La Pesaro Rugby batte Catania ed è salva con due turni d’anticipo. Le foto di Filippo Baioni dal Toti Patrignani

di 

8 aprile 2019

PESARO – Salva con due giornate di anticipo. La vittoria della Paspa Pesaro sul Catania per 25-20 ha il sapore dolce di chi sa che anche la prossima stagione resterà in questa categoria, in una serie A che i giallorossi hanno dimostrato di meritare, avendo la meglio sulla seconda in classifica. Un successo figlio di una partita giocata col coltello fra i denti, con quella voglia di urlare ai quattro venti che la sconfitta dell’andata non raccontava la giusta differenza fra le due squadre. Pesaro ha spinto in mischia come se non ci fosse un domani, piantando a terra i tacchetti come se volesse ancorarsi a questa serie A e da lì è nato un successo che ha annichilito i sogni siculi. Perché poi i trequarti pesaresi si sono divertiti come sempre con i trequarti e proprio dal connubio dei due reparti è nato un successo che vuol dire salvezza. Non a caso la prima meta è nata da Joubert che serve alla perfezione Antonelli che vede il buco e si fa un’intera metà campo avendo la meglio sugli avversari. Se Catania però occupa la seconda posizione e Pesaro ieri lottava ancora per salvarsi, era per il cinismo dei catanesi, bravi a punire ogni disattenzione pesarese. Non a caso i siculi trovano la prima meta rubando una mischia pesarese e sfruttando una superiorità al largo: Pesaro riparte pian piano, allunga con Joubert, ma poi si distrae di nuovo regalando la seconda meta al Catania con un pasticcio in area di meta. La precisione al calcio di Joubert però fa la differenza e prima dell’intervallo quasi da metà campo centra i pali per il 13-10.

Al rientro è sempre Joubert a dettare i ritmi del gioco e al primo minuto indovina un calcio alto molto insidioso, Catania manca la presa e allora Pesaro calcia avanti con Joubert che schiaccia per primo. Pesaro fugge sul 20-10, ma Catania con il suo mediano Giammario trova lo spazio giusto vicino la ruck per andare a segnare. Partita nuovamente riaperta e a questo punto viene fuori il carattere dei pesaresi. Pur con un uomo in meno, con il giallo dato a Solari, riescono prima a respingere l’offensiva catanese e poi ad andare in meta con Joubert che trova con un calcio delizioso Salvi all’ala che rompe un placcaggio e si tuffa in meta. E’ 25-17, Catania si avvicina con un piazzato ma poi nulla più, con i giallorossi a erigere un muro davanti la propria linea di meta. Di lì il Catania non passa, ma nemmeno la Pesaro rugby può tornare indietro con la prima storica salvezza in serie A.

Le foto di Filippo Baioni:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Paspa Pesaro vs Bingo Amatori Catania 25-20 (4-1)

Marcatori: pt 4′ m Antonelli tr Joubert (7-0), 8′ m Lucignano  (7-5), 12′ cp Joubert (10-5), 29′ m Virzì (10-10), 33′ cp Joubert (13-10) st 1′ m Joubert tr Joubert (20-10), 7′ m. Giammaria tr Madero (20-17), 22′ m Salvi (25-17), 30′ cp Madero (25-20)

Paspa Pesaro: Melegari (30′ st Panzieri), Nardini (23′ st Martinelli), Mokom, Erbolini, Salvi, Joubert, Fulvi Ugolini, Antonelli, Del Bianco, Villarosa, Campagnolo, Koolofai, Tripodo (8′ st Solari, 12′ st sost. temp. Leva), Sangiorgi, Maccan A disp. Pozzi, Jaouhari, Sanchioni,  Martinelli All. Mazzucato

Amatori Catania: Borina, Virzì, Sapuppo G, Camino, Lucignano, Madero, Giammario, Sapuppo S, Matuk, cosentino, Giustiolisi, Mammana, Florio, Hliwa, Ardito A disp. Mistretta, D’Aleo, Guglielmino, Giarlotta, Palmieri, Bognanni, Smiroldo, Mazzoleni All. Vittorio

Arbitro: Spadoni (Padova)

AA1: Iavarone (Perugia) AA2: Bevagna (Perugia)

Cartellini: giallo 11′ st Solari (Pesaro)

Calciatori: Joubert tr 2/3 cp 2/3 (Pesaro); Madero tr 1/3 cp 1/1 (Catania)

Note: giornata soleggiata, circa 500 spettatori.

Punti conquistati in classifica: Pesaro 4 Catania 1

Man of the Match: Sangiorgi (Pesaro)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>