Formula 1, dall’Australia il semaforo verde sul Mondiale 2018

di 

23 marzo 2018

Hamilton dominatore delle libere

Hamilton dominatore delle libere

MELBOURNE (Australia)- Semaforo verde per il Mondiale F.1, all’Albert Park di Melbourne con la disputa delle due sessioni di prove libere è iniziato il Campionato 2018.  I primi responsi cronometrici dicono ancora una volta Lewis Hamilton e Mercedes, l’accoppiata anglo-tedesca riparte con i favori del pronostico, anche se il venerdì è sempre un giorno interlocutorio, ancor più quando si parla della prima gara dell’anno. Comunque Hamilton e la W09, si confermano i due pretendenti al titolo più accreditati, il campione in carica, unico a scendere sotto 1’ 24”, ha subito sfruttato le doti della nuova arma che la casa tedesca gli ha fornito per inseguire il quinto titolo mondiale per lui, ed il quarto consecutivo per la Stella d’ Argento regina incontrastata dell’era “ibrida”.

Alle spalle del binomio titolato, troviamo Max Verstappen con una Red Bull subito performante, il turbolento olandesino è chiuso a sandwich, tra le due Mercedes, infatti Bottas lo segue a pochi millesimi. Tutta da decifrare la Ferrari, con Raikkonen quarto, sempre davanti a Vettel, quinto a mezzo secondo da Hamilton. Vedremo domani come si comporterà la SF71H, quando il responso cronometrico inizierà a contare. Vettel ha dichiarato di non essersi trovato subito a suo agio con il bilanciamento della vettura, ma apportate le giuste correzioni si è detto fiducioso per le qualifiche e per la gara, mettendo comunque le mani avanti il tedesco del Cavallino ha aggiunto-che siamo alla prima gara e abbiamo tante soluzioni già pronte da testare per essere performanti ad ogni round del 2018, concludendo che non c’è da preoccuparsi siamo tutti molto vicini-. Quello iniziato all’Abert Park si preannuncia come un campionato interessante, con l’accoppiata Hamilton- Mercedes lassù sul “trono”, una Ferrari chiamata dopo la semi- resurrezione dello scorso anno, ad una prova d’appello che sa di ultima spiaggia, ed una Red Bull, che svegliatasi tardi la scorsa stagione, sembra essere partita fin dai test di Barcellona, con il piede giusto per guastare la festa ad entrambi i favoriti.

Kimi Raikkonen, quarto nelle libere

Kimi Raikkonen, quarto nelle libere

A rimescolare le carte ci sono come sempre le gomme, con le due nuove mescole che Pirelli ha presentato a Barcellona, “Hypersoft” banda rosa e  “Superhard” banda blu. Altro elemento importante per tutti i team è la riduzione delle Power Unit, dalle quattro dello scorso anno alle tre del 2018, con l’arretramento in griglia di cinque posizioni ad ogni sostituzione dopo le regolamentari. In un campionato allungato a 21 gare, vuol dire sette gare a motore, compreso ERS, MG-U e K, una regola che mette a dura prova i tecnici impegnati a dover trovare il non facile equilibrio tra la sempre necessaria ricerca di cavalli e la fondamentale affidabilità, elementi contrastanti ma decisivi per il risultato finale. Tornando ai primi verdetti della pista da segnalare l’ottima prestazione della Haas-Ferrari, sesta con Grosjean e ottava con Magnussen, il team americano conferma le buone performance dimostrate nei test pre-campionato. Anche la McLaren motorizzata Renault, dopo la negativa esperienza Honda, sembra poter risorgere, anche se Alonso, settimo e Vandoorne decimo, hanno patito diversi problemi anche oggi.

Chi al momento sembra aver mantenuto la “posizione” è la Sauber, Ericsson 19esimo e il debuttante Leclerc 20esimo, l’unica novità per il team elvetico sembra essere al momento solo la risonante “sponsorizzazione” Alfa Romeo. Concludiamo con la “novità” per gli appassionati, rigorosamente virgolettata, ci riferiamo all’ esclusiva programmazione di SKY, che comporta un sacrificio economico diciamo abbastanza rilevante per chi vuole seguire la F.1, che può diventare scoraggiante per chi si vuole avvicinare al “Circus” della F.1. Ci permettiamo alcuni consigli per i nostri lettori, primo rivolgersi al Club “ufficiale” Ferrari di Pesaro, dove con la tessera di socio sportivo, al modico prezzo di un caffè a gara, si può vivere la F.1 e la Moto GP, nell’ ambiente “giusto”, secondo uno dei tanti bar o circoli che hanno il pacchetto motori, … altrimenti le cronache di PU24.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>