Domani a Palazzo Montani si presenta “Cagli nel Seicento”, il nuovo quaderno di “Studi Pesaresi” a cura di Elisabetta Costantini

di 

6 marzo 2018

PESARO – Mercoledì 7 marzo alle ore 17,30 nell’auditorium  di palazzo Montani (piazza Antaldi, 2 – Pesaro) Bonita Cleri presenta Cagli nel Seicento – Anton Francesco Berardi e il suo palazzo di Elisabetta Costantini, quaderno n. 2 di “Studi pesaresi”.

Il nuovo quaderno di “Studi pesaresi” prende in esame un pregevole palazzo secentesco e un’importante famiglia di Cagli. L’indagine, nata da una tesi di laurea, mette a fuoco aspetti innovativi e fin qui poco noti: le vicende edificatorie del palazzo stesso; il sottile e coltissimo gioco semantico degli affreschi, che non sono mera decorazione ma simboli di un più vasto e interiorizzato contesto culturale; la preziosa biblioteca del suo principale committente; le accademie che vi ebbero sede.

28767552_2065665023473640_846627736_o 2Lontana dai grandi centri, ma posta sull’asse viario che collegava Roma alla valle del Metauro e alla Romagna, la città di Cagli nel XVII secolo si rivela così un luogo tutt’altro che appartato, per nulla ignaro delle grandi correnti del pensiero contemporaneo.

Bonita Cleri, docente di Storia dell’arte moderna e di altri insegnamenti all’Università di Urbino, ha fatto parte della redazione della rivista “Notizie da palazzo Albani”. Oltre a essere autrice di molteplici saggi e articoli, ha partecipato e organizzato numerosi convegni (per es. sugli Zuccari, sul Barocci, su fra’ Carnevale e la cultura urbinate del XV secolo). È membro della redazione di “Studi pesaresi” e della rivista “Atti e studi” dell’Accademia Raffaello; presidente del centro studi “G. Mazzini” di Fermignano, ne dirige le collane editoriali “La valle dorata” e “La via lattea”; ha inoltre fondato e dirige la rivista semestrale “Arte marchigiana”.

Elisabetta Costantini ha dedicato la sua tesi di laurea in Conservazione dei Beni culturali ad Anton Francesco Berardi e al suo palazzo, avendo Bonita Cleri come relatrice. Da quella tesi sono nati alcuni articoli, apparsi su “Pesaro città e contà” nel 2008 e su “Notizie da palazzo Albani” nel 2009, e oggi l’attuale volume.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>