Volley A1 Coppa Italia, a Novara basta un set per superare Pesaro. L’ex Gibbemeyer invita a non sottovalutare la myCicero

di 

29 dicembre 2017

Igor Gorgonzola nettamente favorita, ma Giulia Carraro e compagne proveranno a fare uno scherzo alle tricolori (Foto Rubin:Lvf)

Igor Gorgonzola nettamente favorita, ma Giulia Carraro e compagne proveranno a fare uno scherzo alle tricolori (Foto Rubin:Lvf)

PESARO – Viaggio in giornata per la myCicero che sabato sera è ospite dell’Igor Gorgonzola. Due trasferte a Novara tra sabato 30 dicembre e domenica 7 gennaio. Fine 2017 e inizio 2018 in compagnia del buon formaggio, in verità finora indigesto per la squadra allenata da Matteo Bertini, sempre sconfitta in casa dalle campionesse d’Italia.

Basterebbe già questo ingrediente per ipotizzare un’altra serata quanto meno difficile. Poi magari l’aria del PalaIgor potrebbe risultare meno insalubre di quella respirata a Campanara al cospetto di WonderWoman Paola Egonu e compagne. Sicuramente farà più caldo, se è vero che all’andata Piccinini – noblesse oblige – e altre piemontesi lamentarono il freddo patito – ossimoro se c’è ne è uno – durante il riscaldamento mattutino. Questione di caldaie in tilt, pare.

In verità, mercoledì 20, le mani novaresi furono tutto meno che fredde, se è vero che nei singoli set attaccarono con il 52% nel primo, addirittura il 60% nel secondo e quando calarono s’accontentarono del 47%, per un 52% complessivo che racconta meglio di ogni parola la forza delle ragazze allenate da Massimo Barbolini.

Per intenderci meglio, Pesaro non fu poi così male, ma il suo momento offensivo migliore produsse il 45% e il totale si fermò al 42%.

Il 3-0 conquistato a Pesaro mette l’Igor nelle condizioni migliori.

“Ci manca un set per centrare l’obiettivo, ma Pesaro verrà a Novara pronta a giocarsi il tutto per tutto – avvisa la centrale Lauren Gibbemeyer, ex pesarese – e sarà fondamentale, per noi, scendere in campo concentrate e attente fin dal primo pallone. Vogliamo passare il turno e vogliamo farlo disputando un’altra grande partita, contro un avversario che non sarà affatto arrendevole. La chiave? Servire bene, come abbiamo fatto nella gara d’andata, e poi gestire bene la correlazione muro-difesa potrebbe facilitarci il conto. Sarà importante anche l’aggressività da parte nostra”.

Si gioca alle ore 20,30, arbitri Giorgio Gnani e Gianfranco Piperata di e – come le altre tre partite del ritorno degli ottavi di finale – Novara – Pesaro si potrà seguire in diretta nel canale web di Lvf.tv.

Alla stessa ora si gioca anche a Scandicci tra Savino Del Bene e Saugella Monza (andata 3-0) per le brianzole) e Conegliano tra Imoco e Il Bisonte Firenze (andata 3-0 per le venete).

Alle ore 21, invece, sul taraflex del PalaYamamay di Busto Arsizio s’affrontano Unet E-work e Liu Jo Nordmeccanica Modena, in una sfida assai aperta dopo il 3-2 dell’andata per le emiliane.

Ricordiamo che passa il turno chi tra andata e ritorno vince più set e che le Final four sono in programma il 17 e 18 febbraio, probabilmente a Bologna, anche se poche settimane fa si era ipotizzato il PalaEur di Roma.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>