Vis-Fano per l’orgoglio, la rivalità, ma soprattutto per la salvezza. Palla al centro al derbyssimo domenica alle 16.30

di 

13 aprile 2019

PESARO – Vis e Alma di fronte per la 99esima volta nella loro secolare storia, per la 72esima se si conteggiano i soli derby di campionato. Alle 16.30 fischio d’inizio su un derby da pienone. Già esauriti i biglietti di Prato e Laterale, domani i tifosi pesaresi confidano di esaurire anche la tribuna centrale al botteghino, mentre la controparte fanese avrà tempo fino alle 19 odierne per affollare il settore ospiti attraverso la prevendita obbligatoria.

In Vis-Fano da sempre contano la tradizione, l’orgoglio e la rivalità campanilistica. Non sempre ha contato la classifica. Questa volta la storia e le priorità si ribaltano: i punti in palio questa volta contano sopra ogni cosa considerando che la Vis è a due punti dai playout e a tre dalla retrocessione diretta. Il Fano nei playout c’è dentro mani e piedi, è a tre punti dalla Vis e dalla salvezza, ma ha anche nel Rimini appaiato il terrorizzante promemoria dell’ultimo posto che vale la retrocessione diretta. Insomma, punti pesanti come un macigno nei 90 minuti che inaugurano i 360 minuti che separano dal verdetto di fine campionato.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Leonardo Colucci presenta così la sfida: «Voglio una Vis che giochi con grande ardore cercando di farci un regalo e di farlo alla città – spiega l’allenatore della Vis Pesaro – Vogliamo trovare i tre punti inseguendo quel qualcosina in più che ti consenta di superare anche una sorte che ultimamente ci sta venendo un po’ contro. Ci sarà una cornice di pubblico stupenda, ma per come vedo il calcio i tifosi sono il nostro 12esimo uomo, ma siamo noi a dover essere bravi a trascinare il pubblico. Una partita come questa ti può dare le farfalle allo stomaco; bisognerà essere intensi, ma sereni e capire quanto sia bello giocare questo tipo di partite ed essere motivati ad inseguire un risultato che magari tra qualche anno racconteremo ai nipotini. Serve l’ardore di fare le cose per bene. Che non significherà per forza che porti a qualcosa di positivo, ma che intanto significa che non avremo rimpianti».

Sul Fano, Colucci dice come sia «una squadra con una precisa identità. Basata su una difesa granitica e votata a ripartire. Noi dovremo essere bravi a non prestare il fianco, avere l’acume tattico di non forzare la giocata e vivere le tre-quattro partite che si creeranno in questi 95 minuti. Dove dovremo essere bravi a capire quando accelerare e quando abbassare i battiti del cuore.  I ragazzi li ho visti carichi in settimana, ma mi interessa solo che siano carichi domani».

Sul fronte opposto, il tecnico del Fano Fabio Brini racconta come «durante la settimana tutti i ragazzi si sono allenati con grande impegno. Questo aspetto era quello che mi premeva e alla luce di quello che ho potuto vedere, dico che arriviamo pronti e concentrati a questo appuntamento. Mi è capitato spesso di giocare sfide così sentite e la cosa più importante è affrontare il derby senza una tensione eccessiva e a nervosismi che non sono utili a nessuno. Noi abbiamo bisogno di punti e domani cercheremo di conquistarli in ogni maniera. Però bisogna avere anche l’intelligenza giusta per affrontare questo tipo di partite».

Sulla Vis: «Al di là che sia reduce da una sconfitta, personalmente credo poco che la Vis sia una squadra in difficoltà. Perché se si va a rivedere le loro gare ci si rende conto che hanno sempre fatto delle prestazioni importanti. L’unica cosa che è mancata magari sono stati i risultati. Questa è un po’ la stessa situazione che stiamo vivendo noi ed è proprio per questo che domani dovremmo dare in campo quel qualcosa in più che ci consentirebbe un risultato positivo».

Nella Vis recuperati Botta, Rizzato e Flavio Lazzari, le indisponibilità restano quelle di Ivan, Diop, Balde, Gabbani, Rossoni e Romei. Nel Fano non ce la fa Andrea Lazzari al quale va aggiungersi al forfait di Magli. Le probabili formazioni:

VIS PESARO (3-4-1-2): Tomei; Pastor, Briganti, Gennari; Petrucci, Paoli, Botta Rizzato; Lazzari; Olcese, Guidone. All. Colucci

ALMA J. FANO (3-5-2): Sarr; Sosa, Celli, Konate; Vitturini, Tascone, Lulli, Selasi, Liviero; Scardina, Ferrante. All. Brini

ARBITRO: Carella di Bari

 Il programma della 35’giornata:

Domenica ore 14.30: Triestina – Fermana

Domenica ore 16.30: Vis Pesaro – Fano, Vicenza – Gubbio, Monza – Rimini, Pordenone – Teramo, Sambenedettese – Albinoleffe, Ternana – Sudtirol

Domenica ore 20.30: Renate – Giana Erminio, Virtus Verona – Ravenna

Lunedì ore 20.45: Imolese – FeralpiSalò

 Classifica:

Pordenone 65; Triestina, FeralpiSalò 58; Sudtirol, Imolese 54; Monza 51; Ravenna 50; Fermana 46; Vicenza 43; Sambenedettese 41; Teramo, Gubbio 39; Ternana 38; Albinoleffe, Vis Pesaro, Giana Erminio, Virtus Verona 37; Renate 35; Fano, Rimini 34

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>