Pneumatici invernali, ecco tutto quello che c’è da sapere

di 

11 dicembre 2017

EC-Dicembre-2017-Pu24Oramai è passato quasi un mese dal 15 novembre, data fondamentale per tutti gli automobilisti. Infatti, è caduta in quel giorno la scadenza secondo cui le auto che viaggiano sulle strade e sulle autostrade in cui vige l’obbligo dovranno montare pneumatici da neve. L’alternativa è ovviamente rappresentata dall’avere le catene a bordo.

Sono tantissime le domande legate a come sceglierli, come montarli e tanto altro. Va innanzitutto detto che il Codice della Strada prevede la possibilità di montare soltanto due pneumatici invernali del tipo M+S. Le norme però specificano che i due pneumatici dello stesso asse devono essere dello stesso tipo e misura. È un qualcosa che però viene altamente sconsigliato, perché può portare a delle differenze di aderenza tra avantreno e retrotreno.

L’obbligo resterà in vigore fino al 15 di aprile. Dal 16 maggio al 14 ottobre, tornano obbligatori gli pneumatici estivi, a meno che quelli invernali, oppure i cosiddetti quattro stagioni, non abbiano codice di velocità uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione. In tal caso è possibile utilizzare gli invernali per tutto l’anno. Un altro aspetto che va assolutamente tenuto in considerazione nella scelta delle gomme auto più idonee è l’invecchiamento delle gomme auto. In ballo c’è soprattutto la tanto agognata sicurezza alla guida. Va però detto che gli pneumatici moderni sono dotati di mescole con silice, che li permette di resistere meglio al passare del tempo. C’è sicuramente un calo di prestazione, ma molto è legato alla conservazione. Insomma, sono stati fatti molti passi in avanti e non si può non tenerne conto.

Ma dove vige questo obbligo? Principalmente su tutte le strade considerate a rischio di precipitazioni nevose e di formazione di ghiaccio. Ad esempio, per quel che riguarda le Marche, tra i tratti interessati ci sono: Strada Statale 16 ‘Adriatica’, da Colombarone (km 226,700) a Cattabrighe (km 231,700) in provincia di Pesaro Urbino, e da Falconara Marittima (km 288,300) ad Aspio di Ancona (km 308,200), in provincia di Ancona; Strada Statale 73bis ‘di Bocca Trabaria’, dal confine regionale con l`Umbria (km 16,804) a Fossombrone (km 88,100), in provincia di Pesaro Urbino; Strada Statale 4 ‘via Salaria’, da Ascoli Piceno (km 181,600) al confine regionale con il Lazio (144,958), in provincia di Ascoli Piceno.

Su ogni strada l’obbligo viene segnalato attraverso l’apposita segnaletica verticale. Questo ha validità anche fuori dal periodo che va dal 15 novembre al 15 aprile nel caso di condizioni meteorologiche caratterizzate da precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio.

E per le città e le aree urbane? In questo caso non vi è uno specifico obbligo, ma il montaggio di pneumatici invernali resta la soluzione consigliata per garantire all’auto le migliori prestazioni in termini di sicurezza. In caso di nevicate abbondanti, le ordinanze municipali possono comunque introdurre l’obbligo di avere a bordo le dotazioni previste, quindi i pneumatici invernali oppure le catene. Ciò che viene sempre raccomandato è prudenza alla guida e costante verifica delle condizioni meteorologiche e di traffico. Ciò sta alla base di tutto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>