MotoGP: Addio, Lugano bella

 Massimiliano Garavini e Maurizio Bruscolini*

O dolce terra mia. Forse, una volta. Attualmente è fonte di guai. Nostri informatori nell’ambiente, che desiderano rimanere anonimi, riferiscono che ieri le autorità italiane abbiano acquisito documenti comprovanti i movimenti di denaro tra una società che farebbe riferimento a IRTA a Losanna e alcuni team impegnati nel motomondiale.

immagine_0_9947847Da quanto in nostro possesso sembra che la Guardia di Finanza italiana, in una complessa operazione di contrasto all’evasione fiscale, abbia deciso anche di far comparire manager e dirigenti perché spieghino i rapporti economici esistenti tra IRTA e squadre. Oggetto di indagine sarebbe il denaro che IRTA paga ai team, sotto forma di “premi”, che in determinati casi non sarebbe stato regolarmente fatturato da questi ultimi. L’ipotesi che si configura è di evasione fiscale. A quanto si apprende il periodo preso in esame andrebbe dal 2011 al 2016: i team con sede in Italia oggetto d’indagine dovranno quindi dimostrare di non aver compiuto operazioni di esterovestizione o di elusione. Secondo le nostre fonti, IRTA riceve dal promoter del motomondiale i contributi che poi redistribuisce ai team: l’ipotesi di reato su cui stanno lavorando le autorità è che alcuni pagamenti effettuati da IRTA a beneficio di società italiane affiliate non siano stati fatturati correttamente, perché sarebbero stati fatti transitare su conti esteri, senza venir poi dichiarati al fisco. Queste le informazioni in nostro possesso, in attesa di sviluppi che si annunciano, a questo punto, imprevedibili. Impossibile conoscere il numero dei team coinvolti, anche se pare accertato che non ci si limiti a rilevare singoli episodi, quanto piuttosto a dimostrare una sistematica violazione delle normative fiscali da parte di alcuni soggetti.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>