Basket, le Final Eight di Coppa Italia sotto la lente di Pu24. Ecco le partite e i pronostici

di 

14 febbraio 2019

TORINO VINCE COPPA ITALIA

Torino alza al cielo la Coppa Italia 2018

PESARO – Il basket italico sta forse attraversando uno dei momenti più critici della sua storia, ma per un weekend si farà bello agli occhi del suo pubblico, nascondendo sotto il tappeto tutto il marciume delle ultime settimane, il caso Nunnally, il caso Brienza, la lotta intestina tra Fip e Legabasket, società che pagano gli stipendi con mesi di ritardo, tanto i lodi diventano esecutivi solo nel campionato successivo, società che pagano gli stipendi quando si ricordano, giusto per essere in regola con i contributi e tasse federali, perché alla fine è quello che interessa a chi governa il nostro basket, società dove il presidente è esule in qualche isola mediterranea e pretende ancora di comandare, società che sono anni che non riescono a tirare fuori un giocatore per la Nazionale, visto che l’unica faccia nuova è il 28enne Moraschini.

Ma va bene così, ci trasferiamo tutti a Firenze, per celebrare il punto più alto della stagione, quelle Final Eight che vedranno protagoniste le prime otto formazioni al termine del girone d’andata, che anche quest’anno si svolgeranno nel capoluogo toscano, scelta giusta dal punto di vista logistico, anche se la formula andrebbe ammodernata, con quelle partite alle 18 del giovedì e venerdì, che non possono attirare spettatori né al palazzetto, né davanti alla Tv, ma con tante squadre impegnate nelle coppe europee, non sarebbe facile trovare spazio per quarti di finale da giocarsi subito dopo la quindicesima giornata, in modo da far fare un incasso in più a quattro squadre e snellire le finali, con sole 4 partecipanti, in tre partite da giocarsi al sabato e alla domenica, oltretutto si giocherà un mese dopo la qualificazione, con parecchie formazioni che hanno cambiato il proprio roster, ma ormai l’equità sportiva è un concetto astruso e superato, e se ne deve prendere atto.

L’anno scorso la Coppa Italia fu vinta a sorpresa da Torino, che poi da lì in avanti, non fu più in grado di rimanere nella parte sinistra della classifica, tanto che ad oggi ha gli stessi punti della Vuelle, perché il bello di giocare tre partite secche in quattro giorni è che non sempre la più forte vince, e le sorprese sono sempre dietro l’angolo, Negli ultimi anni, quando in una competizione c’è Milano, non può che essere la logica favorita, ma anche all’Armani può capitare una serata storta e tutte le altre sette formazioni, pur partendo da outsider, possono comunque portarsi a casa una Coppa Italia, certamente più facile da vincere dello scudetto, e che per le tifoserie coinvolte rappresenta il momento clou della stagione, con quei pullman o quelle macchinate che fanno muovere migliaia di persone e ogni riferimento ai tempi in cui da Pesaro ci si muoveva in massa per andare a Forlì o Bologna, non è puramente casuale.

Si comincia oggi pomeriggio, con due quarti di finale, sette partite che saranno trasmesse in diretta integrale da Eurosport, mentre vederle tutte su Raisport è più complicato, data la concomitanza con i mondiali di sci, ma c’è il salvagente dello streaming su Raiplay. Come tradizione, ogni volta che non è coinvolta la Vuelle, ci divertiamo a fare i nostri pronostici, sicuri di sbagliarli, ma negli ultimi anni non siamo andati malissimo, ecco il tabellone delle partite:

FINAL EIGHT DI COPPA ITALIA

MANDELA FORUM DI FIRENZE – DA GIOVEDI’ 14 A DOMENICA 17 FEBBRAIO:

QUARTI DI FINALE:

GARA 1: GIOVEDI’ 14 – ORE 18.00: VANOLI CREMONA – OPENJOB METIS VARESE

GARA 2: GIOVEDI’ 14 – ORE 21.00: EX ARMANI EXCHANGE MILANO – SEGAFREDO BOLOGNA

GARA 3: VENERDI’ 15 – ORE 18.00: UMANA VENEZIA – BANCO DI SARDEGNA SASSARI

GARA 4: VENERDI’ 15 – ORE 20.45: SIDIGAS AVELLINO – HAPPY CASA BRINDISI

SEMIFINALI:

SABATO 16 – ORE 18.00: VINCENTE GARA 1 – VINCENTE GARA 2

SABATO 16 – ORE 20.45: VINCENTE GARA 3 – VINCENTE GARA 4

FINALE:

DOMENICA 17 FEBBRAIO – ORE 18.00

 

VANOLI CREMONA – OPENOBMETIS VARESE: Derby lombardo tra due delle soprese stagionali, in un quarto di finale equilibrato ed aperto ad ogni pronostico, con la Vanoli di coach Sacchetti che proverà a fare più strada possibile, sotto la guida esperta di Travis Diener, che la Coppa l’ha già vinta, sfruttando l’atletismo dell’australiano Mathiang, la precisione balistica di Aldridge e Ruzzier, la versatilità di Crawford e Stojanovic e la velocità di Saunders e Tre Demps.

Ma anche Varese, sotto la guida di una vecchia volpe come Attilio Caja, può giocarsi le sue chances di arrivare in semifinale, con quelle difese preparate alla perfezione, che non permettono alle avversarie di esprimere tutte le loro qualità, un attacco che sembra sempre in balia del cronometro, ma che invece lo sfrutta per preparare il miglior tiro possibile, per una Open Job Metis che non ha una vera e propria stella, ma che proprio per questo, può tirare fuori un protagonista diverso ad ogni partita.

IL PRONOSTICO DI PU24.IT: La Vanoli ha forse più talento individuale rispetto a Varese, ma l’Open Job Metis sembra più squadra e alla fine, potrebbe riuscire a superare Cremona al fotofinish, in una partita che si risolverà in volata, con pochissimi punti di differenza sul tabellone alla sirena finale, Cremona 45%- Varese 55%

 

EX ARMANI EXCHANGE MILANO – SEGAFREDO BOLOGNA: Dovrebbe rientrare Tarczewski, ma l’Armani è ancora alle prese con tanti infortunati, col dubbio Nedovic, ma Milano sembra comunque in un buon momento di forma, con Della Valle e Fontecchio protagonisti ritrovati, ma alla fine, in una partita secca, sono i campioni a poter fare la differenza e quando hai tra le proprie fila, uno del calibro di Mika James, puoi ritenerti fortunato, a patto che coach Pianigiani riesca a tenere alto il livello di concentrazione di un’Armani che fin da ottobre, ha la qualificazione ai playoff di Eurolega come obiettivo primario.

Bologna finora si è espressa a corrente alternata, troppo discontinua per poter salire in classifica fino ai vertici, anche se la Virtus di talento ne ha nel proprio roster, da Martin a Kravic, da Taylor a M’Baye, anche se l’ago della bilancia rimane il rendimento di Pietro Aradori, che non sta vivendo un grandissimo momento di forma.

IL PRONOSTICO DI PU24.IT: Milano è la nostra favorita per la conquista della Coppa Italia e questa Virtus non ci sembra in grado di impensierirla più di tanto, anche se avrà al suo seguito il pubblico più numeroso, che potrebbe trascinare la partita fino all’ultimo quarto, dove il roster infinito dell’Armani dovrebbe comunque fare la differenza: Milano 80% – Bologna 20%.

 

UMANA VENEZIA – BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Le dimissioni di coach Esposito hanno sicuramente scombussolato i piani di Sassari, anche perché sono arrivate a sorpresa, e Vincenzino è uno di quegli allenatori che lasciano il segno all’interno di una squadra, con la sua personalità forte e la sua capacità di avere un rapporto diretto, specialmente con gli americani, ma al suo posto è arrivato un coach altrettanto ingombrante, anzi ancora di più, perché Pozzecco è un maestro nel motivare l’ambiente, e il Banco di Sardegna rimane una buonissima squadra, con il giusto mix di talento ed esperienza, anche se per sperare di passare il turno, dovrà trovare un Polonara migliore di quello visto ultimamente e sfruttare al meglio le qualità di un centro dominante come Cooley.                                                                                                                        Venezia non sta attraversando un gran momento di forma, pur se rimane una squadra costruita per arrivare fino in fondo in ogni competizione, Coppa Italia compresa, dove coach De Raffaele dovrà trovare il modo di far convivere giocatori dotati di talento individuale, ma restii a giocare coi compagni, e ogni riferimento ad Austin Daye non è puramente casuale, l’Umana dovrà affidarsi alla classe di Stone e Haynes per riprendere il discorso con la vittoria, interrotto da Trento domenica scorsa.

IL PRONOSTICO DI PU24.IT: Ad uscirne vincitrice, sarà la squadra che riuscirà a superare un momento di forma non proprio altissimo, con Sassari che potrebbe cavalcare l’onda dell’entusiasmo dell’arrivo di Pozzecco sulla propria panchina, mentre Venezia punterà a tenere il ritmo sotto controllo, per arrivare più lucida all’ultimo quarto, ci giochiamo il jolly: Venezia 40% – Sassari 60%

 

SIDIGAS AVELLINO – HAPPY CASA BRINIDISI: l’Happy Casa è, insieme a Milano, la squadra più in forma del momento, reduce da cinque vittorie consecutive, che le hanno consentito di affiancare proprio Avellino, al terzo posto, merito del buon lavoro svolto da coach Vitucci, che lascia i suoi giocatori liberi di esprimersi al meglio in fase offensiva, dove sta viaggiando a quasi 100 punti di media, sfruttando il talento di Chappell e Banks, con la trovata di spostare Moraschini da play, che ha consentito al 26enne prodotto del vivaio Virtus. di conquistare un posto in Nazionale.

Avellino è una delle squadre più imprevedibili del campionato, capace di battere chiunque in una partita secca e anche per questo, potrebbe essere la mina vagante della competizione, grazie al talento indiscusso di Caleb Green e Keifer Sykes, miglior realizzatore del girone di ritorno, forse gli manca qualche chilo dentro l’area e l’assenza di Patrick Young potrebbe essere più grave del previsto, ma guai a sottovalutarla.

IL PRONOSTICO DI PU24.IT: E’ il quarto di finale più interessante, tra due delle formazioni più in forma, Avellino ha un roster più lungo ed esperto, ma Brindisi ha l’occasione di ripetere l’exploit compiuto 12 mesi fa da Torino e potrebbe anche portare a casa il primo trofeo importante della sua storia: Avellino 40% – Brindisi 60%.

SITUAZIONE IN CASA VUELLE

Vuelle ancora ko (foto Luca Toni tratta dalla pagina Fb della Vuelle)Ci saranno anche i dirigenti biancorossi a Firenze, ufficialmente per seguire l’avventura degli juniores nella Next Gen Cup, ma naturalmente, con tutti i procuratori presenti nella capitale toscana, ci sarà anche l’occasione di parlare di mercato, alla ricerca di quella tipologia di giocatore, che coach Boniciolli vorrebbe a sua disposizione il prima possibile, un esterno tiratore, con punti nelle mani e il fisico per non soccombere in fase difensiva, nel mirino di Stefano Cioppi, che aspetta con impazienza la conclusione del campionato australiano – la regular season finirà sabato 16 febbraio – ci sono parecchi nomi, per ritentare un colpo alla Rotnei Clarke, e si guarda con interesse anche alla situazione di Cantù, dove in caso di mancato passaggio di proprietà, ci sarebbe un fuggi fuggi generale, con diversi americani interessanti, in diversi ruoli, perché alla fine, al di là del ruolo, si sta cercando un giocatore capace di fare la differenza e di prendersi le sue responsabilità quando il pallone scotta, capacità che né Blackmon, né McCree sembrano possedere.

Oggi pomeriggio, la Vuelle, sponsorizzata Papalini, scenderà in campo alle ore 16.30 contro Pistoia, per la prima delle tre partite del girone F della Next Gen Cup, che la vedrà impegnata anche domattina alle 9.30 contro Trieste e domani pomeriggio alle 18.30 contro Cantù, per tentare di qualificarsi – passano le prime due – alle semifinali del sabato, con la finale che si svolgerà domenica alle 15, prima di quella dei grandi.

Anche per queste partite, la Papalini ha ottenuto il prestito di Tommaso Felici e Magave Seck, due lunghi che Pesaro non ha nel suo roster e che potrebbero dare una bella mano a coach Luminati, che può contare su Luca Conti e Federico Tognacci, leader di un gruppo che ha altri giocatori interessanti come Bonci, Centis ed Alessandrini, ragazzi che si allenano regolarmente con la prima squadra, non è stato convocato Shashkov, che coach Boniciolli ha voluto tenere con sé a Pesaro per gli allenamenti, soprattutto considerando che dalla prossima settimana non ci sarà Mockevicus, convocato dalla Lituania, col russo che dovrà giocare anche da centro, nelle tre amichevoli in programma.

Tutte le partite della Next Gen Cup si potranno seguire in streaming, sul sito della Legabasket e sulla pagina facebook della VL e della FIP.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>