Con James Blackmon Jr la Vuelle chiude col botto: il commento

James Blackmon Jr (foto tratta dalla pagina Fb della Vuelle)

James Blackmon Jr (foto tratta dalla pagina Fb della Vuelle)

PESARO – Si finisce col botto. La Vuelle infatti completa il suo roster ingaggiando James Blackmon Jr. 23enne guardia di 192 cm, che nella scorsa stagione ha giocato in G-League con le maglie dei Delaware 87ers e dei Wisconsin Herd, dopo non essere stato scelto nel draft del 2017, anche se ha provato diverse volte a strappare un contratto non garantito in Nba, nella Summer League conclusasi qualche settimana fa, ha giocato per i Milwaukee Bucks e in quella occasione è stato visionato da Stefano Cioppi, che lo ha ritenuto un giocatore adatto al nostro campionato e al panorama europeo.

Che tipo di giocatore è James Blackmon jr.?

Shooter, realizzatore, tiratore, chiamatelo come volete, ma la qualità principale di Blackmon è quella di far canestro spesso e volentieri, da qualsiasi mattonella del parquet, a cominciare da quelle oltre la linea dei 6.75, con una percentuale da tre superiore al 40%, ma anche da quelle dentro l’arco può produrre punti, con un arresto e tiro stilisticamente ineccepibile e una buona propensione anche ad attaccare il ferro, specialmente dal lato destro del parquet per sfruttare la sua mano forte, riuscendo anche ad assorbire i contatti grazie ad una fisicità notevole, che gli permette anche di rendersi utile in fase di rimbalzo difensivo, per partire poi in contropiede, che finalizza o andando direttamente a canestro, o fermandosi sulla linea dei tre punti, per tirare in solitaria. Essendo più un tiratore che un penetratore, non è una guardia che subirà dieci falli a partita, ma dalla lunetta ha una percentuale superiore all’85% che fa ben sperare e per qualche minuto potrebbe fare anche il playmaker, o meglio il traghettatore del pallone da una parte all’altra del campo, sfruttando un buon ball handling, anche se non ha proprio l’anima del regista e gli piace più avere il pallone tra le mani che distribuirlo ai compagni.

In fase difensiva, può marcare sia i play che le guardie avversarie con discreta efficacia, pur non eccellendo in questo fondamentale e soffrendo gli esterni molto veloci e dotati di un buon primo passo, mentre qualche pallone sulle linee di passaggio lo può far suo, anche se non è proprio un Arsenio Lupin in fatto di recuperi. Concludendo, Blackmon è una guardia realizzatrice di buon livello e dal ventello facile ogni domenica, gli unici dubbi riguardano la sua tenuta fisica, avendo già avuto un paio di infortuni al ginocchio ai tempi del college, che lo hanno tenuto fuori per parecchi mesi e probabilmente fuori anche dai roster delle squadre Nba, perché aveva tutte le qualità per essere scelto al secondo giro, ma probabilmente negli States, non si sono fidati al 100% delle sua ginocchia.

James Blackmon è il secondo atto ufficioso della sinergia con Milano, dato che il giocatore è già stato opzionato dall’Armani per la prossima stagione, “Connection” che ha portato in dote anche McCree, consentendo alla Vuelle di portare a casa due giocatori dagli ingaggi proibitivi per le casse biancorosse, adesso per completare il roster, manca solo il decimo, che proverrà dal settore juniores, anche se si spera di ripetere la stessa operazione che ha consentito di prendere Luca Conti, cercando di ottenere un 20enne italiano in prestito da una big.

VICTORIA LIBERTAS PESARO 2018-19

QUINTETTO PANCHINA

PLAYMAKER ARTIS (nuovo) MONALDI (confermato)

GUARDIA BLACKMON (nuovo) juniores italiano

ALA PICCOLA MURRAY (nuovo) CONTI (nuovo)

ALA GRANDE MCCREE (nuovo) ZANOTTI (nuovo)

CENTRO MOCKEVICIUS (nuovo) ANCELLOTTI (confermato)

COACH MASSIMO GALLI (confermato)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>