Volley A1 Coppa Italia, Modena s’aggiudica la sfida in altalena, Busto cede al tie-break nel più bel quarto di finale

di 

22 dicembre 2017

Le modenesi sorridono- hanno tutti i motivi per farlo (dalla pagina Facebook della Liu Jo Nordmeccanica)

Le modenesi sorridono- hanno tutti i motivi per farlo (dalla pagina Facebook della Liu Jo Nordmeccanica)

Liu Jo Nordmeccanica Modena – Unet e-work Busto Arsizio 3-2
Modena: Garzaro 2 (2/6), Heyrman 15 (8/23; 2 ace; 5 muri), Leonardi (L), Montaño 26 (20/55; 4 muri), Vesoviċ ne,Caterina Bosetti 11 (10/34), Ferretti 1 (0/1), Calloni 3 (1/6; 2 muri), Pincerato 4 (3/3; 1 ace), Tomiċ, Barun 27 (22/48; 5 ace), Bisconti. All. Fenoglio.
Busto Arsizio: Piani, Stufi 6 (5/13), Badini ne, Spirito (L), Gennari 7 (6/23), Dall’Igna ne, Orro 1 (0/1), Wilhite 1 (1/5), Diouf 29 (26/61), Bartsch 23 (18/44; 3 ace), Berti 10 (3/10; 7 muri), Negretti, Chausheva 1. All. Mencarelli.
Arbitri: Andrea Puecher di Padova e Dominga Lot di Treviso
Parziali: 25-20; 27-29; 20-25; 25-20; 15-10 in 127 minuti.
Statistiche di squadraModena: battute 111, errori 15, punti 11. Ricezioni 93, errori 9, positiva 76%, perfetta 48%. Attacchi 176, errori 11, muri subiti 13, punti 66, 38%. Muri fatti 12. Errori avversarie 23. Busto Arsizio: battute 104, errori 11, punti 6. Ricezioni 97, errori 11, positiva 65%, perfetta 36%. Attacchi 157, errori 9, muri subiti 12, punti 59, 38%. Muri fatti 13. Errori avversarie 26.

Con la sfida tra Modena e Busto Arsizio, si sono completate le partite d’andata dei quarti di finale di Coppa Italia.

Ha vinto Modena, che ha concluso in alto l’altalena che l’ha vista prima volare, poi sprofondare, infine ritornare a volare. Oltre due ore di pallavolo condita di tanti errori, ma anche di grandi momenti e di belle giocate, a incominciare dalle prestazioni offensive delle doppie coppie: da una parte Barun e Montaño, dall’altra Diouf e Bartsch.

Per l’Unet seconda sconfitta consecutiva al tie-break dopo avere guidato due set a uno. E’ un campanello d’allarme?

Il primo set ha visto una buona partenza lombarda, con Busto che ha guadagnato 2 lunghezze. Modena, guidata da Francesca Ferretti,ha replicato con un 3-0. Una volta in vantaggio, le emiliane, che hanno messo in difficoltà la ricezione di Bartsch, hanno insistito e lavorando bene al muro da quota 20 in poi (guadagnata grazie a due video-check vincenti di Fenoglio) hanno chiuso proprio con un murone di Heyrman: 25-20.

Chi di muri colpisce, i muri… subisce. In particolare quelli di Berti che, giunta a quota 4, stampa l’8-13. Ma basta che Diouf attacchi troppo lungo che Modena è a un passo, anzi due: 11-13. Ma è una scatenata Montaño a spingere il recupero completo e il sorpasso: 21-20. Diouf non trova più il campo (22-20) e lascia il posto a Vittoria Piani. Per fortuna di Busto, è Barun a uscire dal servizio con una battuta sbagliata. Piani torna a sedere, rientra Diouf. Su alzata di Orro in bagher, dopo grande difesa di Gennari, Bartsch, che aveva appena pareggiato, sorpassa poi: 22-23. Busto spreca con un palleggio approssimativo di Orro, ma Diouf regala una palla set, che Mencarelli – dopo il time-out di Fenoglio – si gioca con Negretti al servizio (al posto di Berti), che però spedisce fuori. Ed è 24 pari. Torna Berti, Fenoglio alza il muro con con Tomiċ per Ferretti, ma Heyrman serve in … rete. Barun pareggia dalla seconda linea con una grande parallela. Busto ancora avanti con Diouf. Orro invade, 26 pari. Orro si riprende murando Montaño. 26-27 con il primo punto della palleggiatrice. Montaño 2, la vendetta, passa in mezzo al muro ed è 27 pari. Ancora una palla set per le lombarde con Bartsch. Dopo grandi difese emiliane, Berti mura la pipe centrale di Caterina Bosetti: 27-29. E’ il set più avvincente dei quarti di finale. Ed è anche la prima parità fatta registrare in questa fase.

Avvio equilibrato di terzo set. Equilibrio rotto da una bella azione di Caterina Bosetti – serve, difende e attacca – per il il 9-6. Un attimo, perché un’invasione di Ferretti significa 9-8. Busto è più determinata e dopo avere impattato a 10 recupera un altro meno 1 (12-11) e mette a segno un break importante (12-14) con il contributo degli errori Liu Jo. Arriva il più 3 esterno con Bartsch: 13-16. Busto manca il più 4, stoppata da un muro di Ferretti, e si ritrova con un solo punto di margine: 17-18. Busto torna a più 4 quando Montaño sbaglia l’attacco in diagonale e Bartsch mura la fast di Heyrman. Set chiuso? Manco per idea. Dopo il time-out di Fenoglio, mini break emiliano firmato da Montaño, attacco vincente più ace: 20-22. Modena ha la palla del meno 1, ma Bosetti conferma di essere in un momento no e spedisce fuori il possibile meno 1. Sbaglia anche Barun ed è 20-24. Gran servizio di Orro, Leonardi riceve male e Berti punisce di prima intenzione: 20-25. Ribaltato il risultato, ora conduce l’Unet della coppia Diouf (18) e Bartsch (16). Montaño a quota 20, Barun a 17.

Il primo muro della serata messo a segno da Stufi lancia le ragazze di Mencarelli: 2-6. Immediato time-out di Fenoglio. “Ragazze, possiamo rientrare solo aiutandoci, giocando di squadra”. Lo ascoltano ed è 9-10. Diouf risponde: 10-13. Fenoglio manda in campo Pincerato – subito in evidenza con una bella alzata a una mano per l’attacco vincente di Heyrman – al posto di Ferretti. E quando la centrale belga mura Gennari è di nuovo parità: 13-13. Pincerato propizia il sorpasso. Barun mette in difficoltà la seconda linea lombarda, Montaño è lesta ad approfittare con una micidiale prima intenzione: 15-13. Modena manca due occasioni per allungare, Busto è a meno 1: 16-15. Barun è una sentenza dalla seconda linea, la Liu Jo va sul 21-18, difende il margine sudato, chiude 25–20 con una fast di Heyrman e guadagna il diritto di andare al tie-break. Finalmente un quarto di finale equilibrato.

Un ace di Barun – decimo modenese – apre il 5° set. 20° punto di Bartsch ed pareggio. Brava Pincerato a cercare e trovare una perfetta seconda intenzione: 3-2. Calloni spietata sotto rete con una prima intenzione che capitalizza la bella battuta di Heyrman: 4-2. Ace di Pincerato: 6-3. Gennari dà ossigeno all’Unet. Si rivede Caterina Bosetti, ed è una presenza importante per Modena: 8-5. Stufi colpita per caso (forse ai capelli) dal muro di Modena: 9-5. E quando Bartsch manda fuori la parallela è più 5 interno (12-7), un vantaggio prezioso per le emiliane. Diouf (26) prova a caricare le compagne, ma Pincerato è ispirata con una seconda intenzione vincente. Heyrman serve in posto 5, tra Spirito e Gennari e sono 6 palle match per la Liu Jo: 14-8. Diouf azzera la prima, e anche la seconda con un muro che chiude l’azione più lunga della già lunghissima serata. Ci pensa lei, Katarina Barun, a quota 28, ed è 15-10.

Le partite di ritorno sono in programma sabato 30 dicembre, dopo che la serie A1 avrà consumato la prima giornata di ritorno della stagione regolare che vedrà la myCicero Pesaro ospitare (martedì 26 dicembre, ore 16) la Lardini Filottrano in un derby delle Marche salutato dalla presenza delle telecamere di Rai Sport.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>