Red Bull chiama Zarco

di 

2 aprile 2018

Johann Zarco

Johann Zarco

Massimiliano Garavini e Maurizio Bruscolini

Una fonte autorevole – che desidera rimanere anonima – ci ha informati che la Red Bull è fortemente orientata a non lasciarsi scappare Johann Zarco, senza precludersi alcuna strada. Il francese, pezzo pregiato del mercato piloti, ancora non ha sciolto la riserva sul 2019.

Durante la preseason non è certo sfuggito l’interessamento di Pit Beirer, patron di KTM, nei confronti di Zarco; recentemente anche Hervé Poncharal, boss di Tech3, ha ribadito il concetto in un’intervista a speedweek.com: “Ho detto a Johann di preferire KTM, perché hanno più bisogno di lui rispetto a quanto ne avrebbero in Honda. E stanno crescendo molto. Io sono convinto che presto KTM sarà uno dei concorrenti più competitivi in MotoGP. Il progetto è appena iniziato, eppure il motore austriaco è già abbastanza potente e affidabile. Intendono crescere in MotoGP e quando KTM e Red Bull fanno qualcosa assieme, diventa un successo. E’ stato così in ogni categoria, vedo molta determinazione”.

Red Bull logoL’elemento nuovo è che, stando a quanto ci risulta, Red Bull avrebbe le idee chiare per non perdere un pilota strategico: KTM va bene, ma non va scartata l’ipotesi Honda. L’obiettivo, a questo punto, è che il francese resti nell’orbita dei riders supportati dal potente produttore di energy drink, senza che ceda a lusinghe che potrebbero avvicinarlo a pericolosi concorrenti.

Vale la pena ricordare che non si tratta solo di mercato piloti della MotoGP, ma anche di equilibri tra main sponsor; il peso di Red Bull, in tutto il motorsport, è importante. Non solo in ambito motociclistico. Ecco perché la notizia del possibile intervento diretto della multinazionale austriaca nei confronti del pilota diventa particolarmente significativo; gli austriaci hanno la possibilità di agevolare la carriera di un protagonista della MotoGP, mettendo sul piatto un’alternativa allo scenario sin qui più accreditato: continuare con Tech3 passando in KTM.

L’ipotesi di vedere Johann Zarco in Honda, a fianco di Marc Marquez, appare quindi sempre più credibile. Non sfuggono infatti le dichiarazioni di Dietrich Mateschitz, proprietario di Red Bull e grande appassionato di moto, che a commento della prestazione in gara a Losail di KTM ha ammesso che il progetto della Casa austriaca ha bisogno di almeno due anni prima di diventare vincente. Tradotto: non sono ancora pronti.

Le nostre fonti parlano apertamente della possibilità che, attraverso Red Bull, si possa combinare il matrimonio dell’anno (prossimo) Zarco-HRC. Alla luce di questi fatti le parole di Johann Zarco, pronunciate subito dopo il Qatar, assumono un significato diverso: “Mi aspetto che le prime tre gare decidano per il mio futuro, dopo aver appreso qualcosa di più sulle prestazioni dei motori. L’assetto del team sarà importante per me, prima di decidere sul futuro. Vedo molte opzioni e attualmente il trasferimento in Honda è come un sogno per me. Sarebbe fantastico avere Marquez come compagno di squadra”. Red Bull potrebbe rendere il sogno realtà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>