Legge di Bilancio, Arrigoni (Lega): a 51 comuni pesaresi 2.730.000 euro per messa in sicurezza di scuole, strade e edifici

di 

15 gennaio 2019

Paolo Arrigoni

Paolo Arrigoni

ROMA – “È di ben 11.290.000 il totale dei contributi che arriverà nelle Marche grazie al Governo e che sarà destinato a tutti i 213 comuni della regione sotto i 20mila abitanti. Si tratta di una misura che ci rende particolarmente orgogliosi, perché parliamo di cifre importanti per un bilancio comunale che possono finalmente essere utilizzate per far ripartire gli investimenti sui territori”.

Lo comunicano il Senatore Paolo Arrigoni, Questore a Palazzo Madama e Responsabile della Lega Marche, e i parlamentari marchigiani della Lega Giorgia Latini, Tullio Patassini, Luca Paolini e Giuliano Pazzaglini in merito al Decreto firmato giovedì scorso dal Ministero dell’Interno relativo ai 400 milioni di euro che la Legge di Bilancio ha messo a disposizione dei piccoli e medi comuni per investimenti sulla messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e del patrimonio comunale.

Nel dettaglio 2.280.000 euro saranno suddivisi tra 41 comuni della provincia di Ancona, con Castelfidardo, Chiaravalle e Loreto che riceveranno 100.000 euro a testa; 9 comuni tra 5mila e 10mila abitanti saranno invece destinatari di un contributo di 70.000 euro; 19 comuni tra 2mila e 5mila abitanti avranno 50.000 euro per le opere pubbliche e 10, al di sotto dei 2mila, ne riceveranno 40.000. Allo stesso modo 2.730.000 euro spettano a 51 Comuni della provincia di Pesaro-Urbino, con Vallefoglia, Mondolfo e Colli al Metauro che insieme al Capoluogo si vedranno riconosciuti 100.000, mentre a 10 comuni saranno riconosciuti 70.000 euro a testa, 50.000 a 15 e 40.000 a 22.

Sarà però la provincia di Macerata ad essere premiata dall’importo maggiore con 2.810.000 euro per 52 Comuni tra cui Tolentino, Potenza Picena, Corridonia, Porto Recanati, San Severino Marche, Cingoli e Morrovalle che, superando i 10mila abitanti, hanno diritto a 100.000 euro a testa; 10 Comuni rientrano poi nella seconda fascia tra 5mila e 10mila abitanti; 7 nella terza tra 2mila e 5mila e ben 28 comuni, che sono sotto i 2mila abitanti, riceveranno 40mila euro a testa.

Nel sud delle Marche a 31 Comuni della provincia di Ascoli Piceno arriveranno 1.610.000 euro e a 38 di quella di Fermo 1.860.000. Sant’Elpidio a Mare, Grottammare, Porto San Giorgio, Montegranaro, Monteprandone sono i più grandi; Palmiano, con circa 180 abitanti, il più piccolo.

Negli ultimi anni in particolare i piccoli comuni sono stati dimenticati dai governi a guida PD e ci si è ricordati di loro solo quando sono stati utilizzati come fondi di cassa per garantire la stabilità del Paese in Europa”, commentano i parlamentari leghisti. “Con questo provvedimento, oltre che con la conferma dello sblocco degli avanzi di amministrazione, il Governo e la Lega vogliono imprimere una netta inversione di marcia; ed i 3,8 milioni che nelle Marche sono destinati ai comuni sotto ai 2mila abitanti, fino a Monte Cavalo nel maceratese, sono lì a dimostrarlo”.

A maggior ragione in questa regione che ha vissuto il dramma del terremoto è doveroso e più che mai opportuno ripartire da quegli enti e ascoltare quegli amministratori che più di ogni altra figura istituzionale hanno lavorato e lavorano ogni giorno a stretto contatto con i propri concittadini”, concludono Arrigoni, Pazzaglini, Latini, Patassini e Paolini. “

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>