La “bomba fanese” è stata fatta esplodere questa mattina a quattro chilometri dalla costa

di 

19 marzo 2018

427338_CfakepathIMG20180319111543_ralfFANO – Alle 11.15 di oggi è stata fatta brillare la “famigerata” bomba al largo della costa fanese. L’ordigno di fabbricazione inglese risalente alla seconda guerra mondiale era stato trovato in zona Sassonia lo scorso 13 marzo quando fu accidentalmente innescato dalle ruspe dei cantieri di viale Ruggeri.

Questa mattina, ovvero sei giorni dopo il ritrovamento e la susseguente maxi-evacuazione cittadina per garantire la sicurezza nel trasporto dell’ordigno in mare, il residuato bellico è stato fatto esplodere a quattro chilometri dal litorale. Dapprima si è fatta detonare una microcarica per allontanare i pesci ed evitare un danno al patrimonio ittico, poi l’esplosione definitiva grazie all’operazione di artificieri e personale subacqueo della marina militare.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>