Volley A1, Novara e Busto Arsizio per se stesse e per la myCicero Pesaro

di 

21 gennaio 2018

Un attacco vincente di Yas Nizetich, grande capitano della squadra che è la sorpresa più bella della stagione 2017/18 in serie A1

Un attacco vincente di Yas Nizetich, grande capitano della squadra che è la sorpresa più bella della stagione 2017/18 in serie A1

PESARO – La quinta giornata di ritorno ha sancito che per i primi quattro posti i giochi sono praticamente fatti. Salvo clamorose distrazioni di Busto Arsizio, che ha sette punti di vantaggio sulle attuali quinte, le inseguitrici dovranno accontentarsi delle posizioni di rincalzo. Che in verità, almeno per una squadra, sono posizioni semplicemente straordinarie, perché nessuno, neppure il più inguaribile ottimista, avrebbe pronosticato la myCicero così in alto. Tutto merito – per dirla con Alessia Ghilardi – del grande lavoro dello staff tecnico, della dedizione di tutte le ragazze, della giusta chimica che si è creata. Una myCicero che ha vinto sabato sera, nell’anticipo con la Pomì, e pure stasera, grazie ai successi di Novara e Busto Arsizio che hanno impedito il sorpasso di Modena e Monza.

Il prossimo turno, che metterà di fronte Pomì Casalmaggiore e Il Bisonte Firenze, probabilmente deciderà chi tra le due squadre avrà ambizioni di playoff e chi, invece, dovrà lottare per la salvezza.

Conegliano – Bergamo 3-1

Parziali: 25-22; 24-26; 25-13; 25-15

Migliori realizzatrici: Hill 19, Bricio 15, Melandri 14, Nicoletti 12. Malagurski e Sylla 13.

Bergamo, che non può utilizzare Acosta e non ha Paggi e deve fare presto i conti con un infortunio di Malinov (caviglia), se la gioca e quasi sorprende la capolista. L’Imoco recupera e Santarelli propone un triplo cambio. Quello vincente è di De Kruijf che mura il primo tempo di Popović.

Anche il secondo set inizia nel segno di Bergamo: 9-13. Hill porta le venete a meno 1 (20-21). L’americana è ancora strepitosa per il 21-2, poi sbaglia la battuta, ma è sempre lei ad accorciare: 22-23. Malagurski non chiude, pareggia Nicoletti. Malinov inventa una magia di seconda. Bricio non chiude e Sylla segna il 24-26.

L’Imoco torna in campo con grande cattiveria agonistica, il set non ha storia, se non che a chiuderlo è l’ultima arrivata in casa Imoco, Simone Lee.

Novara – Modena 3-0

Parziali: 25-22; 29-27; 25-23

Migliori realizzatrici: Egonu 23, Plak 14. Caterina Bosetti 13, Barun 10.

Primo set abbastanza equilibrato, ma in dirittura d’arrivo s’impone la squadra tricolore che chiude con Plak.

Il secondo set lo apre meglio la Liu Jo, che si porta decisamente avanti, tanto da andare sul 19-24. Novara, che difende bene su Mingardi, annulla tre palle ball. L’ultima con un muro di Chirichella sull’ex compagna Barun. Egonu mura Mingardi ed è parità. Barun recupera un’altra palla set, poi va al servizio, fuori. Video-check di coach Fenoglio, ma la palla è decisamente lunga. Parità a 25. Protesta la Liu Jo. Mingardi riporta avanti Modena. Egonu pareggia. Chirichella sbaglia la battuta per la terza volta. Fa altrettanto Heyrman. Bosetti attacca due volte e non trova il taraflex. La punisce Egonu: 28-27. E il muro di Novara mette in cassaforte il secondo set. Ma che spreco Modena…

La Liu Jo prova a reagire: 10-13. Con il muro di Chirichella e gli errori altrui, Novara recupera la parità a 17. Modena ancora a più 2, ma l’Igor proietta il film del precedente se e Celeste Plak gioca sulle mani di Francesca Ferretti per il 3-0 finale.

Filottrano – Scandicci 1-3

Parziali: 25-22; 18-25; 15-25; 17-25

Migliori realizzatrici: Mitchem , Hutinski . Haak , De La Cruz , Caterina Bosetti .

Parte bene la Lardini, portandosi sul 19-14. Un 3-8 esterno pareggia i conti, ma Filottrano ha risposte preziose da Hutinski e Mitchem che mette a terra il 25-22.

Scandicci, ferita, reagisce ruggendo: 3-9. Lardini da applausi per un grande recupero e parità a 11. La SDB allunga ancora. Sul 17-19 entra l’ex pesarese Nicole Gamba, che mercoledì era stata fantastica contro Novara. Purtroppo sbaglia la battuta e Scandicci è a più 3: 17-20. Tomsia fallisce l’attacco ed è più 4 esterno. Scandicci pareggia facilmente.

E altrettanto agevolmente vince il terzo set.

Le ragazze di Parisi, con Isabella Di Iulio in sestetto, non vogliono concedersi distrazioni e prendono il largo. La Lardini è ammirevole, ma le due squadre sono separate da 5-6 punti. E alla fine è un peccato che sia un errore di Melli a certificare il 17-25.

Busto Arsizio – Monza 3-0

Parziali: 25-23; 25-23; 25-18

Migliori realizzatrici: Bartsch 18, Diouf 15, Gennari 14. Ortolani 13, Havelkova 10.

Il primo set, dopo il più 4 di Busto, si gioca punto a punto, con Monza che spreca troppo e va sotto 24-22, chiude Michelle Bartsch.

Anche il secondo set è equilibrato, ma il vantaggio è sempre interno e le brianzole devono inseguire. Hancock impatta a16 con una seconda vincente. Arriva anche il sorpasso con muro di Devetag su Berti mal servita da Orro. Il servizio di Dixon mette in difficoltà l’Unet, Havelkova colpisce di prima intenzione: 16-18. Un video-check chiamato da Mencarelli riporta la parità a 18. Busto va sul 24-23, ma non chiude. Ci pensa ancora Bartsch con due punti consecutivi, mentre la Saugella non trova chi mette la palla a terra. Nel frangente, molto timida Havelkova.

L’entusiasmo delle ragazze di Mencarelli per il precedente set vinto, forse anche una Saugella demoralizzata, fanno sì che il terzo set sia a senso unico. Stufi mette a terra la fast del 24-17. Devetag cancella la prima palla match. Diouf non tentenna e, visti i primi due set, è un 3-0 incredibile.

Firenze – Legnano 3-0

Parziali: 25-19; 25-18; 25-22

Migliori realizzatrici: Santana 18, Tirozzi 13, Sorokaite 11, Alberti 10. Degradi 16.

Legnano – forzando il servizio – parte bene e guadagna alcune lunghezze. Firenze recupera e sorpassa (15-14), poi allunga definitivamente.

Le ragazze di Legnano, viste le condizioni, sono ammirevoli. Vanno sotto, ma non mollano. Però la differenza di valori è troppo netta e le fiorentine vanno sul 2-0.

Il Bisonte avanti bene anche nel terzo set, quando sale in cattedra Alice Degradi che, malgrado abbia un problema a un ginocchio, porta la Sab al sorpasso: 16-17. Legnano anche a più 3: 17-20. Entra anche Chiara Di Iulio. Muri di Santana e Miloš fissano il 20-21. Sorokaite sfrutta un bagher sbagliato da Cecchetto che le serve palla in posto 2 e sorpassa sul 23-22. Chiude Tirozzi.

La classifica

Conegliano 44

Novara 39

Scandicci 36

Busto Arsizio 32

Monza e Pesaro 25

Modena 24

Firenze 17

Casalmaggiore 14

Bergamo 13

Legnano 11

Filottrano 8

Prossimo turno

Sabato 27 gennaio, ore 20,30

Legnano – Busto Arsizio (diretta Rai Sport)

Casalmaggiore – Firenze

Domenica, ore 17

Scandicci – Pesaro

Monza – Conegliano

Bergamo – Novara

Modena – Filottrano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>