Volley A1, Imoco troppo forte, niente Prosecco per la myCicero. Scandicci, che rimonta con Isabella Di Iulio

L'Imoco esulta dopo l'ennesima vittoria (Foto Cev)

L’Imoco esulta dopo l’ennesima vittoria (Foto Cev)

Imoco Conegliano – myCicero Pesaro 3-0
ConeglianoWolosz 2 (0/1; 2 ace), Melandri 7 (4/9; 3 muri), Danesi 4 (2/9), Bricio 18 (14/31), Hill 12 (1026/), Fabris14 (10/22) De Gennaro (L: Ricezioni 8, errori 1, positiva 88%, perfetta 75%), Fiori (L), De Kruijf ne, Cella ne, Papafotiou, Nicoletti 2 (1/4). All. Santarelli; vice Simone
PesaroCambi 2 (2/3), Van Hecke 14 (11/28; 2 ace), Olivotto 3 (2/10), Aelbrecht 4 (4/11), Bokan 5 (4/14), Nizetich 10 (9/33), Ghilardi (L: Ricezioni 26, errori 4, positiva 46%, perfetta 23%), Bussoli ne, Baldi (0/1), Carraro, Arciprete 6 (5/12), Lapi ne. All. Bertini; vice Burini
Arbitri: Roberto Boris e Davide Prati di Pavia
Parziali: 25-23; 25-19; 25-19 in 82 minuti
Statistiche di squadraConegliano: Battute 73, errori 7, punti 10. Ricezioni 56, errori 3, positiva 52%, perfetta 27%. Attacchi 102, errori 8, muri subiti 4, punti 41, 40%. Muri fatti 8. Errori avversarie 16. Pesaro: Battute 63, errori 7, punti 3. Ricezioni 66, errori 10, positiva 41%, perfetta 18%. Attacchi 112, errori 9, muri subiti 8, punti 37, 33%. Muri fatti 4. Errori avversarie 17.

“Queste sono le partite più difficili da preparare”: parola di Daniele Santarelli. La myCicero ha fatto di tutto per dargli ragione, almeno per un set, il primo, perso con grandi rimpianti. Poi è emersa la differenza di valori, anche se l’Imoco è senza una straniera del valore di Megan Easy e non ha utilizzato Robin De Kruijf, “The Queen”, la regina dei tifosi veneti. Ma le è bastato il servizio per scardinare le certezze della myCicero, per la prima volta in difficoltà nel fondamentale anche con Alessia Ghilardi. Il rapporto tra ace e servizi sbagliati è stato clamoroso per l’Imoco che ha impedito il brindisi pesarese a base di Prosecco.

Senza De Kruijf, l’Imoco ha problemi al centro. La presenza di Melandri è inizialmente impalpabile. E Danesi non fa meglio: il tabellino delle due giovani centrali è vuoto. Purtroppo, però, la coppia Aelbrecht-Olivotto non è in serata.

Apre il servizio di Nizetich, la pipe di Samanta Fabris sigla il primo punto. Il primo vantaggio esterno (3-4) è fissato da Yas Nizetich. La diretta di Lvf.tv è disastrosa in questo avvio di partita: il segnale dal Palaverde va e viene. Il punto a punto della Lega segnala il vantaggio esterno: 7-9. Si assiste a un duo – Bricio & Fabris – contro una squadra, la myCicero. La coppia trevigiana è a quota 11 (6 la croata, 5 la messicana), mentre Van Hecke (5) guida le sue al più 3: 15-18. Pesaro difende il più tre e comunque resta avanti, poi subisce il recupero e il sorpasso dell’Imoco: 23-22. La reazione è immediata: 23 pari, ma le pantere graffiano al momento giusto e vincono il primo parziale: 25-23 in 29 minuti. Grandi attacchi (49% le venete, 46% le pesaresi), con le ragazze di Bertini meno fallose: 1 errore contro 5: Fabris 8, Bricio 7, Hill 6; Nizetich 6, Van Hecke 5, Bokan 4.

La myCicero, che ha sprecato una grande occasione per passare in vantaggio, deve evitare di subire il contraccolpo psicologico. Che invece giunge puntuale. Venete presto in vantaggio e in totale controllo, con le pesaresi brave a evitare un tracollo nella fase finale del set: 24-19 in 26 minuti. Bertini dà spazio ad Arciprete, mentre Santarelli può contare su una Bricio scatenata: 8 punti. La migliore realizzatrice pesarese è Lise Van Hecke: 3. Pantere meglio in tutti i fondamentali: 5 ace a 1; 2 muri a 0; 38% offensivo contro il 30% della myCicero. Ancora una volta meno errori per le pesaresi: 4 a 7.

Grandissima reazione nel terzo set, quando la myCicero va sotto di tre punti, ma recupera e sorpassa: 12-14. Reagisce l’Imoco (19-16), che non vorrebbe allungare la partita. Pesaro non è d’accordo: 20-19. Poi solo Imoco, in un set segnato dagli  errori pesaresi: addirittura 11.

Si è giocato anche un altro anticipo:

Unet E-work Busto Arsizio – Savino Del Bene Scandicci 2-3

Parziali: 25-16; 14-25; 26-24; 24-26; 9-15

Adenizia fantastica- 8 i muri della centrale brasiliana (Foto Rubin:Lvf)

Adenizia fantastica- 8 i muri della centrale brasiliana (Foto Rubin:Lvf)

Dominio totale lombardo nel primo set; toscano nel secondo, grazie ai muri di Adenizia che scavano un fossato. Il terzo set è un’emozione continua, in un punto a punto infinito. Se lo aggiudica la squadra di Mencarelli, che parte con slancio anche nel quarto parziale guadagnando un grande margine. Parisi cambia in regia, dando spazio a Isabella Di Iulio che dimostra una buona intesa con le compagne, in particolare la formidabile Haak. Su questo asse arriva un clamoroso recupero: 24-26. Un recupero che si concretizza definitivamente nel quinto set. Come a dire che una partita che sembrava già in cassaforte della Unet ha cambiato strada ed è finita sulle colline toscane.

Migliori realizzatrici:

Busto Arsizio: Diouf 25, Gennari 15, Bartsch 14, Berti 12

Scandicci: Haak 31, Caterina Bosetti e De La Cruz 15, Adenizia 12 (8 muri).

La nuova classifica

Conegliano 29
Novara 24
Busto Arsizio e Scandicci 24
Modena e Pesaro 15
Monza 13
Legnano e Firenze 11
Casalmaggiore 10
Bergamo 6
Filottrano 4
Conegliano, Busto Arsizio, Scandicci e Pesaro una partita in più.

Le partite di domenica (ore 17, diretta Lvf.tv):

Bergamo – Monza
Modena – Casalmaggiore
Firenze – Filottrano
Legnano – Novara

Lube Civitanova in finale per il titolo mondiale

Infine, una bellissima notizia di volley maschile: superando (3-0) i polacchi dello Skra Belchatov, la Lube Civitanova campione d’Italia si è qualificata per la finale del campionato del mondo per squadre di club e affronterà i fortissimi russi dello Zenit Kazan che oggi hanno travolto (3-0) i brasiliani del Sada Cruzeiro. La partita che assegnerà il titolo è in programma domenica alle ore 20,30, in diretta sul Fox Sports, canale 204 di Sky.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>