Marche Nord al fianco delle donne del carcere di Villa Fastiggi. Prosegue la collaborazione tra ospedale e penitenziario

di 

17 ottobre 2018

PESARO – Non si ferma il progetto “Un cuore per le donne” nato dalla collaborazione tra il carcere di Villa Fastiggi e la Direzione Generale dell’azienda ospedaliera Marche Nord per la Senologia di Fano. I detenuti della casa circondariale, uomini e donne, nel loro laboratorio di sartoria confezionano cuscini e tracolline destinati alle pazienti operate al seno: i cuscini, tutti a forma di cuore, sono usati dalle donne sottoposte a chirurgia maggiore della mammella come supporto da posizionare sotto l’ascella per proteggere le parti coinvolte durante la convalescenza; le tracolline, invece, sono il contenitore “discreto” del sistema di drenaggio post operatorio. Due ausili in grado di offrire maggiore confort alle pazienti operate al seno quando lasciano l’ospedale, difficilmente reperibili sul mercato.

Ma questa è solo una parte del progetto, oramai giunto al suo secondo anno di attività. Mentre i detenuti realizzano manufatti nel laboratorio sartoriale guidato abilmente dall’associazione AED (Associazione Evangelica Detenuti), dall’altra gli specialisti ospedalieri, ogni anno, si recano in carcere per effettuare visite alle detenute e alle dipendenti del carcere. Nei prossimi giorni il primario della Senologia Dr. Cesare Magalotti, insieme all’infermiera coordinatrice Nathalie Choulet, la Case Manager Fabiola Rumeni e la collega Elisabeht Pastor Ruiz, saranno a disposizione di tutte le donne del carcere per il consueto controllo annuale.

“La Direzione Generale ha abbracciato questo progetto – spiega Nicola Nardella, Responsabile della Direzione Medica di Presidio – in quanto il nostro interesse prioritario è tutelare la salute. Spesso nel momento della detenzione la cura di sé e del proprio stato di salute passa in secondo piano. Ed è proprio su questo aspetto che abbiamo voluto agire: il nostro obiettivo è anticipare la malattia, curabile quando la diagnosti è precoce, garantendo a tutte le donne dell’istituto controlli annuali”. Non solo: proprio questa mattina, mercoledì 17 ottobre, la Direzione Aziendale ha consegnato alle detenute due nuove macchine da cucire da destinare al laboratorio di sartoria, macchine acquistate da Marche Nord grazie alle donazioni delle stesse pazienti della Senologia. “Quando consegniamo alle donne operate al seno il cuscino e la tracollina – ha spiegato Fabiola Rumeni – raccontiamo la storia di questi manufatti, raccontiamo che a confezionare i presidi sono proprio le donne e gli uomini della Casa circondariale. E molte pazienti, nel corso del tempo, come forma di ringraziamento hanno voluto fare delle piccole donazioni, donazioni che abbiamo usato per acquistare due nuove macchine da cucire”.

I numeri della Senologia – La struttura di Senologia/Breast Unit, operativa dalla metà di giugno del 2016, solo nel 2017 ha effettuato 690 interventi per patologia mammaria, e nei primi nove mesi del 2018 circa 570 in pazienti provenienti per il 49% da fuori provincia. “Questi cuscini e tracolline – ha precisato Cesare Magalotti – superano i confini della nostra provincia e regione proprio perché le nostre pazienti vengono da tutta Italia”. Infine l’attività ambulatoriale della Senologia è stata pari, dalla metà del 2016, a 2000 accessi tra prime visite, controlli e medicazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nelle foto alcuni momenti della conferenza stampa e della consegna delle macchine da cucire
Hanno partecipato:
– il Dr. Cesare Magalotti – Direttore della Senologia di Marche Nord
– il Dr. Nicola Nardella – Responsabile della Direzione Medica di Presidio
– la Direttrice del Carcere Armanda Rossi
– Maria Giangreco dell’Associazione AED
– Fabiola Rumeni – Case Manager della Senologia di Marche Nord

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>