Varotti (Confcommercio): “Bocca Trabaria, quante promesse non mantenute. Basta con gli inchini”

di 

26 aprile 2019

Amerigo Varotti*
Amerigo Varotti

Amerigo Varotti

PESARO – Il Passo di Bocca Trabaria è chiuso da marzo 2018. I danni per le imprese , il turismo , il commercio ed il mondo produttivo sono incalcolabili. Tra la chiusura del Passo e la trentennale farsa della Fano – Grosseto ( e quindi del traforo della Guinza ) una intera Comunità è stata costretta all’isolamento anche per la concomitante apertura della Quadrilatero che ha facilitato  gli spostamenti verso il sud della Regione.

Purtroppo abbiamo vissuto un anno fatto di promesse non mantenute.
L’ Anas prima aveva garantito l’apertura per l’estate 2018 , poi per novembre , poi per aprile ( certamente per le festività pasquali ) , poi per il 1° maggio. Ora viene garantito ( ci cediamo ?) per il 15 maggio.
Una presa in giro colossale per Amministratori , imprese e associazioni che hanno sollecitato , scritto , chiesto aiuto alla politica , incontrato l’ANAS … Ma la realtà è stata sempre un solenne schiaffo , una grande presa per i fondelli. I troppi inchini e salamelecchi all’Anas non hanno prodotto nulla se non la riconferma di uno strapotere inconcludente.
Probabilmente – una volta riattivata la circolazione e tolto dall’isolamento tutto l’Alto Metauro sarà il caso di aprire n contenzioso con l’ANAS per un equo risarcimento dei danni causati all’intera Comunità.
*Direttore Generale Confcommercio Pesaro e Urbino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>