Guardia Costiera, l’Operazione Mare Sicuro 2018 è cominciata con una richiesta di soccorso dalla falesia del San Bartolo e col recupero di una carcassa di delfino

di 

21 giugno 2018

PESARO – L’Operazione Mare Sicuro della Guardia Costiera è iniziata lo scorso fine settimana e a Pesaro, dove l’estate è già partita, gli interventi degli uomini della Capitaneria sono stati già numerosi.

Ieri l’equipaggio della motovedetta dedicata al soccorso in mare CP 872, è stato impegnato nel recupero di due persone rimaste bloccate sulle rive del monte S. Bartolo avvenuto con la collaborazione di diportisti, anche questa volta i due malcapitati poi portati in salvo nel porto di Pesaro, dopo la discesa verso il mare non erano riusciti a risalire la falesia naturale e quindi si è reso necessario l’intervento via mare della Guardia Costiera.

La Capitaneria di porto fa sapere che la richiesta di soccorso è giunta alla sala operativa alle 20.55 e come tali interventi possano rivelarsi insidiosi per la morfologia del territorio costiero in quel tratto di mare e quanto sia necessario intervenire prima possibile per operare con visibilità ideale e quindi prima del tramonto, al riguardo la Capitaneria raccomanda di non praticare discese verso il mare diverse da quelle consentite e sensibilizza gli operatori turistici economici del San Bartolo di informare adeguatamente tutta l’utenza.

872 s.bartolo guardi costieraOggi è stata invece effettuata un’ esercitazione complessa di ricerca e soccorso in mare in cui si testavano le capacità operative degli uomini e dei mezzi della Guardia Costiera chiamati a fronteggiare in qualsiasi condizione meteorologica ogni tipo di emergenza  per la salvaguardia della vita umana in mare; proprio durante le procedure di addestramento è stata segnalata la presenza di una carcassa di  delfino, avvistata nei pressi delle scogliere davanti alla nota località di Fiorenzuola, al riguardo sono state attivate le procedure per il recupero in sicurezza che dovranno avvenire quando  le condizioni di sicurezza lo permetteranno, per poi valutare  gli accertamenti con il locale Servizio Veterinario e il Centro Cetacei di Riccione.

La Guardia Costiera di Pesaro infine ricorda massima prudenza a tutti i fruitori del mare e di segnalare le emergenze con tempestività al numero 1530.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>