Rugby, conto alla rovescia al big-match Pesaro-Livorno. Domenica il Toti Patrignani ospita l’atteso duello al vertice

di 

13 febbraio 2018

Villarosa col caschettoPESARO – Countdown agli sgoccioli verso quell’appuntamento che da mesi è cerchiato in rosso sul calendario. Domenica 18 febbraio la Paspa Pesaro Rugby capolista della serie B affronta in casa Livorno seconda in classifica. E lo fa con una convinzione. Quella che, dopo 12 vittorie consecutive, un’eventuale 13esima con Livorno potrebbe imprimere una vigorosa spallata al campionato: «Non è una finale perché avremo altre nove battaglie dopo di questa – analizza il capitano dei kiwi giallorossi Carlo Villarosa – però è chiaro che, se vinciamo, facciamo uno dei passi avanti in classifica più importanti dell’anno e diamo un segnale forte a tutto il campionato».

Perché sono 6 i punti di vantaggio che la squadra di Mazzucato ha accumulato sui toscani, ma l’aspirare ad una 13esima vittoria si scontra con uno dei peggiori avversari fin qui incontrati e con le insidie di una sosta prolungata: «Ormai abbiamo preso l’abitudine a fermarci, ma mai come in questo caso la sosta è inopportuna – dice Villarosa – Perché togliere il ritmo dopo una partita così importante riempie questa gara di incognite. Di contro giocheremo una partita che si carica da solo a livello di motivazioni. Sappiamo cosa ci aspetta e ci faremo trovare pronti». Sull’avversario Villarosa dice come «sebbene all’andata il campionato fosse appena iniziato, quella vittoria a Livorno (finì 8-20 per i pesaresi, ndr) ci diede subito la percezione di aver portato a casa un risultato notevole». Previsione azzeccata: dopo i pesaresi nessuno ha più vinto a Livorno fino all’ultima giornata di campionato del 28 gennaio scorso. Quando I Medicei hanno espugnato Livorno obbligando i biancoverdi a presentarsi domenica a Pesaro gravati dalla seconda sconfitta stagionale. «In questo momento reputo I Medicei la squadra più in forma del campionato con un organico di giocatori che fa la spola fra l’Eccellenza e la Serie B – analizza Villarosa – Ecco perché non credo che la promozione in serie A sia un affare esclusivo fra noi e Livorno (I Medicei sono terzi a 3 punti da Livorno e a 9 da Pesaro). E comunque andrà con Livorno la strada sarà ancora lunga». Pesaro ha tenuto alto il ritmo-partita venerdì scorso nell’allenamento congiunto con Jesi che ha confermato come la squadra dovrebbe presentarsi con Livorno con l’unica defezione del lungodegente Rossano Fagnani.

L’appuntamento al Toti Patrignani è per domenica alle 14.30. Il big-match sarà curiosamente isolato tra una pausa e l’altra. Perché dopo Pesaro-Livorno, la serie B si fermerà per un’altra sosta in linea agli appuntamenti azzurri del Sei Nazioni. Pesaro tornerà in campo il 4 marzo, in trasferta con Bologna.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>