“Old Time Show”, al via il salone dedicato alla motorizzazione d’epoca a Forlì

di 

2 marzo 2018

FORLI’- “OLD TIME SHOW”, tutto pronto all’Ente Fiera di Forlì per la 15esima edizione, che da domani 3 marzo a domenica 4, sarà come sempre il fulcro per gli appassionati dell’affascinante mondo dei veicoli storici. Organizzata in collaborazione con l’ASI – Automotoclub Storico Italiano – con la cura del Crame – Club Romagnolo Auto Moto d’Epoca – e il Club Velocifero di Rimini, la kermesse forlivese si conferma a ogni edizione una fra le più importanti manifestazioni nazionali del settore, quest’anno sfidando anche il meteo e l’importante appuntamento elettorale.

Il punto di forza di Old Time Show sono da sempre le tematiche delle due e quattro ruote, che costituiscono una sorta di Museo sulla motorizzazione d’epoca, che viene arricchito e completato dalla mostra scambio di veicoli e ricambi, oltre a editoria, memorabilia e accessori. Per l’appuntamento 2018, per le quattro ruote la tematica sarà la storia dell’“Abarth dalle origini a oggi”, mentre per le moto saranno le “175 cc. nel turismo e nelle corse”. Si potranno ammirare i modelli creati e quelli trasformati dal genio di Carl Abarth, austriaco di nascita, poi naturalizzato italiano. Una storia che per molti versi ha diverse analogie con quella senz’altro più risonante di Enzo Ferrari, lunga e affascinante difficile da riassumere in poche righe.

Abarth, classe 1908, è prima meccanico e successivamente collaudatore e pilota di moto, nel frattempo costruisce la sua prima motocicletta da corsa e corre anche come pilota ufficiale DKW. Dopo essere emigrato in Jugoslavia, nel ’45 raggiunge il padre a Merano, ottiene la cittadinanza “diventando” Carlo. Amico di Ferry Porsche, collabora con la Cisitalia, fabbrica torinese dell’ambizioso imprenditore Piero Dusio, a sua volta vicina alla Porsche. Fallita la Cisitalia, Abarth viene liquidato con alcune auto che fa correre con piloti del calibro di Nuvolari e Taruffi. Nel frattempo le sue doti di tecnico ed allo stesso tempo vulcanico imprenditore, lo portano a creare dei kit per trasformare le auto da stradali a bolidi da corsa, fondando a Torino la fabbrica che porta il suo nome, con l’arrivo della 600 e della 500 Fiat, inizia l’epopea del marchio dello “Scorpione”… suo segno zodiacale. Molti dei nostri padri sono diventati “piloti” trasformando le due utilitarie che hanno caratterizzato il boom economico italiano, con le marmitte, le coppe dell’olio, carburatori ed altri particolari meccanici, che permettevano velocità e riprese da brivido. L’avvocato Agnelli e l’allora amministratore Valletta intuirono la potenzialità tecnica e la validità dell’operazione di marketing che poteva offrire Abarth, decidendo di “concedergli” delle 600 e 500 che trasformate interamente nella factory di corso Marche, potevano essere vendute direttamente dall’Abarth con il proprio nome affiancato a quello della Fiat. Le piccole “bombe” di Abarth iniziano a trionfare nelle competizioni nazionali ed internazionali, ottenendo anche dei Record di velocità che portano il marchio dello Scorpione ad una notorietà e fatturati importanti. Mentre continua la collaborazione con la Fiat sui diversi modelli prodotti, Abarth diventa costruttore di Gran Turismo e Prototipi, che porteranno un palmares di vittorie e risultati da fare “invidia” al Cavallino di Maranello, per l’esattezza lo “Scorpione” conta più di 7.000 vittorie fra assolute, di categoria e di classe per cilindrata.

Nel 1971 Abarth decide di cedere il proprio marchio alla Fiat, che ancora oggi ne identifica la sportività di alcuni modelli. Una storia ricca di fascino, romanticismo e genialità nella quale è possibile immergersi visitando l’OLD TIME SHOW di Forlì. Intrigante anche la tematica motociclistica di questa edizione dedicata come detto alle “175 da Turismo e da Corsa”, dove anche i marchi che hanno dato e sono prestigio ed orgoglio di Pesaro, Benelli e Motobì, avranno un ruolo importante, rappresentate da alcuni modelli che hanno fatto la storia delle corse, quelle di un tempo uniche e irripetibili, che ti coinvolgono e ti appassionano come tutto il mondo dei veicoli storici del quale l’OLD TIME SHOW di Forlì è un raffinato testimone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>