Il pergolese Sbrollini conquista la vittoria nella 46^ Cronoscalata della Castellana

di 

27 ottobre 2018

Aldo Iacucci

ORVIETO – Lo scorso 21 e 22 Ottobre si è svolta ad Orvieto la 46ma edizione della Cronoscalata della Castellana; penultimo appuntamento di TIVM (Trofeo Italiano Velocità Montagna), che ha visto ben 178 piloti impegnati allo start; tra i quali il nostro pergolese Sbrollini.

L’insidioso percorso lungo 6190 metri, con una pendenza media del 4,69% e con ben 45 tornate; ospita questa “classica” delle salite sin dal 1966, il quale ha visto percorrere le proprie curve da diversi nomi importanti dell’automobilismo del passato, come Ignazio Giunti, Riccardo Patrese, Giorgio Pianta, Sandro Munari, Marku Alen e Walter Rohrl, solo per citarne alcuni.

Lo spettacolo per il pubblico non è affatto mancato, sin dalla giornata di sabato – solitamente dedicata alle due manche di prova – in cui tutti i “drivers” hanno potuto “prendere le misure” al tecnico percorso, il quale richiede precisione di guida ed ottimi assetti, date le numerose curve e spostamenti di carico in rapida successione.

Il nostro Sbrollini, ad una settimana di distanza dal FIA Hillclimb Masters di Gubbio, in cui aveva lamentato problemi alla scatola dello sterzo che, di fatto, ne avevano limitato la prestazione; dopo una settimana di duro lavoro da parte del team per risolvere il guasto, è sceso “in campo”, facendo dapprima segnare un timing di tutto rispetto nelle prove del sabato e sbaragliando poi con due ottime prestazioni in gara 1 e gara 2 (domenica) la concorrenza, conquistando cosi la vittoria assoluta di Gruppo E1 Italia con un crono complessivo di 6’39”880 e, niente meno, la decima piazza assoluta della gara (vinta da Michele Fattorini su Osella FA30 Zytek), togliendosi anche la soddisfazione di “mettersi”  alle spalle vetture sport-prototipo (es. Osella), formula (es. Lola) e GT (es. Ferrari).

Lo stesso Marco a fine gara ci ha confidato: “Certo, sarebbe stato meglio chiudere cosi una gara di Campionato Italiano (ride ndr), ma dopo tutto sono comunque soddisfatto della corsa. Mi serviva sia come banco di prova per testare l’affidabilità della vettura dopo il FIA Masters e sia per riacquistare la fiducia nel mezzo prima della pausa invernale, che, dopo una stagione sofferta a causa delle noie meccaniche avute, ha ripagato l’impegno dei miei ragazzi durante quest’anno. È sempre bello chiudere la stagione con una vittoria, poi essere anche nella top 10 assoluta è proprio una bella soddisfazione!!”.

Ora quindi non ci resta che attendere “in rampa di lancio” il 2019, per una nuova stagione di cronoscalate che senz’altro sapranno regalarci come sempre nuove emozioni ed in cui, soprattutto, sarà nuovamente protagonista il nostro Sbrollini, che cercherà di “bissare” la vittoria di Campionato Italiano già conquistata nel 2017.

LE FOTO DI ALDO IACUCCI:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>