra Monza e Modena.

Firenze può fare l’exploit, e anche per questo s’annuncia avversaria, temibile, ma perché la squadra di Bracci faccia il salto di qualità deve vincere a Pesaro e una settimana dopo in casa con Filottrano.

Per accedere alla Coppa, la Sab Legnano, al momento decima, deve superarsi. Le servirebbero almeno 5 punti, ma non le sarà facile espugnare Osimo, campo di Filottrano, e fare punti con Novara nell’ultima di andata, pure se in casa.

Final four il 17-18 febbraio, con la finale di A2

Le finali a quattro si svolgeranno il 17 e 18 febbraio, in una sede da designare che ospiterà – dunque non avevamo torto a sostenerlo – anche la finale di Coppa Italia di A2.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>