In Cammino verso Finisterre, da Santiago ad Alto da Pena in meravigliosa solitudine: il racconto del Cammino di Luciano Murgia

Ecco il quindicesimo capitolo del diario di Luciano Murgia a cui abbiamo chiesto di raccontare il Cammino di Santiago (rileggi la presentazionel’arrivo in Spagnaprima tappaseconda tappaterza tappaquarta tappaquinta tappasesta tappasettima tappaottava tappanona tappadecima tappaundicesima tappadodicesima tappa e tredicesima tappa).

ALTO DA PENA (Galizia – Spagna) – Da Santiago de Compostela a Finisterre (Fisterra il nome corretto in Galicia) sono circa 90 km. Le guide invitano a dividerli in quattro tappe. Ma sabato sera Santiago de Compostela ospiterà la finale della Supercoppa di Spagna di pallacanestro (semifinali venerdì) e l’ACB, Asociación Clubs de Baloncesto, mi ha accreditato, regalandomi una bella occasione per vedere squadre di alto livello, ma anche per salutare amici giornalisti e qualche allenatore. Così ho programmato di arrivare a Finisterre venerdì pomeriggio, vedere il tramonto del sole a Cabo do Mundo, anche se è annunciata pioggia, e tornare sabato a Santiago de Compostela. Vedremo.

Intanto, oggi sono arrivato ad Alto da Pena, all’omonimo albergue gestito da Manuel, che parla italiano, e signora.

Trenta chilometri in meravigliosa solitudine. A parte qualche Buen Camino, le uniche parole le ho scambiate con il gestore di un bar per chiedergli un panino vegetariano.

Scrivere il diario – usando un telefono – non è stato agevole, anzi, e ha tolto tempo al riposo. Con tre tappe lunghe, mi sarebbe impossibile scrivere. Così Da oggi a Finisterre proverò a raccontarvi le tre tappe con le immagini.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>