A Tongeren (Belgio) l’Unione Taekwondo Italia batte il Burian 3-0

di 

4 aprile 2018

165In occasione della 35° edizione dell’International Open di Taekwondo che si svolge a Tongeren, Belgio, le scuole del gruppo Unione Taekwondo Italia si sono allenate per confrontarsi con atleti di tutto il mondo.

Il fulcro della trasferta diventa presto l’ingombrante presenza di Burian che accompagna il gruppo già dalle 6:30 del mattino quando fa bloccare completamente le autostrade da Cattolica a Bologna obbligando il gruppo a prendere il treno. Giunti a Rimini, il ritardo accumulato supera la mezz’ora a causa di un guasto ma la soluzione spunta a un binario di distanza dove, con una bella corsa, i 20 pesaresi riescono a prendere un altro treno. Il margine per arrivare puntuali inizia a scarseggiare, ma a pochi minuti dall’arrivo, Burian gioca la sua carta decisiva: volo cancellato.

Dopo aver avuto la conferma in aeroporto dell’impossibilità di partire in giornata e dopo aver escluso la possibilità di raggiungere Bruxelles in treno, l’ultimo tentativo è quello di valutare soluzioni alternative: il gruppo dovrebbe partire per metà da Roma e per metà da Pisa, il giorno successivo. Il compromesso a cui scendere per la partecipazione a questa gara inizia a diventare eccessivo e solo in 7 si dirigono verso l’aeroporto toscano.

Il mattino dopo Burian sembra ormai sconfitto e i due maestri Merino Girometti e Federico Zazzaroni riescono ad atterrare puntuali con i loro allievi. La gara è ormai iniziata da diverse ore ma tutti riescono a svolgere la gara prevista nella loro categoria riportando non solo applausi e ottimi piazzamenti ma anche due medaglie d’oro grazie alle performances del maestro Zazzaroni e di Marzia Paolini. L’Open di Taekwondo però non è ancora terminato e il giorno dopo si sale sul quadrato per affrontare le gare di combattimento. Per i ragazzi UTKDI il travaglio del viaggio non può essere una scusa ma piuttosto un forte pretesto per non risparmiare neanche un centesimo delle ultime energie; così, uno dopo l’altro, ognuno affronta al meglio la propria gara conquistando: l’oro di Mattia Focarini e il bronzo di Nicola de Martino, Marzia Paolini e Matteo Baldelli.

Stanchi e soddisfatti, si torna in Italia, si riprende il taxi, il treno e l’auto e ancora con la valigia in mano si torna in palestra. Così UTKDI vince contro il Burian 3-0, dimostrando che chi ha una passione abbastanza forte, supera qualsiasi come.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>