Volley A1, a Conegliano e Modena nuovi arrivi dagli States. Derby delle Marche: la crisi di Tomsia nella Lardini e la felicità di Pesaro con Van Hecke

untitled

Lise Van Hecke, un ingaggio eccellente per la myCicero (foto Rubin/Lvf)

PESARO – Mancano pochi giorni all’apertura della finestra dei trasferimenti invernali (8 – 31 gennaio) e si concretizzano i primi arrivi, anche se non utilizzabili subito: Treviso ha ufficializzato l’ingaggio di Simone Lee, Modena quello di Symone Abbott.

Altre arriveranno, soprattutto a Filottrano che ha bisogno come il pane di una centrale al posto della sfortunata Asia Cogliandro (Giulia Pisani, che si è allenata per un mese con la Lardini, ha lasciato le Marche), e non si escludono movimenti in zona 2 e 4, vista la stagione negativa di Berenika Tomsia, come pure di Lana Sčuka.

Anche Legnano avrebbe due straniere da sostituire. Lo farà? E’ la domanda che circola fra gli addetti ai lavori.

In verità, circolano tante voci anche su altre società. Non resta che attendere, senza proporre illazioni e voci, che peraltro si fermano al “è così, ma non tirarmi in ballo, io non ti ho detto niente”.

Veniamo ai fatti concreti: il 15 dicembre abbiamo citato un articolo de La Tribuna di Treviso che raccontava il viaggio americano di Pietro Maschio, co-presidente dell’Imoco Conegliano, andato a seguire le Final Four della Ncaa volleyball, il campionato universitario: “Pietro Maschio ha seguito con interesse Simone Lee, 22enne posto 4 di Penn State, alta 185 centimetri”.

Sarà proprio lei la sostituta di Megan Easy, incappata in un infortunio che ha posto fine alla sua stagione. Curiosità: anche Simone Lee ha la stessa alma mater di Megan, la famosa Penn State.

La Tribuna raccontava anche dell’interessamento per Symone Abbott di Northwestern, che è finita alla Liu Jo Nordmeccanica Modena. La schiacciatrice statunitense, 21 anni, alta 186 centimetri, sarà un rinforzo che in Emilia si augurano prezioso per il girone di ritorno che inizierà martedì 26 dicembre.

Nelle Marche è attesa per il derby tra Pesaro e Filottrano, con la Lardini ultima in classifica, 1 vittoria 10 sconfitte. L’unico successo nel derby d’andata, giornata d’apertura del campionato, quando sul taraflex del PalaBaldinelli di Osimo s’imposero le locali, allora allenate da Alessandro Beltrami. La myCicero, che – ricordiamolo – era senza Yamila Nizetich, in Perù con la propria nazionale impegnata con successo nelle qualificazioni ai mondiali 2018 in Giappone, vinse il primo set, perse i tre successivi. Mvp fu Berenika Tomsia che realizzò 23 punti con il 40% offensivo, aggiungendo 1 ace e ben 5 muri. La classica prova dell’ex, sostenuta anche dal fatto che il suo procuratore l’aveva informata che la trattativa con Pesaro non era andata a buon fine.

Con tutto il rispetto, tutta la vita Lise Van Hecke, che ha sta dimostrando c con i fatti che la scelta di tornare in provincia di Pesaro Urbino, dopo i fasti nella Robur Tiboni ducale, è stata positiva, anzi eccellente.

Al contrario, Berenika non si è ripetuta, mai superando i 20 punti. Il suo massimo è stato di 17 punti, ma in 5 set e con il 29% offensivo, contro la Sab Legnano, nella partita casalinga che ha fatto precipitare le quotazioni di coach Beltrami e della sua squadra. Il peggio, però, è arrivato una settimana dopo, a Firenze, quando la Lardini ha perso senza mostrare alcuna reazione, tanto che l’allenatore è stato esonerato, e l’opposta polacca ha chiuso con 1 punto e 1/7 e 14% offensivo. Prestazioni che dopo 11 giornate possono esprime un giudizio: il contributo di Berenika Tomsia è stato molto deludente. Finirà la stagione oppure i dirigenti filottranesi, peraltro molto oculati nell’amministrazione del budget e rispettosi dei diritti delle giocatrici (mai abbiamo ascoltato una lamentela sui pagamenti), proveranno a trovare una giocatrice in grado di cambiare il percorso della stagione?

In questo contesto, risulta di difficile comprensione la presenza di Berenika Tomsia, ma anche di Lana Scuka, la schiacciatrice slovena della Lardini, all’All Star Game – tra le stelle italiane e quelle straniere – in programma stasera a Bergamo.

Che dite, in un periodo così, a pochi giorni dalla prima di ritorno del 26 dicembre, che si gioca alle ore 16 in diretta su Rai Sport, coach Bertini, allenatore della myCicero, e Giuseppe Nica, che ha rilevato il ruolo di Beltrami, sentivano la necessità di perdere per un giorno Carlotta Cambi e Yamila Nizetich da una parte Berenika Tomsia e Lana Sčuka dall’altra?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>