Volley A2, la Battistelli San Giovanni Marignano nella storia, la Coppa Italia è sua. La festa della Romagna e dello sponsor pesarese

di 

19 febbraio 2018

La Battistelli nella storia. Lo sponsor Otello Battistelli, abbronzatissimo, emozionato e felice (Foto Rubin:LVF)Battistelli S.Giovanni in Marignano – Lpm Bam Mondovì 3-1
Battistelli: Casillo 11, Bordignon ne, Battistoni 4 (2 muri), Markovic 13 (13/30), Zanette 25 (24/60), Saguatti 15 (14/38), Gibertini (L), Gray ne, Nasari ne, Sgarbossa ne, Giordano ne, Caneva 7 (3 muri). All. Saja
Lpm Bam: Bici 25 (24/65), Rivero 13, Mazzotti ne, Tonello 12 (4 muri), Demichelis 4, Sciolla ne, Biganzoli 12 (5 muri), Costamagna, Rolando (L), Rebora 8, Agostino, Camperi 2. All. Delmati
Parziali: 25-23; 24-26; 27-25; 25-18 in minuti
Arbitri: Fabio Bassan di Milano e Frederick Moratti di Frosinone
Note: spettatori 5.007. Mvp della finale è Elisa Zanette

Una grande gioia per lo sponsor pesarese

San Giovanni in Marignano, il piccolo comune romagnolo (non emiliano, per cortesia), e la Battistelli Compressori, sponsor pesarese di Morciola, nella storia della pallavolo femminile italiana. Ovazione, perché non ci piace la standing ovation (che lasciamo volentieri agli accoliti di Matteo Renzi, invitandoli a leggere l’intervista che Eugenio Finardi – se non lo conoscete, ci dispiace per voi – ha concesso oggi a Il Fatto Quotidiano), alla squadra di Stefano Saja, alle sue ragazze e a chi ha assemblato la squadra, partita con l’obiettivo salvezza e stasera a festeggiare una Coppa Italia che non è più un sogno, ma realtà!

Nell’ovazione è compresa la Lpm Bam Mondovì. Non è facile conquistare una finale, è più difficile tornare a casa da sconfitta, ma chi ama la pallavolo ha apprezzato, sta apprezzando e apprezzerà la vostra stagione.

Quando Zanette – votata Mvp, migliore giocatrice – mette a terra l’ultima palla, esplode la gioia della tifoseria e della squadra. Ci uniamo all’abbraccio, che estendiamo a Viola Tonello, ex giocatrice della myCicero Pesaro promossa in serie A1, vittima di un infortunio nel momento decisivo della finale, quando Mondovì aveva recuperato un divario che avrebbe annichilito squadre più esperte.

Elisa Zanette, Mvp della finale (Foto Rubin/LVF)

Elisa Zanette, Mvp della finale (Foto Rubin/LVF)

A proposito di ex pesaresi: tanti complimenti a Battistoni e Bordignon.

La Battistelli prima domina, poi rischia, ma Zanette non trema

1° set: la Battistelli inizia male con la battuta sbagliata di Markovic, Jessica Rivero segna il primo vero punto della gara: 0-2. . E’ di Zanette la prima risposta romagnola; la Battistelli pareggia a 2. E sorpassa con un ace di Zanette (4-3). I servizio dell’opposto mandano in tilt la ricezione piemontese: 6-3. Immediato time-out di Delmati. Si riprende con Agostino in difficoltà, Casillo ringrazia: 7-3.

Rebora interrompe il break. Ma un muro di Ilaria Battistoni consente alla Battistelli di doppiare le avversarie: 10-5. Markovic – ispirata – allarga il divario: 13-6. Secondo time-out di Mondovì.

Intanto anche LVF.TV trasmette la diretta, finora lasciata a repubblica.it. Una furbata per convogliare l’ascolto?

Battistoni gioca bene con le centrali e Caneva mette a terra il primo tempo per il 14-7. In luce un’altra ex pesarese, Viola Tonello: la sua fast accorcia (14-8), il suo servizio spinge il meno 4: 14-10 (due muri consecutivi fermano l’attacco romagnolo, uno su Zanette da parte di Rivero).

La Battistelli, però, non si ferma, anzi. In un amen è ancora sul più 6: 17-11. Strepitoso il punto di Giulia Saguatti in parallela da posto 4 dopo uno scambio infinito. Un’invasione scovata al videocheck toglie a San Giovanni il 18-11. Mondovì prende coraggio e torna a meno 3 (17-14) per un’incomprensione tra Battistoni, che alza una “B” e Casillo che s’aspetta di attaccare in fast. Time-out di Saja.

A togliere la Battistelli dal momento di difficoltà, una pipe sbagliata da Rivero. Una pipe di Saguatti è oro pur per la sua squadra: 19-14. Il servizio del capitano consente a Zanette di colpire di prima intenzione: 20-14. Casillo concede il bis su una difesa errata delle piemontesi: 21-14. Delmati manda in campo Rolando per Rivero in difficoltà nel giro dietro. Zanette fallisce il più 8.

Un ace di Rebora è seguito da un servizio imbarazzante: la palla finisce addirittura sotto la rete senza toccarla. Paste per le compagne alla ripresa degli allenamenti: 22-17.

La Battistelli ha un buon margine, ma Biganzoli mura Zanette e la Lpm Bam trova lo slancio per recuperare, passando dal 24-20 al meno 1 (24-23), con fast di Tonello, diagonale di Rivero (tornata sul taraflex) inizialmente giudicato fuori, ma dentro il campo, ed ace di Biganzoli. Zanette scaccia la paura ed è 25-23 e 1-0 per le romagnole.

Zanette 7, Saguatti e Markovic 4. Biganzoli, Tonello (2 muri) ed Rivero 4.

I tifosi romagnoli hanno seguito in massa le ragazze di Saja (Foto Rubin/Lvf)

I tifosi romagnoli hanno seguito in massa le ragazze di Saja (Foto Rubin/Lvf)

Fabris: “A2 cresciuta rispetto all’anno scorso”

Durante l’intervallo, il presidente della Lega, Mauro Fabris, esalta la serie A2: “Rispetto all’anno scorso, ha fatto un salto di qualità e il livello tecnico si è alzato molto. Un bel vedere”. E poi spera torni un progetto per riportare la serie A a Bologna. Magari pagando le giocatrici, i tecnici e tutti quelli che lavorano.

Che spreco la Battistelli: dal 24-22 al 24-26

2° set: la Lpm apre meglio (0-2), ma si prosegue nel più grande equilibrio, che Mondovì prova a spezzare: 6-8. La Battistelli non ci sta: 8 pari. Si procede a braccetto fino all’11 pari (fast di Caneva), poi primo vantaggio romagnolo: 12-11, parallela di Markovic. Controsorpasso monregalese: 12-13 (muro di Biganzoli). Nuovo più 2 Lpm: 13-15. Immediato pari a 15. E ancora a 16. Quindi avanti le ragazze di Saja: 17-16 (muro a 2 di Battistoni e Casillo su Rivero). Time-out di Delmati. Mani fuori di Rivero per la ritrovata parità. Camperi serve in rete, Rivero attacca male: 19-17. E secondo time-out dell’allenatore piemontese. Il suo sestetto lo ripaga pareggiando subito (due diagonali di Rivero).

La seconda vincente di Battistoni sorprende lo schieramento Lpm. Ancora parità a 20. Lo rompe una pipe di Zanette. San Giovanni se ne va: 23-20 (muro di Caneva, invasione di Bici). Bici toglie Battistoni dal servizio, insidioso per la ricezione piemontese. La Battistelli ha una freeball che attacca con Caneva, murata da Viola Tonello: 23-22. Time-out di Saja.

Costamagna serve in rete, 2 palle set per la Battistelli. Agostino sala la Lpm su muro romagnolo, Biganzoli la ripaga. Zanette attacca per chiudere, ma la sua diagonale è ben difesa e Tonello capitalizza: 24 pari. Secondo time-out di Saja.

Mondovì – caricata dal recupero – va avanti (errore di Zanette) e chiude con un’invasione di Battistoni messa in difficoltà dalla ricezione a sua volta in crisi sul bel servizio di Bici: 24-26.

Chi lo fa l’aspetti, vendetta Battistelli

Srna Markovic, austriaca e romagnola, protagonista di grandi giocate (Foto Rubin/LVF)

Srna Markovic, austriaca e romagnola, protagonista di grandi giocate (Foto Rubin/LVF)

3° set: come nei precedenti parziali, subiti 0-2 per la Lpm. Come nel secondo, le due squadre si fanno compagnia fino all’8 pari, quando c’è un mini break romagnolo. Chiuso subito dalle piemontesi, che tornano avanti con un ace di Tonello. Una difesa di Zanette e l’attacco vincente di Markovic e una gran pipe di Saguatti ribaltano il risultato: 16-13. Time-out di Delmati, arrabbiato con le sue ragazze.

Markovic spreca con un pallonetto che rimane impigliato nella rete e dal possibile più 4 si passa in un attimo alla parità a 16 (muro fuori di Bici). Rebora interrompe l’emozione servendo in rete. E’ tornata in partita Erblira Bici e i suoi punti si fanno sentire. Saguatti non trova il taraflex, lo fa Biganzoli, che però non valica la metà del campo: 19-18. Si rivede Rivero (diagonale). Battistoni torna a giocare al centro, Casillo finalizza il primo tempo, ma Bici è super in pipe. Sembra che le due finaliste si siano messe le manette: un punto tu, uno io. Ed è 21 pari. Rebora prova a toglierle murando Markovic: 21-22. Time-out di Saja, che si sincera anche delle condizioni di Markovic che sembra accusare qualche problema. La risposta è l’attacco della parità. Rotta da un bel primo tempo di Rebora. Serve Costamagna, la Battistelli non chiude, Bici è strepitosa dal posto 2: 22-24. Time-out di Saja.

Zanette accorcia, la difesa contiene l’attacco di Bici, Zanette pareggia. Viola Tonello dà il terzo setball. San Giovanni chiede il videocheck per un’invasione. Che non c’è. Bici in battuta, ma Zanette azzera la palla set e manda Markovic al servizio. La difesa romagnola tiene bene e Saguatti sfrutta, attaccando con decisione. Poi mura Tonello: 27-25. Chi la fa, l’aspetti, è la risposta della Battistelli al successo della Lpm nel set precedente. Bici 11, Zanette 8.

Zanette chiude un set segnato dall’infortunio di Tonello

Una fast di Viola Tonello, sfortunatissima nel quarto set (Foto Rubin/LVF)

Una fast di Viola Tonello, sfortunatissima nel quarto set (Foto Rubin/LVF)

4° set: lo apre Zanette e la Battistelli prova a scappare con Markovic: 6-3. Subito dopo è 9-4 (errore di Bici su una diagonale strettissima). Time-out di Delmati ricco di rimproveri a Rebora in particolare (sulle scelte di muro) e in generale a tutte le altre (sugli errori). Ma Battistoni allunga la serie al servizio con un ace (servizio corto davanti al posto 5). Arriva anche l’11-4 con la parallela di Markovic che giustamente Marco Gaspari giudica molto difficile. L’ex coach di Modena che magari può sembrare antipatico (lo pensavamo, in verità), si è dimostrato eccellente commentatore e divulgatore arricchendo la telecronaca. Complimenti!

Con la spalle al muro, sotto di 7 punti, la Lpm è obbligata a reagire. Lo fa difendendo e murando. Sull’11-7, Saja ferma il gioco, ma non arresta la vena avversaria. Il controbreak è clamoroso, ma nell’azione dell’11-10 (Bici vince una palla contesa), si fa male Viola Tonello, che resta sul taraflex e deve essere soccorsa dallo staff medico. Trasportata a braccia fuori campo fra gli applausi d’incoraggiamento del pubblico, accusa un problema al ginocchio sinistro. Mondovì accusa il colpo e la Battistelli va sul 13-10. Si vede Camperi, sostituta della centrale genovese ex myCicero. Ma le romagnole insistono: 16-11. Brave le monregalesi a replicare: 17-14. Saguatti, vero capitano muove il tabellone con il suo 14° punto. Un’invasione di Markovic è un regalo alla Lpm. L’austriaca si riscatta un’azione dopo con una bella diagonale: 19-15. Ma che brava Bici da posto 4 con un attacco che taglia la difesa romagnola! E’ una grande sfida tra i posti 2. Mondovì non molla, malgrado lo choc per l’infortunio della compagna: 19-17. Markovic sorprende con un pallonetto che fa urlare il suo allenatore. Caneva “fotografa” Bici e San Giovanni s’avvicina al traguardo.

Ilaria Battistoni, la fanese della Battistelli S. Giovanni in M.: alzate, battute e muri per una vittoria esaltante (Foto Rubin/LVF)

Ilaria Battistoni, la fanese della Battistelli S. Giovanni in M.: alzate, battute e muri per una vittoria esaltante (Foto Rubin/LVF)

Le battute di Battistoni fanno saltare le certezze della ricezione avversaria e Bici attacca fuori: 22-17. Zanette sorprende il libero avversario siglando il 23-17. Ancora palla a Bici, la Lpm è tutta l’albanese. Markovic è respinta dal muro che però termina fuori: 24-18 e 6 palle Coppa Italia. Il muro-difesa contiene Bici e Zanette manda la Romagna in paradiso: 25-18.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>